Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

I consumatori e le imprese devono pagare di più per le emissioni di anidride carbonica

I consumatori e le imprese devono pagare di più per le emissioni di anidride carbonica

In futuro i consumatori e le imprese dell’Unione europea dovranno pagare più frequentemente le emissioni di anidride carbonica (CO2). I negoziatori del Parlamento dell’Unione europea e dei paesi hanno concordato domenica mattina presto di riformare lo scambio di emissioni nell’Unione europea, ha annunciato la presidenza ceca del Consiglio.

Ciò renderebbe significativamente più efficace lo strumento più importante della politica climatica europea. Inoltre, il New Climate Social Fund mira a mitigare le conseguenze della transizione energetica per i consumatori.

“Lo scambio di quote di emissione è la chiave per raggiungere i nostri obiettivi climatici”, ha affermato il membro del Parlamento europeo Peter Lyse (CDU), che ha guidato i negoziati per il parlamento. Il compromesso porta la protezione del clima, ma allo stesso tempo saranno protetti l’industria ei cittadini che non possono permettersi prezzi più alti. Tra le altre cose, il governo federale ha interrotto i negoziati, ma il compromesso alla fine ha avuto il sostegno di un’ampia maggioranza, ha affermato Lees.

Lo scambio di quote di emissione esistente deve essere inasprito

In particolare, i negoziatori hanno concordato di inasprire lo scambio di quote di emissione esistente nell’UE. Ad esempio, le aziende sono tenute ad acquistare certificati di inquinamento se emettono anidride carbonica. Ciò dovrebbe creare un incentivo a produrre meno anidride carbonica. Ora il numero di diritti di inquinamento verrà ridotto più rapidamente di quanto previsto in precedenza, in modo che le emissioni diminuiscano più rapidamente.

Inoltre, i certificati gratuiti per le aziende saranno gradualmente eliminati entro il 2034. Le aziende che non si sforzano di alimentare la trasmissione sono tenute a consegnare certificati gratuiti. “I peggiori inquinatori pagano di più e quelli che rimuovono il carbonio sono sovvenzionati”, ha detto il deputato dei Verdi Michael Bloss, che è stato coinvolto nei negoziati.

READ  La US Securities and Exchange Commission ha approvato un nuovo ETF che tiene traccia delle aziende che investono in Bitcoin (BTC)

Espansione dal 2027

Il sistema sarà inoltre esteso al riscaldamento degli edifici e dei trasporti dal 2027, sia per i consumatori che per le imprese. C’è però un “freno d’emergenza”: se i prezzi dell’energia sono particolarmente alti, il sistema può essere ritardato per non gravare troppo sui consumatori. In Germania, lo scambio di emissioni si applica già agli edifici e ai trasporti.

Inoltre, dovrebbe esserci un Fondo sociale per il clima dal 2026, che dovrebbe assorbire le spese aggiuntive per i consumatori dovute alla transizione energetica, come i maggiori costi di riscaldamento. Ciò ammonta a 86,7 miliardi di euro e sarà finanziato attraverso i proventi dello scambio di quote di emissione e in parte dagli Stati membri. Questo mira ad alleviare le famiglie e incoraggiare gli investimenti, ad esempio in edifici più efficienti o trasporti pubblici.

I progetti sono al centro del pacchetto “Fit for 55” della Commissione europea nell’estate 2021 per combattere il cambiamento climatico. Mira ad aiutare i paesi dell’UE a ridurre le emissioni di anidride carbonica del 55% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990 e diventare carbon neutral entro il 2050.

L’accordo deve ancora essere confermato dal Parlamento Ue e dagli stati, ma questa è considerata una formalità. (Dpa)

alla pagina iniziale