Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

I campeggiatori italiani lamentano “l’invasione” di giovani vacanzieri dalla Germania – “arrivati ​​dall’oggi al domani”

I campeggiatori italiani lamentano “l’invasione” di giovani vacanzieri dalla Germania – “arrivati ​​dall’oggi al domani”

  1. Pagina iniziale
  2. il mondo

Premere

Molti italiani affollano i campeggi del Lido di Spina per la pace e la tranquillità. Sei infastidito dall’installazione di un tour operator tedesco, ma loro sono contrari.

Comacchio – Non è insolito che i locali provenienti da destinazioni turistiche popolari come l’Italia, la Croazia o la Spagna si lamentino dei troppi turisti. Mentre migliaia di spagnoli sono scesi recentemente nelle strade di Maiorca per manifestare contro il turismo di massa, le città croate stanno inasprendo le misure per i vacanzieri. Una donna italiana sceglie ora una strada diversa: sfoga su Facebook la sua frustrazione per l'”invasione” di un campeggio a Lido di Spina da parte di un tour operator tedesco.

L’organizzatore tedesco “allaga” il campo in Italia: residente indignato su Facebook

La donna scrive il suo post il 30 giugno FacebookUn gruppo i cui contenuti ruotano interamente attorno al campeggio “Spina Camping Village” sulla costa adriatica italiana. La popolare destinazione turistica è nota per la sua pineta, un mix di tranquillità e svago e la lunga spiaggia sabbiosa. Ma come scrive ora l’italiano, molti residenti del campo hanno ricevuto notizie sorprendenti, che alcuni considerano amare.

“A nostra insaputa, è stato concluso un contratto decennale con un’azienda tedesca che ha riempito il nostro territorio con un grande magazzino”, scrive la donna. “100 giovani saranno ospitati nel campo per due mesi”, hanno aggiunto gli accademici. L’italiano ha condiviso le foto, che mostra, tra le altre cose, un palco e diverse tende. “Ci sono 36 tende sparse qua e là, una grande cucina e perfino un palco”, continua arrabbiato il residente del campo.

READ  Economia: l'Italia si aspetta una forte crescita economica
Molti italiani cercano pace e tranquillità nel campeggio al Lido di Spina, circondato da pinete. Ora si lamentano dell'”invasione” di un tour operator tedesco. ©IMAGO/Janke

Una donna italiana si lamenta dell’accordo del campeggio con Ruf Youth Trips – l’organizzatore parla di un cambiamento strutturale

Uno sguardo alle immagini mostra che il tour operator tedesco è “Rufe Jugendreisen”. Il tour operator giovani scrive sul sito anche che anche i ragazzi di 14 o 16 anni potranno prenotare una vacanza in campeggio al Lido di Spina nel 2024. In risposta ad una richiesta IPPEN.MEDIA “ruf Jugendreisen” ha scritto che il campeggio sta subendo un cambiamento strutturale, che in futuro attirerà altri gruppi target. “Si tratta sicuramente di un cambiamento per i campeggiatori di lunga data, ma questo cambiamento era in cantiere da molto tempo”, ha detto il tour operator.

L’italiano non era contento che durante i mesi estivi, trascorsi dieci anni nel campo, i giovani “cucinassero 200 salsicce e crauti contemporaneamente”. Recentemente un manager si è lamentato “Invasione” di turisti tedeschi in Portogallo.

“No peace”: campeggio estivo pieno di giovani in Italia – non tutti sono entusiasti

Non è altrettanto impressionata dal fatto che i vacanzieri del tour operator “si riversino nei bagni centrali”, che sono già in pessime condizioni. La maggior parte dei residenti ha scelto i campeggi in Italia “per la natura meravigliosa e la tranquillità”. La paura che sia finita può portare alla delusione e alla rabbia. Come con gli altri residenti, è evidente nei commenti.

Scrive una donna italiana che viene al Lido di Spina da dieci anni. Non avrebbe mai pensato di vivere una cosa del genere. “Sono venuti da noi durante la notte senza alcun preavviso. Hanno cominciato a scaricare chili di scatoloni e costruzioni varie… nessun sollievo», scrive la donna. Non sa come spiegare a suo figlio che la famiglia non verrà l’anno prossimo. “Sono amareggiato, deluso e mi sento derubato”, dice.

Il tour operator ignora le “voci negative” nel campeggio e garantisce il rispetto delle regole.

Lo conferma il tour operator IPPEN.MEDIA, i giovani dovrebbero anche “rispettare il buon riposo notturno, l’ordine e la pulizia”. Le guide turistiche sono a disposizione per garantire il rispetto delle normative applicabili. Il palco sarà rivolto anche verso il mare affinché “nessun rumore si diffonda verso i paesi vicini”. Inoltre, lo spettacolo sul palco è limitato a determinati orari. Finora non ci sono state “voci negative né lamentele” durante la costruzione del sito.

Un altro italiano, però, ha una visione diversa della situazione: ha trascorso lì 17 anni e ogni anno ha frequentato colonie di vacanze. “È un campo e ci sono regole e tempo libero per i giovani. Non ricordo nessuno che si sia lamentato”, scrive. (nbe)