Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Guerra mitteleuropea? Il conflitto balcanico minaccia di intensificarsi: ultimatum di 24 ore alla NATO

  • a partire dalAstrid Thiel

    Chiudere

Il conflitto di confine tra Kosovo e Serbia minaccia di intensificarsi. La Serbia mette le unità militari in allerta per il combattimento.

PRISTINA – La situazione al confine tra Kosovo* e Serbia* rischia di degenerare. I cittadini serbi del Kosovo hanno chiuso lì due valichi di frontiera per due settimane. Lo riferisce la TV di stato serba RTS. Dopo che l’unità speciale di polizia del Kosovo Rosso è stata schierata ai valichi di frontiera interessati, la Serbia ha messo in allerta per il combattimento le unità militari serbe di stanza vicino al confine. Anche la comunità internazionale è in allerta.

La tensione è sorta a causa di un regolamento del governo kosovaro di Pristina, secondo il quale non era più consentito l’uso di targhe automobilistiche provenienti dalla Serbia in Kosovo. È stato direttamente colpito da diverse migliaia di serbi kosovari nell’enclave serba intorno alla città di Kosovska Mitrovica nel Kosovo settentrionale, che utilizzano ancora veicoli con targa serba. La procedura si applica anche ai viaggiatori provenienti dalla Serbia. Secondo la nuova legge, queste targhe serbe devono essere sostituite da targhe temporanee del Kosovo alla frontiera.

Tensioni ai confini: il conflitto tra Kosovo e Serbia rischia di inasprirsi

Lo sfondo della controversia è il fatto che la Serbia, da parte sua, non riconosce le targhe che il Kosovo ha presentato dopo aver dichiarato l’indipendenza nel 2008. Il decreto deve essere visto come una reazione tardiva del governo di Pristina.

Il Kosovo si è separato dalla Serbia nel 2008. Tuttavia, il governo serbo non riconosce ancora l’indipendenza e considera il Kosovo una provincia separatista. In quanto alleata della Serbia, anche la Russia non riconosce l’indipendenza del Kosovo. Tuttavia, la maggior parte dei paesi occidentali, inclusi gli Stati Uniti, lo ha fatto.

READ  Nuova offensiva militare: la Turchia attacca obiettivi del PKK nel nord dell'Iraq

Una settimana fa, il Kosovo ha schierato l’Unità speciale di polizia russa ai valichi di frontiera di Yarenje e Prancak per far rispettare la normativa sulle targhe. Da allora, i manifestanti hanno bloccato le strade principali per Mitrovica. In risposta, il presidente serbo Aleksandar Vucic ha messo in allerta per il combattimento le unità militari serbe di stanza vicino al confine.

Unità militari serbe in allerta per il combattimento: aerei militari vicino al confine

Come annunciato dal ministero della Difesa serbo a Belgrado, Vucic ha preso questa decisione dopo la “provocazione” delle forze speciali in Kosovo. Aerei militari serbi hanno sorvolato più volte l’area vicino al confine con il Kosovo. Il presidente del Kosovo Vjjusa Osmani ha sospeso la sua visita alle Nazioni Unite a New York a causa degli sviluppi nel suo paese.

La NATO e l’Unione Europea sono preoccupate per gli eventi che stanno avvenendo al confine tra Serbia e Kosovo. Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg e il rappresentante per gli affari esteri dell’UE Josep Borrell hanno chiesto moderazione e distensione dalla Serbia e dal Kosovo. Sia la Serbia che il Kosovo dovranno risolvere i loro problemi attraverso i canali diplomatici. Lo hanno annunciato in dichiarazioni pubblicate domenica a Bruxelles. Borrell ha sottolineato la necessità di ritirare immediatamente le forze speciali di polizia. “Qualsiasi altra provocazione o azione unilaterale e scoordinata è inaccettabile”, ha affermato.

Nato e Ue in allerta: Vucic avrebbe lanciato un ultimatum

Stoltenberg ha annunciato su Twitter che il dialogo tra Belgrado e Pristina è importante. Ha parlato di persona con il presidente serbo e il primo ministro del Kosovo Albin Kurti domenica 26 settembre. Secondo le informazioni ricevute dalla società serba dei media Tangoj Si dice che Vucic abbia dato un ultimatum al segretario generale della NATO Stoltenberg.

READ  Conflitto in Medio Oriente: la Germania fornisce milioni di dollari in aiuti umanitari nella Striscia di Gaza - politica

Voleva “aspettare 24 ore” per vedere come avrebbe reagito la Nato se “ci fosse stato un massacro contro i serbi”. Inoltre, si dice che abbia detto: “Se il massacro contro il nostro popolo continua, la Serbia risponderà e non lo permetterà”. Secondo le informazioni ricevute da ARD Vucic avrebbe annunciato al segretario generale della Nato che sarebbe stato pronto al dialogo solo quando il Kosovo ritirerà le sue unità di polizia dal confine.

La fine del conflitto per il momento non è in vista: von der Leyen dovrebbe essere in Kosovo

Tuttavia, la situazione al momento non è in vista. Lunedì (27 settembre), un corrispondente dell’AFP ha riferito all’AFP che Belgrado aveva trasportato quattro veicoli blindati al confine con il Kosovo. La KFOR, guidata dalla NATO, ha annunciato a Pristina che sta monitorando da vicino la situazione al fine di “assicurare un ambiente sicuro e la libertà di movimento per tutti i gruppi di popolazione in Kosovo” in accordo con il suo mandato delle Nazioni Unite. Le pattuglie di routine della KFOR sono state rafforzate, anche nel nord del Kosovo.

Nella crisi interviene anche la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. L’arrivo in Kosovo è previsto per mercoledì. Le tensioni con la Serbia potrebbero diventare un problema anche al vertice dei capi di Stato e di governo dei Balcani del 6 ottobre. (dpa/afp/at) *Mercur.de è uno spettacolo di IPPEN.MEDIA

Immagine del titolo: © Mostra Kryeziu / dpa