Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Guerra in Ucraina: Mosca chiama “bugie” le notizie di centinaia di tombe nell’Izyum ucraino

MUskov ha negato le accuse ucraine su centinaia di tombe vicino alla città orientale di Izyum, definendole “bugie”. “Queste sono bugie. Ovviamente difenderemo la verità in questa storia”, ha detto lunedì il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. Secondo le autorità ucraine, più di 440 tombe e una fossa comune sono state scoperte dopo che le unità ucraine hanno ripreso il controllo del Regione di Izyum, da tempo occupata dalle forze russe.

Dall’inizio dell’intervento russo in Ucraina, la Russia ha ripetutamente negato di aver commesso atrocità lì. “È lo stesso scenario accaduto a Bucha”, ha detto Peskov lunedì, riferendosi a un’altra città ucraina vicino a Kiev, dove le unità russe sono state accusate di atrocità dopo la loro partenza.

Si dice che l’aviazione russa abbia perso quattro aerei da combattimento

Il Aeronautica russa Sotto crescente pressione nella guerra contro l’Ucraina, secondo le stime britanniche. Negli ultimi 10 giorni, la Russia ha apparentemente perso quattro aerei da combattimento e quindi un totale di 55 veicoli dall’inizio dell’offensiva alla fine di febbraio. Lo ha annunciato lunedì il ministero della Difesa a Londra, citando i risultati dell’intelligence.

Ha aggiunto che l’aumento delle vittime potrebbe essere dovuto in parte all’assunzione di maggiori rischi da parte dell’aviazione russa per fornire supporto a distanza ravvicinata alle forze di terra sotto la pressione dell’avanzata ucraina. A ciò si aggiunge la scarsa consapevolezza della situazione tra i piloti russi. Alcuni aerei sono entrati in zone di difesa aerea più dense a causa del fronte in rapido movimento sul territorio controllato dall’Ucraina.

Leggi anche

“La persistente mancanza di superiorità aerea della Russia rimane uno dei principali fattori alla base della fragilità del suo progetto operativo in Ucraina”, ha affermato il ministero.

READ  Tunisia: la marina trasporta 100 persone da una barca

Il ministero della Difesa britannico ha pubblicato quotidianamente informazioni sull’andamento della guerra dall’inizio della guerra di aggressione russa contro l’Ucraina alla fine dello scorso febbraio, citando informazioni di intelligence. Così facendo, il governo britannico vuole contrastare l’immagine russa e tenere gli alleati in disparte. Mosca accusa Londra di aver lanciato un’intensa campagna di disinformazione.

13 civili uccisi a Donetsk

In una città dell’Ucraina orientale controllata dai separatisti filorussi Donetsk Secondo il sindaco, 13 persone sono state uccise dal fuoco dell’artiglieria. Le vittime sono civili e due bambini sono tra i morti, ha scritto su Telegram il sindaco sostenuto dalla Russia Alexei Kolmsin. Non si conosce ancora il numero dei feriti. L’esercito ucraino era di stanza alla periferia di Donetsk. La città è stata ripetutamente bombardata negli ultimi mesi.

L’Ucraina segnala un attacco alla centrale nucleare di Pevdnokrazhinsk

L’Ucraina, nel frattempo, riporta il russo Attacchi alla centrale nucleare di Pvdnoukrainsk nel sud del paese. Tuttavia, tutti e tre i reattori della centrale nucleare non sono stati danneggiati e funzionano normalmente, ha affermato l’operatore statale Energoatum. La detonazione è avvenuta a 300 metri dai reattori. Gli edifici sono stati danneggiati e l’attacco ha causato danni anche a una vicina centrale idroelettrica.

DWO_AP_Ostukraine_Gebiete_1909-01

La situazione attuale in Ucraina

Fonte: Mondo Infografico

Nelle ultime settimane, i ripetuti bombardamenti della centrale nucleare di Zaporizhia occupata dai russi nell’Ucraina meridionale hanno suscitato grande preoccupazione a livello internazionale. Russia e Ucraina si sono incolpate a vicenda per l’attentato.

Zelenskyj annuncia un nuovo attacco

Nel frattempo, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha annunciato nuovi attacchi al territorio controllato dalla Russia in Ucraina. “Può sembrare ad alcuni di voi che dopo una serie di vittorie ci sia stato silenzio, ma non è silenzio”, ha detto domenica Zelensky nel suo discorso video quotidiano. Invece lo è Prepararsi per il prossimo attacco, il cui obiettivo è ripristinare Mariupol, Melitopol e Kherson è essere.

Secondo Zelensky, l’Ucraina non si concentrerà solo sulle aree che controllava prima dell’offensiva russa di febbraio. Il 44enne ha annunciato che anche le terre dei separatisti sostenuti da Mosca nell’est del Paese e le città della Crimea, annesse alla Russia dal 2014, sarebbero state restaurate, “perché tutta l’Ucraina dovrebbe essere libera”.

Dopo aver invaso l’Ucraina il 24 febbraio, la Russia ha occupato vaste aree nel sud e nell’est del paese. Attualmente, Mosca occupa ancora circa 125.000 chilometri quadrati, circa un quinto del territorio dell’Ucraina, compresa la Crimea.

Kiev respinge i negoziati come inutili

Kiev ha concluso i negoziati e l’incontro Dai presidenti russi Vladimir Putin e Zelensky In questa fase. “In breve, il processo negoziale stesso e l’incontro diretto tra i due presidenti non hanno significato al momento”, hanno affermato i media ucraini citando il consigliere per gli esteri del capo dell’ufficio presidenziale ucraino, Mykhailo Podolak.

Leggi anche

Il conflitto all’interno della NATO

Podoljak ha fornito tre ragioni per l’inutilità dei colloqui in questa fase. In primo luogo, la Russia tenterà di registrare e legittimare guadagni territoriali. In secondo luogo, il mantenimento dello status quo serve solo alla Russia come sbocco in modo che possa poi continuare gli attacchi alla nuova linea. E terzo, la Russia deve essere ritenuta responsabile per i crimini commessi sul suolo ucraino.

Pertanto, i negoziati possono aver luogo solo dopo il ritiro delle forze russe dal territorio ucraino. Podolcak ha affermato che il livello dei pagamenti delle riparazioni e dell’estradizione dei criminali di guerra potrebbe quindi essere negoziato. La Russia e l’Ucraina hanno negoziato un accordo di pace poco dopo l’invasione russa, ma non hanno raggiunto un accordo definitivo.

Testa a spiaggia per la possibilità di continuare l’attacco

Kiev trae la sua fiducia dalla sua recente offensiva nel nord del paese. La maggior parte della regione di Kharkiv è stata liberata. Forze russe costruite Un nuovo fronte sulla sponda orientale del fiume Uskell su, ma anche questa linea sembra fluttuare. Secondo le loro stesse dichiarazioni, l’esercito ucraino è stato in grado di attraversare le unità di truppe sul fiume e quindi formare un ponte a est.

“Da ieri, l’Ucraina ha anche preso il controllo della riva sinistra”.

Leggi anche

Più a lungo si trascina la guerra in Ucraina, maggiore sarà la pressione su Putin

Dopo le sconfitte militari

Nel loro contrattacco all’inizio di settembre, le forze ucraine nella regione di Kharkov sono avanzate fino a Oskil. Nella parte posteriore, le forze russe in ritirata stabilirono un nuovo fronte e respinsero diversi tentativi degli ucraini di attraversare il fiume. La costruzione di una testa di ponte sul lato orientale di Oskil sarà un importante risultato strategico per le forze ucraine. Ciò consentirà loro di continuare la loro offensiva verso la regione di Luhansk. I militari non hanno fornito alcuna informazione sulla posizione esatta dell’attraversamento del fiume.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Questa è la storia di un tedesco che ha lasciato la sua vita in Baviera per combattere per l’Ucraina. Vicino a lui – Podcast di reportage Iscriviti ora a spotifyE il Podcast di AppleE il Deezer o direttamente RSS Feed.