Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Guerra in Ucraina: Lavrov minaccia di attaccare le forniture di armi e avverte della terza guerra mondiale

Germania Guerra in Ucraina

Lavrov minaccia di attaccare le forniture di armi e avverte della terza guerra mondiale

“La più grande arma che la Russia ha è la paura”.

Il politico della difesa della CDU Serap Guler accoglie con favore l’annuncio del governo federale che i carri armati antiaerei Gibbard saranno consegnati in Ucraina. Guler chiede: “Ora devono essere presi ulteriori passi, come il carro Marder o il carro da battaglia principale Leopard 1”.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Il ministro degli Esteri russo Lavrov ha ripetutamente descritto la minaccia di una terza guerra mondiale come “reale”. La NATO è entrata in una “guerra con la Russia per delega”. Ha descritto le spedizioni di armi in Ucraina come un “obiettivo legittimo”.

DottIl ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha avvertito che il rischio di un conflitto nucleare “non deve essere sottovalutato”. Lavrov, in un’intervista alla televisione russa lunedì, ha accusato l’Ucraina di aver coinvolto la Nato nel conflitto e di aver rischiato di scatenare una terza guerra mondiale.

“Tutti cantano incantesimi che in nessun caso dovremmo permettere una terza guerra mondiale”, ha detto il ministro degli Esteri. Ma i paesi della NATO stanno “versando olio sul fuoco” con la consegna delle armi, che è un “legittimo obiettivo” della Russia. La NATO è entrata in una “guerra con la Russia tramite delegati” e sta armando questi delegati.

Lavrov avrebbe risposto alla visita del Segretario di Stato americano Anthony Blinken e del Segretario alla Difesa americano Lloyd Austin a Kiev domenica, durante la quale hanno promesso più di 300 milioni di dollari in ulteriori aiuti militari all’Ucraina. Blinken ha affermato lunedì che la Russia non sta raggiungendo i suoi obiettivi di guerra e che l’Ucraina si sta difendendo con successo. Austin ha detto che gli Stati Uniti volevano che l’Ucraina rimanesse una democrazia sovrana e che “la Russia è troppo debole per fare cose come invadere l’Ucraina”.

Leggi anche

Aiuto militare all’Ucraina

Apparentemente Lavrov ha risposto alla dichiarazione di Austin secondo cui la Russia “sente che l’Occidente vuole che l’Ucraina continui a combattere e che esaurisca ed esaurisca l’esercito russo e il complesso militare russo. È un’illusione”.

‘Da non sottovalutare’

E sulla minaccia di una guerra nucleare, Lavrov ha detto: “Non voglio gonfiare artificialmente questi rischi ora che questi rischi sono così grandi. Il pericolo è grave. È reale e non deve essere sottovalutato”.

Secondo il ministro degli Esteri di Kiev Dmytro Kuleba, la Russia è ora consapevole della sua sconfitta. Riferendosi alle dichiarazioni di Lavrov, ha affermato che la Russia sta perdendo la speranza di spaventare il mondo, e quindi ora parla del pericolo di una terza guerra mondiale. “Significa solo che Mosca si sente sconfitta in Ucraina”, ha scritto Kuleb su Twitter.

Leggi anche

Abbandonare l'Ucraina per paura dei missili nucleari?  Questo è l'approccio sbagliato, ha scritto Clemens Wirgen

Kuleba ha nuovamente invitato l’Occidente ad aumentare in modo significativo il sostegno all’Ucraina “in modo da poter vincere e proteggere la sicurezza europea e globale”. Aveva detto all’Associated Press che i colloqui diretti tra il presidente Volodymyr Zelensky e il presidente del Cremlino Vladimir Putin potrebbero portare a una soluzione negoziata.

Il ministro degli Esteri del ministero della Difesa britannico, James Hebei, non vede il pericolo di escalation invocato da Lavrov. Questo tipo di ostentazione è stato il segno distintivo di Lavrov nei suoi ultimi quindici anni come ministro degli Esteri russo. “Non credo che al momento ci siano rischi immediati di un’escalation”, ha detto Hebei alla BBC.

“Quello che l’Occidente sta facendo per sostenere i suoi alleati in Ucraina è molto calcolato… tutto ciò che facciamo è misurato per evitare uno scontro diretto con la Russia”.

READ  Distruzione di una vasta area in Portogallo: la Russia si prepara agli incendi boschivi