Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Grande cura, più errori: anche le scimmie hanno paura del fallimento

Ottimo trattamento, più bug
Anche le scimmie hanno paura del fallimento

Molte persone lo sanno dagli sport agonistici, nei colloqui di lavoro, negli esami o in altre situazioni stressanti: la paura di fallire sotto pressione. I ricercatori scoprono: colpisce non solo gli esseri umani, ma anche le scimmie rhesus. Maggiore è la ricompensa nell’esperimento, maggiore è il loro fallimento.

Anche le scimmie Rhesus soffrono della paura del fallimento. Se negli esperimenti è in gioco troppo trattamento, i nervi degli animali tremano e commettono errori, Gli scienziati riferiscono sulla rivista “PNAS”. (Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze). Secondo i ricercatori, questo suggerisce che il comportamento negli esseri umani e nelle scimmie può dipendere da meccanismi neurali simili.

Nel football americano, come in molti altri sport, il successo di qualsiasi partita o stagione a volte dipende dall’azione individuale di un giocatore, come nel caso dei playoff NFL 2015 quando i Seattle Seahawks e i Minnesota Vikings si sono affrontati. A soli 26 secondi dalla fine, il giocatore dei Vikings Blair Walsh ha mancato un field goal cruciale da distanza di sicurezza dopo che il suo tasso di successo del field goal durante la stagione era del 100%. I commentatori e i fan erano inorriditi, i Vikings furono espulsi dai playoff e la psicologia dello sport fu un altro esempio del fenomeno del “soffocamento sotto pressione” o: fallimento sotto pressione.

Il fenomeno del fallimento sotto pressione

In questo fenomeno, la relazione tra prestazione e motivazione può essere rappresentata come una forma a U inversa: ciò significa che le prestazioni aumentano all’aumentare della ricompensa, ma solo fino a un certo punto. Ironia della sorte, se le ricompense sono eccezionalmente alte, le prestazioni calano di nuovo, proprio quando conta di più. Psicologicamente parlando, lo stress sociale, l’avversione alla perdita, i pensieri distratti sui potenziali guadagni, l’eccitabilità e il monitoraggio palese delle prestazioni sono discussi come possibili cause.

Questo comportamento, noto anche come test del fallimento o della paura, è già stato ampiamente studiato nell’uomo; I ricercatori americani della Carnegie Mellon University e dell’Università di Pittsburgh lo hanno ora dimostrato in esperimenti con scimmie rhesus (Macaca mulatta). Gli scienziati hanno addestrato tre primati a controllare un cursore su uno schermo con il movimento di una mano. Negli esperimenti, questo indicatore indicava con la sua forma o colore se gli animali ricevevano una piccola, media o grande ricompensa o anche un “gran premio” sotto forma di ricompensa.

Le scimmie dovevano quindi spostare il cursore con una certa velocità e precisione su un bersaglio che aveva precedentemente lampeggiato e tenerlo lì per un certo tempo. In effetti, le tre scimmie hanno fallito sotto stress: mentre le loro prestazioni inizialmente sono migliorate con l’entità della potenziale ricompensa, quando sono passate dal grande trattamento al “jackpot”, sono peggiorate dal 10 al 25 percento – e questo è finito per l’intero studio periodo un mese dopo.

Paura di fallire anche dopo anni di allenamento

Gli autori scrivono una nota che combacia con le esperienze maturate nel mondo dello sport: “Anche dopo anni di allenamenti ed esperienze sotto stress, gli atleti professionisti possono manifestare una paura di fallire, il che significa che non può essere superata attraverso un allenamento intenso”. Inoltre, non ha fatto alcuna differenza nelle prove se sono state fatte all’inizio o alla fine della giornata. La consistenza del fallimento sotto stress suggerisce che può diventare un fenomeno appreso, simile a una cattiva abitudine: “Questa prospettiva può essere utile nello sviluppo di piani di allenamento che possono aiutare gli atleti professionisti e altri a diventare meno propensi a temere il fallimento sotto pressione per diventare” lo studio dice. .

In generale, i ricercatori hanno scoperto che gli animali fallivano più spesso quando venivano offerti piccoli premi a causa della mancanza di precisione, mentre fallivano con “grandi premi” perché agivano con troppa cautela. Insieme, gli esperimenti hanno prodotto l’esatta forma a U rovesciata descritta. Le scimmie hanno raggiunto le loro prestazioni ottimali con grandi ricompense. Per gli scienziati, il lavoro apre la possibilità di utilizzare modelli animali per studiare i meccanismi neurali che operano in uno stato di paura del fallimento e per essere in grado di spiegare meglio il comportamento paradossale in futuro.

READ  Lung Aspiration Alliance: quasi un quarto dei decessi per cancro del polmone nei gruppi ad alto rischio in tutto il mondo potrebbe essere prevenuto con uno screening mirato del cancro del polmone.