Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Grande barriera corallina: scoperto un corallo gigante di 400 anni

Stato: 20/08/2021 12:01

“Big Coral” – Il nome originale di una nuova scoperta sulla Grande Barriera Corallina australiana sembra quasi senza pretese. In effetti, i coralli recentemente descritti dai ricercatori sono giganteschi e uno dei più antichi.

I ricercatori hanno scoperto gigantesche barriere coralline sulla Grande Barriera Corallina al largo della costa dell’Australia. A più di dieci metri di altezza, è il corallo più largo mai registrato lì, ha riferito il team sulla rivista specializzata Scientific Reports. Con i suoi 5,3 metri, è anche il sesto corallo più alto misurato di tutte le barriere coralline e ha diverse centinaia di anni.

Il corallo duro vicino all’isola di Orfeo appartiene al genere Porites. Il 30% della sua superficie è ricoperta di spugne e alghe, secondo un rapporto del gruppo di Adam Smith della James Cook University di Douglas.

Molte minacce alle barriere coralline

La crescita dei coralli di Burrit dipende in gran parte dalla temperatura media della superficie del mare. In coordinamento con l’Australian Institute of Marine Science (AIMS), i ricercatori hanno calcolato un aumento annuale dell’altezza di 1,21 cm per i coralli giganti. Ad un’altitudine di 5,3 metri, ciò ha comportato un’età di 438 anni. “Questo è molto prima dell’esplorazione europea e della colonizzazione dell’Australia”, hanno scritto i ricercatori. AIMS ha determinato l’età di 328 colonie di coralli megapuritani e ha stabilito un’età massima di 436 anni. Così la barriera corallina scoperta è anche uno dei coralli più antichi della Grande Barriera Corallina.

Gli scienziati hanno chiamato la barriera corallina “Moga Dambi”, che significa “grande barriera corallina” nella lingua degli indigeni Manbara che vivono nella zona. Si ritiene che Muga Dhambe sia sopravvissuta a 99 eventi di sbiancamento dei coralli che si sono verificati nella barriera corallina dal 1575. Dal 1858 al 2008, in quest’area sono stati registrati anche 46 cicloni tropicali, che apparentemente non hanno potuto danneggiare le barriere coralline. “Guardando al futuro, c’è una vera preoccupazione per il corallo sulla Grande Barriera Corallina a causa di molti impatti tra cui il cambiamento climatico, il degrado della qualità dell’acqua, la pesca eccessiva e lo sviluppo costiero”, scrivono Smith e colleghi.

READ  Burkina Faso: Antonio Guterres condanna l'attentato che ha ucciso più di 130 persone