Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Giornata di Borsa Martedì 12 luglio 2022

Giornata di Borsa Martedì 12 luglio 2022

L’incombente crisi del gas e l’elevata inflazione Euro Per la prima volta dal 2002, è stato brevemente spinto al di sotto della parità con il dollaro. In fondo, è sceso a $ 0,999995. La valuta comune è attualmente appena sopra la parità a $ 1,0022. All’inizio dell’anno, la valuta comune era ancora scambiata a $ 1,1370.

La diapositiva sotto la parità è già stata annunciata nei giorni scorsi. Oltre ai problemi di lunga data della catena di approvvigionamento e all’elevata inflazione, è l’incombente crisi del gas a pesare sull’euro soprattutto. Secondo l’analista di Société Générale Kate Jukes, un arresto completo delle forniture di gas russe all’Europa potrebbe innescare una recessione nell’eurozona e far scendere l’euro di un altro 10%. Anche lo scenario migliore – una continuazione dello status quo – renderebbe i mercati nervosi e, nel migliore dei casi, dovrebbe fornire un leggero impulso all’Euro, prevede Jukes.

Ulrich Leuchtmann, analista valutario di Commerzbank, vede aumentare significativamente le aspettative di inflazione in Europa. Con i prezzi del gas che salgono a livelli vertiginosi, aumenta il rischio di un altro shock inflazionistico. Non c’è bisogno di speculare se questo sarà positivo o negativo per l’Euro. Nella crisi del gas, la Banca Centrale Europea ha potuto fare solo ciò che era assolutamente necessario per combattere l’inflazione: quel tanto che bastava per evitare la spirale discendente del deprezzamento dell’euro e dell’accelerazione dell’inflazione. Secondo Leuchtmann, alcuni potrebbero anche temere che non sarà in grado di farlo da sola. Pertanto, l’euro tende ad essere debole.

Gli analisti di ING FX osservano che forti perdite nell’euro potrebbero incoraggiare la Banca centrale europea ad aumentare i tassi di interesse più di quanto annunciato nella sua prossima riunione del 21 luglio. Carsten Brzeski, capo del Global Macro, ha affermato che la Banca centrale europea potrebbe aumentare i tassi di interesse di 50 punti base invece dei 25 punti base che aveva promesso nella riunione di giugno.

READ  Aldi, Ikea, Lidl Call for clients: Temendo la quarta ondata di Corona