Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Gas Uniper: una perdita fino a 200 milioni di euro ogni giorno

Gas Uniper: una perdita fino a 200 milioni di euro ogni giorno

Stato: 13/11/2022 20:47

Il nome Uniper simboleggia una crisi energetica senza precedenti: senza il gas russo, il gruppo è stato minacciato di bancarotta. Poi il freno d’emergenza: la nazionalizzazione e la disperata ricerca di nuovo gas. Uno sguardo dietro le quinte.

Scritto da Rebecca Kirkland, WDR

È metà settembre. Il regista Holger Kretz ha passato alcune notti insonni. “Siamo abituati al dramma all’Uniper, ma l’ultima settimana è stata dura”, dice, mentre tira fuori il laptop dall’armadio al quarto piano della sede dell’azienda a Dusseldorf e cerca una scrivania libera.

Uniper è stato il più grande acquirente tedesco di gas russo e afferma di alimentare più di 500 servizi pubblici. Quando il gas russo non è uscito fuori all’inizio di settembre, il gigante dell’energia è inciampato. Anche il fallimento è nella stanza a questo punto.

“Ho valutato male la situazione”

Kreetz è in realtà responsabile del business delle centrali elettriche europee di Uniper e dovrebbe migliorare la transizione energetica dell’azienda. Ora ci sono nuove priorità: va trovata un’alternativa al gas russo – e il prima possibile. Kretz, che ha viaggiato molto in Russia per conto dell’Uniper in persona, non ritiene realistico che il gas arriverà di nuovo dalla Russia nel prossimo futuro. “La tovaglia con Gazprom è completamente ritagliata.”

Quando il regista viene interrogato sui suoi errori, diventa pensieroso: “Come molti altri, ho valutato completamente male la situazione. Era davvero inconcepibile che il taglio del gas russo fosse usato come strumento politico”.

Prezzi alti e un mercato totalmente pazzo

La trading room si trova al sesto piano della sede della società. È qui che i commercianti acquistano elettricità e gas da tutto il mondo e ora devono cercare di trovare il gas russo perduto altrove.

READ  Noble: Ecco quanto ha fatto ultimamente l'azienda | newsletter

Dalla primavera i prezzi dell’energia elettrica e del gas nelle borse dell’energia, o i cosiddetti mercati spot, sono fortemente aumentati. “Nei miei 28 anni di carriera, non ho mai visto tali salti di prezzo”, afferma il capo della divisione Gregor Peet, osservando le curve dei prezzi in aumento sugli schermi dei commercianti. Dato che Uniper ha ancora contratti con i propri clienti alle vecchie condizioni, ovvero prezzi più bassi, il gruppo perde ogni giorno tra i 100 ei 200 milioni di euro.

Pete difende la spesa smisurata: “Se non lo facessimo, i servizi pubblici dovrebbero acquistarli esattamente a quel prezzo e si troverebbero nella nostra stessa posizione in qualsiasi momento”. Uniper è come un airbag di alimentazione tedesco.

Nazionalizzazione: fai un respiro profondo senza provare un senso di vittoria

La mattina del 21 settembre, le cose sembravano improvvisamente diverse: il governo federale vuole rilevare Uniper, perché i miliardi di aiuti pagati e promessi fino ad allora non sono stati sufficienti per salvare il gruppo in difficoltà.

Giorni dopo, il regista Kretz si sente ancora a suo agio. “Per molti, questo è un respiro profondo”. Per lui, spiega, non c’era alternativa alla decisione del governo federale. Tuttavia, non si vede vittorioso nella crisi. “Il prezzo delle azioni, che all’inizio dell’anno era di 42 euro, nel frattempo era inferiore a 3 euro: è difficile parlare di vincitori”, afferma Kretz.

Cantiere incredibilmente veloce come regista?

A circa 350 km a nord della sede dell’azienda a Düsseldorf, Uniper sta costruendo uno dei suoi due impianti di GNL con l’aiuto del governo federale. Se tutto andrà secondo i piani, il GNL sarà consegnato a Wilhelmshaven via nave entro la fine di quest’anno. “Ciò che potrebbe richiedere cinque anni può essere fatto improvvisamente in dieci mesi”, afferma Kretz. Una volta che l’impianto sarà operativo, dovrebbe essere in grado di assorbire circa l’8% del consumo di gas della Germania.

READ  Dax compensa le perdite iniziali - Gli orsi si arrendono ai professionisti

Kretz spera che questo abbasserà leggermente il prezzo del gas. “Onestamente, non riesco a immaginare che sarebbe stato così basso come prima della guerra”. E un’altra cosa che gli fa pensare. Lui, che è anche effettivamente responsabile del passaggio all’energia rinnovabile nella sua azienda, ora sta aiutando a costruire un impianto di combustibili fossili.

Poche generazioni in più la pagheranno

“La libertà dalla CO2 è sempre stata una motivazione e una motivazione complete per me personalmente. Ora è tutto diverso. Ma sono ancora convinto di fare la cosa giusta per far uscire la Germania durante l’inverno”. Le energie rinnovabili devono espandersi alla stessa velocità con cui l’impianto è in costruzione.

Guardando il luogo della creazione di Uniper, il regista Kreetz sembra più rilassato. La sicurezza fornita dallo Stato, i progressi nel campo del gas liquido: per lui i passi giusti per far uscire la Germania dall’inverno della crisi energetica. Ma una cosa è anche chiara: il conto di questi massicci investimenti pubblici deve ancora essere pagato per alcune generazioni.