Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Francia e Germania hanno provato a sorprendere la Meloni nelle posizioni di vertice dell’Unione Europea

Francia e Germania hanno provato a sorprendere la Meloni nelle posizioni di vertice dell’Unione Europea

Giorgia Meloni parla di un incontro “surreale” in cui Olaf Scholz ed Emmanuel Macron hanno voluto far avanzare i loro candidati indipendentemente dal risultato elettorale. “Non è così che intendo la democrazia”, dice l’italiano. Il tentativo di emarginarli è fallito.

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha definito “surreale” che sei membri del Partito popolare europeo, Socialisti, Democratici e Rinnovamento abbiano presentato una lista di candidati per le massime posizioni dell’UE durante un vertice a Bruxelles. I suoi commenti sono arrivati ​​dopo una cena per i leader dell’UE il 17 giugno.

Meloni ha detto il 19 giugno, durante la celebrazione dell’anniversario della rivoluzione, che “alcune persone hanno presentato nomi per posizioni” che avevano precedentemente concordato in un incontro privato e non erano state invitate da altri leader. rivista A Milano.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz, il presidente francese Emmanuel Macron e gli altri quattro capi di Stato e di governo hanno scelto i loro candidati preferiti “senza nemmeno pensare a quale sarebbe stato il messaggio dei cittadini”. “Non è così che intendo la democrazia”, ha detto Meloni.

Gli altri 21 leader hanno aspettato tre ore prima che iniziasse la cena tardiva. La Meloni, che era tra loro, non è stata particolarmente infastidita da quello che ha definito un tentativo di emarginarli.

Meloni ha affermato in una dichiarazione pubblica che il blocco dei Conservatori e Riformisti europei, da lei guidato al Parlamento europeo, “è diventato il terzo gruppo più grande in Europa” dopo le elezioni che “hanno spostato chiaramente il centro di gravità dell’Europa a destra”. Intervista al caporedattore El GiornaleAlessandro Sallusti.

Scholz, dei Socialisti e Democratici (S&D), e Ursula von der Leyen, del Partito popolare europeo (PPE), hanno avvertito che sarebbe “mortale continuare o seguire le politiche di sinistra degli ultimi anni”.

READ  Distruzione di una vasta area in Portogallo: la Russia si prepara agli incendi boschivi

L’EEP conta ora 83 membri nel Parlamento europeo, superando il blocco del Rinnovamento di Macron, che attualmente conta 80 membri.

La settimana precedente, l’EKR ha guadagnato sei nuovi membri. Provengono dai democratici danesi, dal partito bulgaro C’è un popolo così, dall’Associazione lituana dei contadini e dei verdi e da quattro ex membri della Reconquista francese e dell’Alleanza per l’Unione dei romeni (AUR).

Per Meloni, il Partito popolare curdo, che sostituirà il Partito del Rinnovamento liberale come terzo gruppo parlamentare più grande al Parlamento europeo, dovrebbe avere diritto a una delle tre posizioni più potenti nell’UE.

Negli ultimi cinque anni il presidente della Commissione europea von der Leyen proveniva dal Partito popolare europeo, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel da Renew/ALDE e l’alto rappresentante dell’UE Josep Borrell da Renew/ALDE. i Socialisti e Democratici. .

Dato che EKR è ora più grande di Renew, uno di questi posti dovrebbe entrare nella loro collezione, dice Meloni. L’italiano ha espresso pubblicamente dubbi sull’idoneità del primo ministro estone Kaja Kallas – membro del Blocco riformista – alla carica di Alto rappresentante.

Il 17 giugno, la Meloni ha affermato che la Callas avrebbe dovuto spiegare le sue opinioni sulla politica estera oltre il conflitto Russia-Ucraina.

Da parte loro, i rappresentanti del Partito popolare europeo hanno messo in dubbio l’importanza del fatto che il Partito del Rinnovamento sociale venga sostituito dall’EKR come terzo gruppo più grande. È fondamentale che il Partito popolare europeo, i Socialisti e Democratici e il Partito del Rinnovamento controllino insieme il 55% dei voti nel nuovo Parlamento europeo.

Le cose potrebbero restare così se tutti i membri dei tre blocchi votassero per guidarli nella prossima votazione segreta.

READ  Regno Unito: il primo ministro Johnson è sopravvissuto a un voto di sfiducia

Cinque anni fa non lo facevano. Mentre in teoria 516 deputati avrebbero dovuto votare per von der Leyen come presidente dell’UE, solo 383 lo hanno fatto, dandole una maggioranza di soli nove deputati, anche se era l’unica candidata donna.

La domanda ora è fino a che punto gli altri partiti vogliono rischiare di far arrabbiare il Primo Ministro italiano.

“Hai bisogno della Meloni; è lì che finisce la prima lezione”, ha detto al Times un diplomatico dell’UE il 19 giugno.


Questo post è Innanzitutto nel riferimento Bruxelles Indietro.

annuncio