Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Fondo per la ricostruzione: cosa può imparare la Germania dalla Grecia

TBene e parlane; Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, aderisce a questo motto. Quando ha incontrato il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis ad Atene mercoledì mattina, ha preso una decisione positiva: i funzionari in suo potere hanno dato il via libera affinché i primi miliardi del Fondo per la ricostruzione dell’UE affluiscano in Grecia nelle prossime settimane.

Mercoledì, von der Leyen ha iniziato un viaggio attraverso le capitali europee per annunciare l’inizio dei pagamenti del piano di ricostruzione da 750 miliardi di euro nella crisi della Corona. Le prime tappe includono Atene, Madrid, Lisbona, Copenaghen e Lussemburgo.

Il presidente della Commissione ha portato con sé la valutazione dettagliata dei suoi funzionari sugli investimenti nazionali e sui piani di riforma che interessano gli Stati membri nei processi di trasferimento e riforma. prestiti hanno richiesto dal fondo.

Leggi anche

Ministro delle finanze austriaco

Alcuni sono di dimensioni spesse; La risposta dei funzionari di Bruxelles alla sola prima bozza del piano tedesco era di 700 pagine, secondo un misto di orrore e divertimento della Cancelleria federale di Berlino.

Non sorprende che Mitsotakis sia stato uno dei primi capi di governo a visitare von der Leyen nel suo tour in Europa: non solo il piano greco è stato presentato molto presto, ma ha anche suscitato molto entusiasmo a Bruxelles – a differenza di quelli di Berlino , per esempio .

Nei cosiddetti piani di ricostruzione e resilienza, i governi nazionali hanno dovuto specificare in che modo vogliono utilizzare i soldi del Fondo per la ricostruzione per diventare più competitivi, più ecologici e digitali e quali riforme vogliono sostenere questi investimenti.

Specifiche esatte da Bruxelles

Da Bruxelles c’erano linee guida molto precise: il 37 percento degli investimenti dovrebbe andare alla protezione del clima, il 20 percento alla digitalizzazione e nessun denaro dovrebbe essere speso per progetti dannosi per il clima. Inoltre, nei progetti di riforma devono essere prese in considerazione le raccomandazioni di riforma pubblicate annualmente dalla Commissione, che finora sono state ampiamente ignorate.

Nelle ultime settimane, ci sono state molte critiche ai piani dei singoli paesi. Gli ambientalisti hanno criticato il fatto che molti dei progetti inclusi nei piani siano stati dichiarati sostenibili, sebbene il loro contributo alla protezione del clima sia stato messo in discussione.

Nel piano italiano, ad esempio, tali false dichiarazioni si accumulavano. D’altra parte, i rappresentanti delle imprese hanno criticato il fatto che i piani di digitalizzazione non fossero abbastanza coraggiosi. A molti osservatori mancava anche il coordinamento dei singoli progetti nazionali al fine di creare un vero valore aggiunto europeo.

Leggi anche

Il piano tedesco ha suscitato molto risentimento anche a Bruxelles, a quanto pare non da ultimo in Commissione, che però si è tirata indietro rispetto alle critiche ufficiali. Soprattutto, è stato criticato il fatto che Berlino avesse praticamente ignorato le raccomandazioni di riforma della commissione.

Anche i progetti di investimento tedeschi sono stati molto al di sotto delle aspettative. Il governo federale vuole destinare gran parte del denaro a progetti decisi da tempo. In tal modo, il governo federale non viola le regole del Fondo per la ricostruzione: gli Stati membri possono utilizzare i soldi per i progetti identificati dall’inizio della pandemia in Europa nel febbraio 2020.

READ  Ungheria: Budapest infastidisce il governo di Orbán con nomi di strade che criticano la Cina

Tuttavia, il finanziamento di spese pianificate a lungo viola lo spirito del fondo. Il vicepresidente della Commissione, Valdis Dombrovskis, responsabile per le questioni economiche, e altri rappresentanti dell’autorità sottolineano più volte che i fondi non sostituiscono le spese correnti, ma sono destinati a finanziare investimenti che altrimenti non si sarebbero verificati.

Il piano della Grecia contiene “idee intelligenti”

Ma come appare diverso quando rappresentanti della Commissione o parlamentari dell’UE parlano del piano greco. “Non sono l’unico a cui piace il piano greco”, afferma Marcus Ferber, membro del parlamento dell’Unione cristiano-sociale, che rappresenta il gruppo del partito cristiano democratico cristiano nel Comitato economico del Parlamento europeo. “Ha idee intelligenti e mi aspetto molto dal programma greco”.

Anche i critici stanno elogiando: “Il piano greco stabilisce le giuste priorità, come richiesto nel quadro dell’UE”, afferma il deputato dei Verdi, Sven Giegold. “Ma molti dei soldi vanno a grandi progetti piuttosto che a piccole e medie imprese innovative”. Dal punto di vista del suo gruppo, molti soldi vanno alle grandi aziende per progetti come i parchi eolici offshore.

In effetti, il programma greco di 2.000 pagine a quanto pare ha suscitato scalpore nelle istituzioni di Bruxelles. L’amministrazione e l’élite politica del paese sono state nel decennio dallo scoppio del crisi dell’euro Sembra ideale per soddisfare i donatori stranieri. Durante la crisi dell’euro, il Paese è stato due volte sull’orlo della bancarotta nazionale ei suoi partner europei hanno dovuto essere assistiti da prestiti stimati in 300 miliardi di euro.

Leggi anche

Euro Strong Combo

Anche lo sviluppo del piano è stato esemplare: mentre in altri paesi i ministeri compilavano le liste dei desideri per un piano di ricostruzione, altrove scoppiavano battaglie politiche sull’utilizzo dei fondi: i governi erano sull’orlo del collasso e in Italia anche per il rovesciamento di un governo che fin dall’inizio aveva incaricato Atene di esperti.

READ  Incidente in funivia in Italia: il fratello annuncia un momento tragico - Nuovi dettagli noti

Il premio Nobel per l’economia britannico-cipriota Christopher Pissarides, considerato un esperto di crescita economica, dovrebbe formulare raccomandazioni per il piano in qualità di consulente esterno. Successivamente, Pissarides e un gruppo di lavoro di economisti non solo hanno formulato raccomandazioni per un piano di investimenti e riforme, ma hanno anche scritto un’analisi diligente della situazione economica nel paese e hanno scritto una strategia di crescita a lungo termine con il piano.

“Il piano greco di ricostruzione e resilienza Grecia 2.0 vuole cambiare il modello di crescita e le istituzioni greche”, afferma fin dall’inizio. Il piano non prevede solo investimenti: “Si tratta di una trasformazione economica e sociale fondamentale, le cui riforme riguardano non solo le attività economiche, ma anche la tecnologia, gli atteggiamenti e le istituzioni”. Gli autori promettono di aderire alle raccomandazioni di riforma della Commissione dell’Unione Europea.

Atene riceve 17,8 miliardi di euro di rimesse

I 66 progetti di riforma annunciati mirano principalmente a migliorare la competitività dell’economia greca, che è destinata a diventare più orientata all’esportazione di prima nei prossimi anni. L’amministrazione deve diventare più moderna e più a misura di cittadino, la magistratura più efficiente e il sistema fiscale meno restrittivo della crescita.

In termini di produzione economica, solo Bulgaria e Croazia ricevono più denaro dal Fondo centrale per la ricostruzione rispetto alla Grecia. Il governo intende utilizzare 17,8 miliardi di euro di rimesse non rimborsabili per finanziare progetti rispettosi del clima, come la ristrutturazione attiva delle case, l’espansione delle energie rinnovabili e il collegamento delle isole alla rete elettrica.

Inoltre, i fondi sono destinati a confluire nella digitalizzazione della gestione e nell’espansione della prossima generazione della rete mobile 5G. Con prestiti di circa 12,7 miliardi di euro, il governo vuole intraprendere diversi investimenti privati.

Qui puoi ascoltare i nostri podcast WELT

Stiamo utilizzando il lettore del fornitore di podcast Podigee WELT. Abbiamo bisogno del tuo consenso per poter visualizzare il riproduttore di podcast e interagire con o visualizzare i contenuti di Podigee e di altri social network.

“All in Stock” è l’istantanea quotidiana del mercato azionario dal team editoriale WELT Business. Tutte le mattine dalle 7 con i giornalisti finanziari WELT. Per esperti del mercato azionario e principianti del mercato azionario. Iscriviti al podcast su spotifyE il Podcast di meleE il musica amazon E il Deezer. o direttamente tramite RSS Feed.