Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Fondatore di Innocent Meat: "La carne dovrebbe essere fatta in modo diverso"

Fondatore di Innocent Meat: “La carne dovrebbe essere fatta in modo diverso”

Carne innocente – Gründerin
La carne dovrebbe essere preparata in modo diverso.

Carne dal laboratorio? Sembra uscito da un film di fantascienza, ma tra qualche anno sarà disponibile nei nostri supermercati, afferma Laura Gertenbach. Il co-fondatore di Innocent Meat a Rostock sta lavorando a una tecnologia mediante la quale la carne viene prodotta da cellule staminali animali

L’umanità dovrà mangiare meno carne. La maggior parte delle persone conosce questo messaggio. Se un giorno sul pianeta Terra vivessero nove o dieci miliardi di persone, mangeremmo il doppio di carne rispetto a oggi. E abbiamo già un problema oggi: il consumo di carne provoca enormi quantità di emissioni di gas serra e occupa spazio e acqua. se non lo fai

“Non penso che tu possa raggiungere le persone con clausole di blocco e rinuncia”, ha detto Laura Gertenbach, co-fondatrice della startup di Rostock Innocent Meet, nel podcast “Zero Hour”. “Max Musterman, che compra la sua carne ogni giorno da Lidl o Rewe, non vuole farne a meno”. In Germania i numeri sono coerenti: circa 60 chilogrammi di carne a persona all’anno, ha affermato Gertenbach. In ogni caso, se le persone nei paesi emergenti non l’hanno ancora assaggiato, qui i consumi saliranno.

Ecco perché sta lavorando con il suo co-fondatore Patrick Nonenmacher su un’alternativa: vuole produrre carne artificialmente, da cellule staminali in un laboratorio, nota come carne coltivata o “carne pulita”. “Voglio davvero fare la carne in modo diverso”, dice. “L’aspetto climatico è molto importante per me e voglio continuare a mangiare carne in futuro e non sostituire i piselli”.

La 36enne è cresciuta in una famiglia di agricoltori e ha fondato Oberlecker, una piattaforma di marketing online per prodotti a base di carne biologica, nel 2017. Ecco perché ha orchestrato lei stessa il massacro e ha notato quanto fosse “dispendioso in termini di tempo” e costoso.

La carne pura è ottenuta da cellule staminali animali. “Questo accade in un bioreattore, in linea di principio come la birra”, ha spiegato Gertenbach. Questi si riproducono in un allevamento di cellule. Quindi vengono nutriti con liquidi, un tipo di cibo, in modo che si dividano e crescano in muscoli e tessuto adiposo. Questa è la grande sfida, afferma Gertenbach, perché rappresenta il 90% dei costi. Il tuo obiettivo è sviluppare un prodotto accessibile, altrimenti “non finirà al supermercato”.

Tuttavia, non vede la sua azienda come un produttore di carne, ma come un fornitore di tecnologia. Vuole fornire ai produttori o ai commercianti la tecnologia che consentirà loro di produrre la propria carne d’allevamento. “Il nostro obiettivo non è inviare prodotti al supermercato, ma fornire all’industria alimentare una tecnologia basata sul principio “plug and play””, ha affermato Gerttenbach.

Se tutto va secondo i piani, Innocent Meat vuole avere i suoi primi sistemi sperimentali nel 2024 e iniziare la produzione dalla fine del 2025. La startup che si è appena trasferita nel campus dell’Università di Rostock è la prima del suo genere in Germania. Tuttavia, c’è molta concorrenza nel mondo, specialmente in Israele e negli Stati Uniti. Secondo un rapporto del Good Food Institute, ci sono 76 aziende in tutto il mondo nel settore della carne artificiale, con 23 aggiunte solo lo scorso anno. Questi includono la startup israeliana SuperMeat, Aleph Farms – un produttore di bistecche da laboratorio – e Future Meat.

Ascoltare Il nuovo episodio de “L’Ora Zero”:

  • Come hanno reagito alla loro idea i genitori di Gertenbach, entrambi agricoltori?
  • Com’è la tua vita quotidiana in Innocent Meat?
  • Perché Innocent Meat si è trasferito al campus di Rostock?

Potete trovare tutti gli episodi direttamente su suona orae Una mela o spotify o attraverso google browser.

READ  Le associazioni criticano il confronto dei costi energetici nelle pompe di benzina