Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Finta chiamata dall’ambiente Navalny: Peskow Junior non vuole andare sul fronte ucraino

Chiamata falsa dall’ambiente Navalny
Peskow Junior non vuole andare sul fronte ucraino

Mobilitazione parziale in Russia, ma non per tutti: il figlio del portavoce della stampa del Cremlino Peskov cade ricevendo una falsa telefonata da chi è vicino a Navalny. Quando ha saputo di essere stato chiamato a mobilitare lo sforzo bellico contro l’Ucraina, ha detto che avrebbe gestito le cose in modo diverso.

Quando il moderatore Dmitry Nezovtsev prende il telefono in una trasmissione in diretta, il sangue del suo interlocutore all’altro capo della linea deve essersi congelato. Nikolai Peskov, figlio del portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, apprende da un presunto commissario militare che è stata inviata una convocazione per una convocazione militare e che dovrà presentarsi per una visita medica alle 10 del mattino del giorno successivo. Il figlio di Pisco risponde: “Devi capire, se sai che sono il signor Pisco, quanto è sbagliato per me essere lì. Insomma, me ne occuperò ad un altro livello”.

La conversazione rivelatrice può essere guardata in diretta sul canale Popular Politics di YouTube, gestito dai sostenitori dell’avversario del Cremlino Alexei Navalny. Il figlio di Peskov continua dicendo che non sarebbe venuto all’ufficio di arruolamento e non ha accettato il reclutamento volontario. “Ho bisogno di capire in generale cosa sta succedendo e quali sono i miei diritti. Per eliminarmi domani, credimi, né tu né io ne abbiamo bisogno”. Quando il mediatore Nizovtsev insiste, il giovane Peskov continua: “Non ho problemi a difendere la mia patria – ma devo capire l’adeguatezza del mio aspetto lì, parlando di alcune sfumature politiche”, aggiunge.

Peskow Junior dice anche che non dovrebbe essere indicato come un volontario nella documentazione. “Farò come mi è stato detto. Se Vladimir Vladimirovich dice che devo andare lì, ci andrò”, ha detto, riferendosi al presidente russo Vladimir Putin, ma ha aggiunto: “Non sono un uomo semplice”.

Navalny: gettare cittadini russi in un tritacarne

Navlani, che è stato imprigionato nel campo criminale, ha detto in un’udienza in tribunale che la “guerra criminale” di Putin stava peggiorando. Navalny ha detto che Putin voleva coinvolgere quante più persone possibile nello spargimento di sangue in Ucraina. “Per prolungare il suo potere, sta facendo a pezzi il paese vicino e uccidendo le persone lì. Ora sta gettando un numero enorme di cittadini russi in un tritacarne”, ha detto Navalny.

Il presidente russo ha annunciato in mattinata che i russi in età da coscrizione sarebbero stati parzialmente mobilitati. Secondo il ministro della Difesa Sergei Shoigu, circa 300.000 soldati di riserva saranno inviati per rafforzare le forze russe e separatiste nell’Ucraina orientale e meridionale. Secondo Shoigu, possono essere mobilitate fino a 25 milioni di persone: questo è il numero totale di riservisti in Russia.

READ  "I virus stanno diventando sempre più dannosi": ricercatore: è improbabile che ci siano varianti più pericolose