Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Filippine: incidente aereo militare C-130 85 – Notizie d’oltremare

Cotabato – Quando una macchina militare si è schiantata nel sud delle Filippine domenica mattina (ora locale), il bilancio delle vittime è salito a 29. Il capo dell’esercito William Gonzalez ha detto che 17 detenuti erano ancora dispersi, mentre 50 feriti sono stati salvati.

aereo C-130 Con 92 persone a bordo, ho perso la pista quando sono atterrato a Patikul sull’isola di Jolo, ha detto il comandante dell’esercito Cirilito Sobejana. Quando si tenta di ricominciare, si è bloccato.


Patikul domenica 4 luglio: sullo sfondo si vedono le nuvole di fumo dell’aereo in fiammeFoto: Bojes Mojeran/Bogs Mojeran via Reuters

Almeno 40 detenuti sono stati salvati dal relitto in fiamme. La ricerca di altri sopravvissuti continua. “Stiamo facendo tutto il possibile per salvare i passeggeri”, ha sottolineato Sobejana.


Assistente sul luogo dell'incidente

Assistente sul luogo dell’incidenteFoto: AF/AP

Secondo quanto riferito, la macchina è partita vicino a Manila in una base aerea e poi si è diretta a Jolo via Cagayan de Oro sull’isola di Mindanao. Le truppe si stavano muovendo.

Molti dei soldati a bordo avevano appena completato il loro addestramento di base e ora dovrebbero essere di stanza a Gulu. L’isola si trova nelle Filippine meridionali a maggioranza musulmana, dove l’esercito è schierato contro il gruppo islamico Abu Sayyaf e altri.


Crash C-130 (foto d'archivio)

L’aereo che si è schiantato è un C-130 (immagine d’archivio)Foto: Bullit Marquez/AP

Abu Sayyaf è stata fondata negli anni ’90 con i soldi del leader di al-Qaeda Osama bin Laden. Il gruppo divenne noto rapendo diversi alieni. Nel 2017, gli islamisti hanno decapitato il marinaio tedesco di 70 anni Jürgen Kantner dopo che le loro richieste di un riscatto di circa 600.000 dollari non sono state soddisfatte.

READ  Gaza: fonti sospette di Hamas - Israele demolisce gli edifici che ospitano gli uffici dei media