Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

“Figli di Sam” e altri: questi documentari sul vero crimine esaminano la psiche degli assassini

Aggiornato il 5 maggio 2021 alle 16:55

  • Il nuovo documentario sulla vera criminalità “Sons of Sam: Descent into Darkness” inizia il 5 maggio su Netflix. Fa luce sull’omicidio di David Berkowitz.
  • La magia di un serial killer è stata al centro di documentari più volte negli ultimi anni.
  • La panoramica mostra documentari sul vero crimine di proprietà di Netflix, Amazon Prime Video e Co. Nel loro programma.

Puoi trovare altre notizie TV e streaming qui

Cosa succede a queste persone? Da Jack lo Squartatore a Charles Manson, i serial killer esercitano ancora un misto di disgusto e infatuazione molto tempo dopo la loro morte. È chiaro che la questione di come le persone diventano assassine, anche la questione di come si sviluppa il male puro, non perde la sua rilevanza e rilevanza.

Ecco perché, tra le altre cose, negli ultimi anni è sorto un vero e proprio clamore criminale, che si riflette nel podcast tematico e persino nelle riviste cartacee. Soprattutto, sono stati i veri documentari sul crimine dei servizi di streaming a plasmare questo genere in forte espansione.

Ora c’è un rinnovamento in termini di vero crimine: mercoledì 5 maggio, inizia il giorno Netflix La serie di documentari “Sons of Sam: Descent into Darkness” sul serial killer David Berkowitz – in compagnia di un bravo killer. Ti presentiamo il nuovo originale Netflix e scopri le vere perle del crimine che rimangono nascoste nel programma dei servizi di streaming e nelle librerie multimediali.

“Sons of Sam: Descent into Darkness” (Netflix)

Fino al suo arresto nel 1977, David Berkowitz diffuse paura e terrore negli Stati Uniti. L’americano ha avuto la sua parte di sei omicidi e molte altre atrocità, ma era davvero solo? È possibile che l’autoproclamato “Ibn Sam” non sia un singolo colpevole, ma faccia parte di una rete più ampia. Sons of Sam: Descent into Darkness esplora questa possibilità dal punto di vista dell’autore Maury Terry.

READ  Nuovo remix di Banana Joe per commemorare il quinto anniversario della morte di Bud Spencer

Terry ha svolto ricerche approfondite sulla questione per diversi anni e, per di più, ne è diventato ossessionato. È convinto che ci sia una cospirazione satanica dietro le azioni atroci che hanno raggiunto proporzioni orribili.




“The Sons of Sam: A Descent Into Darkness” uscirà il 5 maggio su Netflix.

© Getty Images / Hulton Archive

Le azioni di Berkowitz hanno fornito modelli per dozzine di thriller e film horror, e ora Netflix li sta trascinando dalla finzione alla luce della realtà. Nella serie in quattro parti diretta da Joshua Zeman, ex investigatori e testimoni parlano delle loro impressioni. Inoltre, la produzione si occupa di reportage: riassumere i vecchi resoconti dei media dovrebbe anche aiutare a portare le parti del caso insieme alla verità. Questo fatto potrebbe anche significare: il vero assassino è ancora latitante.

Ted Bundy: Ritratto di un serial killer (Netflix)

Il male sembra terribilmente bello: si dice che Theodore Robert Bundy, o Ted in breve, abbia avuto più di 100 donne nella sua coscienza quando è stato ucciso su una sedia elettrica in Florida. Ci sono prove di trenta orribili stupri e omicidi tra il 1974 e il 1978. Questa storia sembra essere stata fatta per un vero documentario sul crimine su Netflix: perché pazzo come Ted Bundy, era carismatico e affascinante. Ha anche apprezzato il lampo delle luci elettriche e ha persino rilasciato interviste aperte in attesa della sua condanna a morte.

L’ultimo film “Ted Bundy: Autoritratto di un serial killer” ondeggia ed è basato su registrazioni reali che ti fanno raffreddare il sangue. In esso, il serial killer spiega il suo approccio insidioso e le sue strane preferenze.




Ted Bundy è uno dei serial killer più famosi al mondo.

© Netflix

Nonostante i suoi crimini efferati, l’aspetto e il fascino di Bundy lo hanno portato a essere glorificato come un “cattivo ragazzo” dopo che il documentario è stato rilasciato. L’entusiasmo per l’emergere del serial killer è diventato coloratissimo anche per Netflix. Il servizio di trasmissione di Twitter ha annunciato che c’erano migliaia di altri uomini attraenti in mostra – praticamente nessuno di loro aveva una condanna per un serial killer.

“Pistorius” (Amazon Prime)

Oscar Pistorius, meglio conosciuto come “Blade Runner”, non era altro che un eroe nazionale sudafricano: alle Paralimpiadi, il corridore con una protesi sotto la gamba ha vinto sei ori. Ma nel febbraio 2013, lo sport è approdato in prima pagina non a causa di notevoli risultati sportivi, ma a causa di una tragedia: a San Valentino, tra tutte le cose, ha sparato al suo partner, la modella sudafricana Riva Stinkamp, ​​nel loro appartamento condiviso. bagno.




Il caso Pistorius è diventato un evento mediatico mondiale.

© Charlie Shoemaker / Getty Images

Pistorius ha quindi protestato per la sua innocenza e ha sparato accidentalmente alla sua ragazza, pensando che fosse una ladra. Ma la magistratura non è stata d’accordo e l’atleta è stato condannato a 15 anni di carcere in un processo multiplo per omicidio con l’intento di alleggerire la morte.

Il regista gallese Vaughan Siviglia in “Pistorius” accende lo stato bollente fino all’evento mediatico. Nel primo episodio del documentario in quattro parti di Amazon, Oscar Pistorius è onorato per i suoi meriti sportivi – poi la scena si trasforma in un’aula di tribunale. I parenti delle vittime e degli autori dicono la loro parola, così come i ricercatori forensi e i rappresentanti di un movimento di protesta delle donne che ha rifiutato di accettare l’indulgenza iniziale della corte nei confronti di Pistorius.

Leggi anche: Il nuovo formato “Jenke. Crime”: l’ascesa e la caduta dell’ex barone della droga Hubertus Becker

“The Making of a Killer” (Netflix)

La qualità della funzione di autenticazione è la risposta che innesca. Se lo prendi come standard, uno dei documentari sul vero crimine vincitore di un Emmy “Making A Murderer” non si lascerà ingannare. A rigor di termini, non si tratta degli assassini, ma dei presunti assassini. La produzione Netflix ha messo in dubbio la colpevolezza di due uomini già condannati per assassini e stupratori.

Nel novembre 2005, Stephen Avery e suo nipote Brendan Dacey avrebbero molestato e ucciso la giovane donna Teresa Hallbach. Ma nel corso della prima stagione, pubblicata nel 2015, è stata disegnata pezzo per pezzo un’immagine che metteva in dubbio il verdetto emesso. Lo stesso Avery ha protestato fin dall’inizio per la sua innocenza.




Il film “Making a Murderer” ha suscitato discussioni in tutto il mondo sulla colpa o l’innocenza di Stephen Avery.

© Netflix

Operazioni imperfette, prove discutibili e, inoltre, funzionari che spingono per il riconoscimento con mitigazione: in generale, i produttori Laura Ricciardi e Moira Demos raccontano la storia del caso nel corso di 13 anni. Nel 2018, Netflix ha continuato la seconda stagione. Solo non dentro Stati Uniti d’AmericaIn tutto il mondo, le persone erano ferocemente dibattute sulla questione molto importante: colpevole o innocente?

Dark Souls: Conversazioni con un serial killer (ZDFmediathek)

Non solo il vero genere criminale prospera nei servizi di trasmissione, ma le emittenti pubbliche hanno commesso crimini più insoliti nella loro lista da un po ‘di tempo. La serie di documentari “Dark Souls” è su ZDFmediathek e il nome del primo episodio dice tutto: “Conversazioni con un serial killer”.

In un’intervista, il giornalista della CNN Chris Cuomo ha cercato di capire il personaggio di Joel Rifkin, che si dice abbia ucciso 17 donne nello stato americano di New York tra il 1989 e il 1993.




Joel Rifkin è considerato uno dei peggiori serial killer della storia americana.

© ZDF / Elgin Fulton

Rifkin ha guadagnato notorietà come uno dei serial killer più temuti nella storia degli Stati Uniti. Doubtful Honor: Riferendosi alla donna assassina Jack lo Squartatore, la stampa americana una volta si riferì a lui come “Joel lo Squartatore”.

Per capire la psicologia criminale, ovviamente, ci vuole più che lasciare che un multi-killer parli da solo. Questo è il motivo per cui parenti, analisti comportamentali e ricercatori hanno voce in capitolo in “Dark Souls”. Alla fine, è così che il mistero dovrebbe riunirsi e spiegare le origini degli orribili crimini di Rifkin.

Born to Kill: Born a Murderer? (TVNOW)

Anche il servizio di streaming TVNOW di RTL afferma di fare affidamento su un “vero attacco criminale”. Uno dei titoli mostrati è “Nato per uccidere – Nato per uccidere?” Una serie di documentari che sblocca nuovi status in ogni episodio. Tra le altre cose, la serie accompagna lo spettatore in un viaggio allo Yosemite National Park in California, noto principalmente per i suoi paesaggi mozzafiato e l’abbondanza di piante e specie animali.




La storia di Carrie Stner è una delle tante storie “Born to Kill?” Ha detto in TVNOW.

© TVNow

Tuttavia, nel 1999, questo luogo idilliaco è diventato teatro di un crimine: quattro corpi sono stati trovati nelle immediate vicinanze del parco. Il colpevole, Carrie Stner, proveniva da una comunità che ha affrontato orribili crimini decenni fa.

La stagione 4 “Born To Kill” è disponibile su TVNOW dal 1 ° maggio. Il primo episodio non è per i deboli di cuore. La vicenda di Grantham, in Inghilterra, sembrerebbe un incubo, soprattutto ai genitori di bambini piccoli: nel 1991, l’unità pediatrica dell’ospedale locale ha visto un aumento significativo del tasso di mortalità. La stessa infermiera lavorava ogni giorno quando due bambini furono misteriosamente uccisi: Beverly Allett.
© 1 & 1 Mail & Media / teleschau

Teaserbild: © Getty Images / Hulton Archive