Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Espropriazione dei beni dopo la seconda guerra mondiale: la Polonia impedisce il risarcimento agli ebrei

Espropriazione dei beni dopo la guerra mondiale
La Polonia impedisce il risarcimento agli ebrei

La protesta negli Stati Uniti e in Israele è grande: il presidente polacco Duda ha firmato una legge che vieta il risarcimento in particolare per molti ebrei. Furono confiscati sotto il comunismo dopo la seconda guerra mondiale. Il premier polacco incolpa la Germania.

Nonostante le pesanti critiche di Israele e degli Stati Uniti, il presidente polacco Andrzej Duda ha firmato una controversa legge contro la restituzione dei beni confiscati dopo la seconda guerra mondiale. Duda ha detto all’agenzia di stampa parlamentare che spera che la legge ponga fine a “un’era di caos legale”. In molti casi, la legge colpisce i discendenti delle vittime ebree dell’Olocausto, la cui proprietà è stata confiscata durante il comunismo in Polonia.

La legge prevede un termine di prescrizione di 30 anni per le richieste di risarcimento. I proprietari la cui proprietà è stata confiscata nella Polonia del dopoguerra non potevano più rivendicare alcun diritto sulla proprietà confiscata. Il governo di Varsavia afferma che la legge crea certezza giuridica nel mercato immobiliare. Inoltre, saranno prevenute richieste fraudolente. Duda ha parlato delle “mafie della privatizzazione” che ci sono state fino ad ora.

Il Segretario di Stato americano chiede una legge sui risarcimenti in Polonia

Dopo che la legge è stata approvata dal parlamento polacco, il segretario di Stato americano Anthony Blinken e il suo collega israeliano, Jair Lapid, hanno chiesto a Duda di non firmare la legge. Lapid ha affermato che la legge danneggia “la memoria dell’Olocausto e i diritti delle sue vittime”. Continuerò ad oppormi a tutti i tentativi”. Blinken ha chiesto al governo di Varsavia di approvare una legge globale sulle riparazioni, come già in vigore in altri paesi dell’Europa centrale e orientale. Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki del partito conservatore nazionalista Diritto e Giustizia aveva ha respinto queste richieste, ha detto.Polonia “Non pagherai per i crimini tedeschi”.

Sei milioni di polacchi furono uccisi durante la seconda guerra mondiale, metà dei quali ebrei. Dopo la guerra, le autorità comuniste in Polonia nazionalizzarono gran parte delle case e delle proprietà i cui proprietari erano stati uccisi dai nazionalsocialisti o che erano fuggiti dall’Europa.

Nel frattempo, Israele ha anche risposto politicamente alla firma della legge. Il ministro degli Esteri Lapid ha convocato l’inviato dell’ambasciata israeliana a Varsavia per tornare alle consultazioni aperte. Ha annunciato che “il nuovo ambasciatore, che dovrebbe partire presto per Varsavia, per il momento non si recherà in Polonia”. Il ministero degli Esteri raccomanderà inoltre all’ambasciatore polacco in Israele di rimanere nel suo attuale congedo. “Questo tempo dovrebbe essere usato per spiegare al popolo polacco l’importanza dell’Olocausto per i cittadini di Israele”, ha detto Lapid. “Oggi, non per la prima volta, la Polonia ha approvato una legge antisemita e immorale”, ha aggiunto.

“La Polonia beneficia di proprietà acquisite illegalmente”

Il testo della legge colpisce allo stesso modo ebrei e non ebrei espropriati dei loro beni. Tuttavia, i critici sostengono che gli ebrei sono colpiti in modo sproporzionato nella pratica perché molti non hanno avuto l’opportunità di corroborare le loro affermazioni subito dopo la guerra.

“La Polonia non è ovviamente responsabile di ciò che la Germania ha fatto durante l’Olocausto”, ha sottolineato la World Jewish Property Return Organization (WJRO), che ha il compito di restituire le proprietà delle vittime del regime nazista. Tuttavia, la Polonia continua a “beneficiare di proprietà acquisite illegalmente”. Restituire beni confiscati non è solo questione di denaro. “Per molti sopravvissuti all’Olocausto e le loro famiglie, la casa è l’ultimo collegamento fisico con le vite che vivevano una volta”, ha affermato l’organizzazione.

READ  Israele: sta emergendo una coalizione di governo senza Netanyahu