Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Esperimento sulla fusione nucleare: “Wendelstein 7-X ready” | NDR.de – Notizie

Stato: 09.08.2022 17:20

A Greifswald, l’esperimento di fusione nucleare Wendelstein 7-X sta entrando nella sua prossima fase sperimentale. Durante un test, l’impianto di fusione esistente dovrebbe indicare se è adatto al funzionamento continuo.

Con una cerimonia al Max Planck Institute for Plasma Physics (IPP), la nuova fase è stata ufficialmente lanciata dopo la conversione. L’obiettivo è produrre impulsi di plasma della durata massima di 30 minuti e di 50 milioni di gradi. Se funziona, a lungo termine è possibile anche da un punto di vista puramente tecnico. “Questa è la vera missione”, ha detto martedì il fisico e project manager Thomas Klinger. “Wendelstein 7-X pronto.”

La mia voce: L’esperimento sulla fusione nucleare Wendelstein 7-X entra in una nuova fase (1 minuto)

Il ministro federale della ricerca Stark Watzinger: “Grande opportunità”

La ricerca sulla fusione nucleare ruota attorno all’imitazione della produzione di energia solare sulla Terra e quindi allo sviluppo di una fonte di energia alternativa a lungo termine. Il ministro federale della ricerca Bettina Stark Watzinger (FDP) ha confermato un maggiore sostegno alla ricerca di base nella tecnologia di fusione. “L’integrazione è una grande opportunità per fornirci energia e indipendenza”, ha detto alla festa di mezzogiorno a Greifswald. Se si potessero generare grandi quantità di energia attraverso la fusione, ciò darebbe un prezioso contributo alla copertura del carico di base.

Anni di conversione per il funzionamento continuo

Di recente, i ricercatori di Greifswald hanno trascorso circa due anni a costruire il dispositivo di fusione di tipo “stellare”. Sono stati installati, tra l’altro, 600 circuiti raffreddati ad acqua. Questo serve per raffreddare le “tegole” all’interno della stanza. Il cuore del sistema è un anello di 50 bobine magnetiche, alto circa 3,5 metri, che viene raffreddato a meno 270 gradi. Come risultato della conversione, il plasma non dovrebbe essere generato solo per pochi secondi come prima, ma molto più a lungo.

I nuclei di idrogeno sono combinati

Le prove effettive dovrebbero iniziare a settembre e i preparativi sono già in corso. In primo luogo, le temperature nel sistema vengono gradualmente aumentate e gli impulsi si allungano, secondo il project manager Klinger. La struttura di ricerca contiene gas idrogeno caricato elettricamente in una camera a vuoto esposta a calore estremo. Questo plasma è sospeso da bobine magnetiche e quindi tenuto a distanza dalle pareti della camera. La fonte di energia è il calore generato dalla fusione dei nuclei atomici.

“La stella più forte del mondo”

“Wendelstein 7-X è davvero la stella più potente del mondo”, ha affermato il direttore scientifico di IPP, Sibylle Günter. “L’espansione ora completata ci offre l’opportunità di aumentare i parametri di prestazione critici di una centrale elettrica a fusione e dimostrare che Star Instruments può funzionare in modo affidabile in funzionamento continuo”. Il Segretario di Stato per la Scienza Bettina Martin (SPD) ha confermato che il Wendelstein 7-X è oggetto di ricerca presso il sito di ricerca del Meclemburgo-Pomerania occidentale al più alto livello internazionale sulle soluzioni sostenibili per il futuro fabbisogno energetico. “Il governo statale del Meclemburgo-Pomerania occidentale è orgoglioso di ospitare la struttura stellare più importante del mondo, Wendelstein 7-X”.

READ  Una nuova combinazione di farmaci Corona: i ricercatori celebrano la svolta

Fonte di energia nucleare senza scorie altamente radioattive

L’energia da fusione deve ancora essere generata nell’impianto di Greifswald. L’obiettivo è quello di ricercare la fusione nucleare per poterla utilizzare nelle future centrali elettriche per generare energia basata sul sole. A tal fine, il calore generato nell’ambiente deve essere utilizzato come fonte di energia e convertito in energia elettrica mediante scambiatori di calore e turbine a vapore o dissipato come calore diretto negli impianti di riscaldamento. Anche le centrali a fusione sono centrali nucleari, ma senza le scorie altamente radioattive. Il costo totale del Wendelstein 7-X è di 1,3 miliardi di euro. Il progetto, iniziato nel 1996, è finanziato dai governi federale, statale e dell’Unione europea.

Maggiori informazioni

Sibylle Günter del Max Planck Institute for Plasma Physics e il supervisore Thilo Tautz in conversazione

7 minuti

Questo è sotto inchiesta a Greifswald. Sibylle Günter del Max Planck Institute for Plasma Physics spiega cosa si spera. 7 minuti

Questo argomento è nel programma:

Radio NDR 1 MV | notizie | 09.08.2022 | 07:00

NDR.logo