Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Esecuzione per blasfemia? Si diceva che il ragazzo (8 anni) stesse urinando nella scuola di memorizzazione del Corano

RTL.de>newsletter>

12. agosto 2021 – 14:08 ora

Pakistan: si dice che un bambino di otto anni abbia urinato in una scuola di memorizzazione del Corano

Un bambino indù di otto anni rischia la pena di morte in Pakistan. L’accusa: incredulità. Si dice che il bambino abbia urinato intenzionalmente in una scuola di memorizzazione del Corano e che sia stato inizialmente posto sotto custodia della polizia. La sua liberazione ha scatenato una folla inferocita.

“Non sa nemmeno cosa significhi in realtà blasfemia.”

Un religioso ha affermato che il bambino di otto anni stava urinando nella biblioteca della scuola coranica. Poi il bambino è stato accusato di blasfemia, punibile con la morte in Pakistan. Un parente del ragazzo ha detto al Guardian: “Non sa nemmeno cosa significhi veramente blasfemia. È accusato di qualcosa che non ha fatto. Non capisce il suo presunto crimine e perché ha trascorso quasi una settimana in prigione. “

Il ragazzo è attualmente sotto la protezione della polizia. Dopo il suo arresto la scorsa settimana, il ragazzo è stato inizialmente rilasciato su cauzione. Un portavoce della polizia ha detto che un tribunale ha poi stabilito che era troppo giovane per essere condannato in base alla legge sulla blasfemia. La blasfemia può essere punita con la morte in Pakistan. A seguito del rilascio, musulmani arrabbiati hanno preso d’assalto un tempio indù e distrutto porte, finestre e busti indù. Preoccupato per la vita del bambino di otto anni, è tornato in custodia della polizia. La sua famiglia si nasconde per paura di aggressioni.

READ  Attacco intenso a Tel Aviv: l'esercito israeliano attacca la casa del leader di Hamas

A causa del timore di ulteriori attacchi alla comunità indù di Rahim Yar Khan, le autorità hanno persino dovuto chiedere aiuto all’esercito. Secondo il Guardian, sabato (6 agosto) sarebbero state arrestate 20 persone in relazione all’assalto al tempio. Il primo ministro pakistano Imran Khan ha condannato l’attacco su Twitter. Aveva ordinato l’arresto di tutti i colpevoli e la polizia per indagare sulla negligenza. Ha anche promesso che il governo avrebbe ricostruito il tempio distrutto. (csp)