Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Escursioni sul mare all’Elba


Portoferro
La Grande Traversatta Elbana è l’ultimo sentiero escursionistico dell’Elba: in tre o quattro giorni raggiungerà le creste più alte dell’isola. Sono garantite ampie viste sul mare.

Heik Shnering mantiene un insolito rituale escursionistico. Nella sua borsa, dice, c’è sempre un settore. All’Elba? “Vedrai perché presto.”

Schnering, 59 anni, conosce l’Elba meglio dei residenti di lunga data. Una donna della zona di Heilbronn che vive qui da 30 anni, guida gli escursionisti attraverso l’isola ogni giorno in primavera e in autunno. Ma lei ha rispetto per questo tour: per tre giorni sarà in tutta l’isola, sulle creste e sulle vette più alte. La Grande Traversata dell’Elba, abbreviata GTE, è una delle punte interne più frequentemente chiamate. Infatti hanno 40 anni.

I segnali indicano che il percorso meridionale da Cao a Pomonte è lungo circa 51 km e il percorso settentrionale per Patricia è di circa 59 km. Entrambi i tipi hanno più di 2000 metri di dislivello sopra e sotto. Ma l’inizio è rilassante.

Alla località balneare di Cao, passeggi lungo la spiaggia, quindi sali tra le ville dormienti. Le palme di cactus e yucca crescono nei giardini davanti. Si percorre sentieri tortuosi, tra lecci e penne d’erica, allori e profumati lentischi.

I minatori locali hanno allestito il loro monumento nel mezzo della foresta mediterranea. Molti vacanzieri notano già la torre durante la gita in barca. All’inizio del 20° secolo i Doniti, molto ricchi grazie alla licenza di estrazione di minerali, si costruirono una tomba. “Ma alla fine la famiglia non ha ottenuto il permesso di seppellire qui i propri morti”, ha detto Schnering. L’edificio d’onore è obsoleto.

L’Elba è stata a lungo parte della Rur nel Mediterraneo e gli Etruschi estrassero minerale di ferro dalla terra 2000 anni fa.

READ  Sparkco - Novità Satyrrol nelle Migliori Banche d'Italia

Magvis e la foresta

La GTE passa per Machiavelli, un comune arbusto mediterraneo di ginepro e rosmarino, mirto e cisto. Presto il Magvis lascerà il posto a fitte foreste. I muretti a secco che un tempo esistevano nei vigneti si stanno sgretolando al suolo. “Era tutto fatto a mano”, dice Schnering. “Lo fai solo se non hai altra scelta.” Con l’avvento del turismo, molti produttori di vino hanno smesso di drogarsi.

La vista per la prima volta è mozzafiato sul sentiero di montagna fino al Monte Strega, il Monte delle Streghe. “È all’altezza del suo nome”, ha detto Schnering. Se possibile, evita le salite ripide con i clienti, poiché il vento spesso soffia verso l’alto. Tuttavia, in questo giorno, il percorso arioso è un sogno. Sopra le verdi colline si scorgono sulla destra la Baia Turchese e le località di villeggiatura di Nisporto e Nisportino e sulla sinistra il paese minerario di Rio Nell Elba.

Un sacco di altezza

Con oscillazioni continue, si percorre il Monte Campanello e la Sima del Monte. Ma comunque, vola sopra l’isola verde lussureggiante che si estende attraverso la vista. Così come il Golfo di Portofero e le montagne di granito alle sue spalle non sono abbastanza belle, le rovine del Castello Voltaire si trovano di fronte a te in cima alle rocce color ocra del litchi.

La discesa giornaliera verso uno dei villaggi comporta molto dislivello. Perché GTE non ha rifugi o pascoli. L’unico modo per arrivarci è presso l’allevamento di capre Terra e Guer. Eugenio Survillo tiene 80 pecore in una delle vecchie discariche sopra Porto Azzurro. Il 34enne e sua moglie usano il loro latte per fare gelati e formaggi. “Questa pace, questa visione, è un lusso per me”, dice Cervillo, che in precedenza ha vissuto a Roma.

READ  Italia: Perché diventare dipendenti dalle vacanze sul Lago di Carta

Il nuovo percorso è molto eccitante

Chi passa la notte in una tenda da safari in campagna lo capisce. Dalla montagna si vede il sole che sprofonda nel mare, poi le luci delle barche sul Mar Nero. Portoferro brilla di notte.

Non tutte le parti del percorso sono così belle. La mattina dopo da Terra e Cure si attraversa la strada asfaltata, le pinete e la vecchia strada militare. Di tanto in tanto una moto fa rumore. Per i mitteleuropei, tuttavia, la natura lungo il percorso era abbastanza attraente e attraente. Si superano uliveti e querce da sughero.

Nella seconda fase di GTE è stato facile perdersi nel labirinto di ramificati sentieri forestali. Il sentiero a Monte Orelo un tempo terminava sulla rupe di una cava. Il nuovo percorso attraversa la montagna. E in Valle del Literno si segue ora la cava di roccia erosa, invece di camminare in un ampio semicerchio di serpenti. Il percorso rettilineo è ripido, ma molto emozionante.

Settori Attivi

Almeno i lavoratori del parco nazionale mantengono le tracce dei cacciatori, che sono ricoperte di vegetazione. Tuttavia, sotto Monte Peron, non organizzarono Machiavelli per molto tempo. Dendriti BlackBerry infilati nelle maniche e nelle gambe dei pantaloni. Ora vengono utilizzate le cesoie: Schnerring Snaps Free Way.

La salita lungo il sentiero, ricco di aghi di pino, è ripida e già sudata al mattino. Il vento freddo soffia tra i pini e le felci, dietro la strada del passo più alta di San Duario delle Forfall. Soprattutto in primavera qui volano molte farfalle, illustrate su tabelloni.

La lunga e gloriosa finale di GDE inizia dietro foreste rare. Un sentiero sabbioso attraversa massi spaccati e lavati in modo circolare. A Baumheide si possono vedere le cime rocciose del Monte Capanne e Le Calanche. Le lucertole saltano sul granito, le api ruggiscono. Sopra le lastre di pietra tremanti e i serpenti nella foresta ombrosa, va un’ultima volta al bivio che si divide in entrambe le direzioni.

READ  Possibilità di vaccinarsi in Italia: vaccinarsi anche obbligatoriamente - commenta

Birra e bagno in mare

Ecco gli ultimi, i più instabili, che decidono di prendere la mano meridionale a Pomonte. Il cartello dà loro meno di tre ore e mezza e altre otto ore per Patricia sulla rotta nord.

Anche la versione più corta è adeguata. Dalla sella sotto il Monte Cabane dove le famiglie combattono su un sentiero protetto da cavi d’acciaio, si sale su un colle dal panorama incantevole. Lo scenario sorvola la valle verde bosco della Val di Pomonte e conduce all’isola di Pianosa attraverso il mare scintillante.

Dopo le infinite curve di Harbin, un Hefeweizen allo street bar di Pomonte ti premia. E un bagno serale nel Tirreno.

Arrivarci: In treno fino a Piombino Marittima via Milano. Lì, i motoscafi attraversano il Cao in circa 20 minuti al giorno.

Tempo di viaggio: La stagione escursionistica va da marzo a metà giugno e da settembre a ottobre. Ad aprile sbocciano macchiato e fiori. In estate di solito fa molto caldo per le escursioni.

Informazione: Ufficio Italiano del Turismo, Barckhausstraße 10, 60325 Francoforte, Telefono 069/23 74 34, Email: [email protected]

  

www.italia.it

Suggerimenti per le escursioni da Hike Schnering:

http://elba-wandern.de/

Consigli di viaggio e sicurezza per l’Italia online

http://dpaq.de/z4qup

Viaggi del lettore NWZ

Fantastici viaggi di vacanza – Ben organizzati e curati con i compagni di viaggio tedeschi di Oldenburg.