Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Enigma Corona risolto? Cosa c’entra il virus Epstein-Barr con il Long-Covid?

  • NSTim Vincent Thicke

    Chiudere

Alcune persone lamentano sintomi prolungati della malattia di Covid dopo l’infezione da corona. I ricercatori hanno ora apparentemente scoperto un collegamento con il virus Epstein-Barr.

Francoforte – Più del 95% degli adulti sani nel mondo è infetto dal virus di Epstein-Barr (EBV). Di solito il virus dorme nel corpo e passa inosservato. Ma la malattia, lo stress e altri fattori possono riattivare l’infezione e causare la febbre ghiandolare di Pfeiffer. I ricercatori hanno ora scoperto che l’EBV si trova nella maggior parte delle persone dopo l’infezione da Corona virus attivo. Il lungo mistero del Covid si è risolto?

C’erano già indicazioni di un legame tra il virus Epstein-Barr e il corona in uno studio condotto al Renmin Hospital di Wuhan, dove il virus è scoppiato alla fine del 2019 secondo lo stato attuale delle conoscenze. Sulla base delle osservazioni fatte dal gruppo di ricerca cinese, i ricercatori americani e turchi hanno ora studiato la relazione tra i virus – sotto la supervisione di Jeffrey Gould dell’organizzazione mondiale.

I sintomi del Covid a lungo termine ricordano la malattia causata dal virus di Epstein-Barr

I ricercatori hanno scritto in Studio pubblicato. L’elenco dei sintomi Long Covid è lungo. Gli intervistati hanno fornito circa 200 diversi segni della malattia in un sondaggio online. Le persone colpite hanno riportato, tra le altre, le seguenti lamentele:

  • Difficoltà a concentrarsi
  • ‘cervello annebbiato’
  • Male alla testa
  • problemi di memoria
  • fatica
  • disturbi della ricerca di parole
  • Perdita del senso del gusto e dell’olfatto
  • Disordini del sonno
  • intorpidimento
  • Disagio alle articolazioni e ai muscoli

Nel nuovo studio, il team ha testato 185 persone che avevano contratto il coronavirus e da allora avevano sviluppato Long-Covid-19. Il risultato: quasi il 30% delle persone intervistate in modo casuale ha sviluppato sintomi 30 giorni dopo l’infezione, quindi si sono lamentati del Long-Covid. Quando gli scienziati hanno esaminato i campioni di sangue di questi partecipanti, hanno scoperto che il 66,7% aveva un’infezione da EBV, che è stata riattivata. Nelle persone senza malattia Long Covid, il virus Epstein-Barr riattivato viene rilevato solo nel 10% di tutti i casi.

READ  Maggiore rischio di cancro a causa di diabete e obesità: una "chiara relazione di rischio"

Long Covid: che ruolo gioca il virus Epstein-Barr?

Sulla base dei risultati dello studio, Gold e il suo team ipotizzano che l’infezione da MERS possa portare a una riattivazione del virus Epstein-Barr. Gli scienziati hanno concluso: “Questi risultati suggeriscono che molti dei sintomi di Long Covid potrebbero non essere direttamente attribuibili a Sars-CoV-2, ma piuttosto alla riattivazione di EBV causata da Covid-19”.

Poiché i sintomi dei due virus sono molto simili, i ricercatori sospettano che il virus Epstein-Barr sia alla base di almeno alcuni casi di Long Covid. “Anche se la riattivazione dell’EBV non è responsabile di tutti i casi di affaticamento ricorrente o annebbiamento cerebrale dopo Covid-19, i dati suggeriscono che svolge un ruolo in molti, o forse anche nella maggior parte, dei casi di Long-Covid-19”.

Il rapporto tra Epstein Barr e Corona: uno studio utile per la ricerca

Sebbene lo studio di 185 partecipanti sia molto piccolo, potrebbe essere utile per gli scienziati che studiano la corona. La conoscenza dei collegamenti tra la riattivazione di Sars-CoV-2 e l’EBV crea nuove possibilità per la diagnosi Long-Covid e possibili trattamenti, secondo il team di ricerca statunitense-turco. “Riteniamo che sarebbe consigliabile determinare se i pazienti infetti da MERS-CoV mostrano segni di riattivazione dell’EBV”, afferma lo studio.

Non esiste una vaccinazione o un trattamento diretto contro il virus di Epstein-Barr Ärtz: all’interno, se compare la febbre ghiandolare di Pfeiffer, tutto ciò che possono fare è alleviare i sintomi. L’ibuprofene o il paracetamolo possono essere utili per malattie lievi, mentre i professionisti medici usano i principi attivi ganciclovir o aciclovir per sopprimere la moltiplicazione del virus nel corpo.

Ex giocatore del BVB affetto da Long Covid – diagnosticato anche il virus di Epstein-Barr

Le prove di un collegamento tra i virus stanno aumentando. Ad esempio, Marco Steppermann, ex professionista del Borussia Dortmund, ha dovuto rescindere il suo contratto con una squadra di calcio inglese a causa della pandemia di Covid-19. “Nella fase molto stressata durante le partite e gli allenamenti, continuavo ad avere le vertigini. Per sei mesi non ho capito cosa non andasse in me e nessuno poteva aiutarmi”, ha detto Stepperman in un’intervista a Sport Build. con il virus di Epstein-Barr alla fine del 2020.

READ  Cuore spezzato in scatola - paziente sconcertato

Il 30enne ha dichiarato: “I medici presumono che soffro anche di Covid-19, conseguenze a lungo termine dell’infezione da Corona”. Soffriva ripetutamente di forti mal di testa, vertigini e stanchezza. (Tim Vincent Dickey)