Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Emissioni di anidride carbonica: i comuni sono leader nella protezione del clima?

Stato: 15/11/2022 11:40

Mentre la comunità internazionale in Egitto lotta per una maggiore protezione del clima, qualcosa sta accadendo su piccola scala. Le comunità stanno per diventare carbon neutral. Il potenziale di risparmio di anidride carbonica è significativo.

A prima vista, Kastl in der Oberpfalz assomiglia a molti comuni della Germania: un centro storico con castello e chiesa circondato da case unifamiliari che si estendono a valle e sulle colline. Tuttavia, la piccola città mercato ha ottenuto qualcosa che la comunità internazionale può solo sognare: negli ultimi 20 anni, le emissioni di anidride carbonica del settore pubblico sono state ridotte di due terzi.

Il sindaco Stefan Braun indica il tetto degli spogliatoi della piscina all’aperto locale. Dal 2003 è completamente ricoperto da una fitta rete di tubi in PVC nero. “Questa è stata la prima azione che abbiamo intrapreso”, spiega Brown. L’acqua della piscina qui viene riscaldata con il calore del sole e restituita alla piscina. “Abbiamo già 28 gradi in piscina all’inizio dell’estate”, afferma Brown. L’ex caldaia a gas è diventata superflua. Ciò consente al comune di risparmiare 15.000 euro all’anno. L’investimento nel sistema di assorbimento sul tetto è stato di 45.000 euro – si è davvero ripagato dopo tre anni.

Il riscaldamento locale consente di risparmiare 500.000 litri di petrolio

Anche le altre misure di Kastl aiutano il clima: i moduli solari sono ora standard, almeno negli edifici pubblici, ad esempio in un impianto di trattamento delle acque reflue, dove l’energia solare viene utilizzata in modo più diretto. Al confine della comunità in fondo alla foresta gira una turbina eolica della comunità – con tre megawatt di potenza, in teoria tanta elettricità quanta l’intera comunità consuma, in pratica l’elettricità finisce nella rete pubblica.

READ  Ecco come vede oggi la cometa C/2017 K2

Inoltre: una stazione di riscaldamento a cippato fornisce calore locale. Viene rifornito dai contadini in un raggio di dieci chilometri e invia acqua calda agli edifici pubblici e ora anche a una cinquantina di famiglie. La rete di gasdotti è attualmente in fase di ampliamento. “In passato, nessuno voleva il riscaldamento locale perché era un po’ più costoso del riscaldamento a gasolio”, dice Brown. “Intanto corrono da noi.” Il sindaco calcola che attualmente la comunità risparmia circa 500.000 litri di gasolio all’anno con il solo riscaldamento locale.

Le comunità da sole non salveranno il clima

Carsten Warnecke del NewClimate Institute di Colonia elogia l’impegno di molte comunità. Tuttavia, una maggiore protezione del clima richiede anche le grandi politiche attualmente in fase di negoziazione alla Conferenza delle Nazioni Unite sul clima in Egitto. “Abbiamo bisogno di una massiccia espansione delle energie rinnovabili”, afferma Warnecke, “penso che ormai tutti lo abbiano capito. Ma deve davvero accadere”. Perché non importa quanto le società provvedano a se stesse, possono fare ben poco per garantire da sole l’approvvigionamento energetico per l’industria, per esempio.

Questo è un problema particolare nelle grandi città e nelle aree urbane. L’esperto del clima sta ora osservando con sospetto il rinvigorimento delle centrali elettriche a carbone e degli investimenti nelle infrastrutture del gas. Il pericolo maggiore è che non solo questo sviluppo è temporaneo, ma che anche i depositi di gas di nuova concezione verranno utilizzati a lungo termine e la Terra continuerà a riscaldarsi.

Le emissioni sono ai livelli pre-pandemia

Infatti, notano i ricercatori, le emissioni di anidride carbonica quest’anno sono simili a quelle prima della pandemia, con oltre 40 miliardi di tonnellate in tutto il mondo. Questa è la conclusione a cui è giunto Rapporto attuale del progetto scientifico internazionale Global Carbon Budget. Poiché viene abbattuta così tanta foresta pluviale, si perde un importante cuscinetto in grado di assorbire l’anidride carbonica. Se questo livello continua per altri nove anni, non sarà possibile mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1,5 gradi. Pertanto, gli obiettivi climatici dell’accordo di Parigi sono in pericolo immediato.

READ  Sei ancora contagioso? Il valore Ct fornisce un segnale

Anche comuni come Kastl hanno molte opzioni. Finora, la società è riuscita a ridurre le emissioni annuali di anidride carbonica da 480 tonnellate a 200 tonnellate – nel campo della pubblica amministrazione. Tuttavia, se un maggior numero di abitazioni private passa a fonti energetiche rinnovabili, sarà possibile risparmiare molto di più. In media, ogni cittadino tedesco attualmente emette circa otto tonnellate di anidride carbonica all’anno.

Un sacco di potenziale

Il sindaco Castle Brown vorrebbe vedere più impegno da parte dei cittadini. Di circa 1.000 tetti, solo 180 sono attualmente utilizzati per il fotovoltaico o per l’acqua calda, ha calcolato. La maggior parte delle case è ancora riscaldata a gasolio. Con il cadavere solare, ogni membro della comunità può scoprire autonomamente online se il proprio tetto è adatto per un impianto fotovoltaico. “C’è ancora molto potenziale”, dice Brown. Tuttavia, alcuni hanno riconosciuto i segni dei tempi e gli impianti fotovoltaici vengono attualmente approvati regolarmente.

La comunità presto vuole costruire una seconda centrale elettrica a cippato in modo da poter fornire più case unifamiliari con il riscaldamento locale. In questo modo è possibile risparmiare circa 1 milione di litri di gasolio all’anno. E: alcuni tabù vengono scossi. Il comune sta valutando la possibilità di dotare gli edifici protetti di pannelli solari. “Dobbiamo valutare con urgenza ciò che è più importante per noi”, afferma Brown. “Lascia i vecchi edifici così come sono. O combatti il ​​cambiamento climatico”.