Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Elezioni presidenziali in Italia: L’immortale gareggia contro il nonno

Berlusconi, che oggi ha 85 anni, vuole essere il nuovo capo di stato italiano e ostacola la candidatura del premier Troy. Una partita pericolosa, perché alla fine il Paese non può fare a meno di Draghi.

È passato meno di un anno da quando il primo ministro italiano Mario Tragi è stato eletto alla carica dopo un colpo di stato politico che ha cacciato il suo predecessore, Giuseppe Conte, e gli italiani possono aspettarsi un’altra grande rivalità. Il mandato di sette anni di Sergio Materella come capo di stato scade e il 24 gennaio iniziano le elezioni per determinare il suo successore. Il centrodestra si affida fermamente, se non del tutto automaticamente, all’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia. La maggior parte del centrosinistra sostiene il primo ministro Drake.

Non è raro che i campi mettano in campo candidati diversi, ma questa è una battaglia politica per la forza che può sfuggire di mano. Perché anche se l’ufficio del capo dello stato è più rappresentativo che in Germania, secondo l’avvocato costituzionale Giuseppe Pisicchio ntv.de è adatto a una situazione simile alla fisarmonica. Ad esempio, se una coalizione inciampa o i partiti non sanno cosa fare, spetta al capo dello Stato destabilizzare la situazione.

Un esempio lampante è la decisione presa da Matterella un anno fa di proporre Tracy come primo ministro invece di indire nuove elezioni. A causa dell’epidemia delle sue drammatiche conseguenze economiche e sociali, nuove elezioni dall’esito incerto avrebbero potuto danneggiare ulteriormente l’Italia e renderla più instabile. Ciò avrebbe messo in discussione l’assistenza dell’UE.

Ci sono traditori nell’entourage di Berlusconi?

Il Presidente italiano è eletto dal Senato, dalla Camera dei Deputati e da 58 delegati delle Regioni. Ci sono un totale di 1008 elettori in Assemblea. Nei primi tre turni il candidato necessita della maggioranza dei tre quarti, dopodiché è sufficiente la maggioranza assoluta.

READ  Paolo DiPala vuole restare in Italia - Roma stato polare

Per protocollo, nessuno può votare per se stesso come candidato, ma solo per accettare o rifiutare la candidatura. Il “Guardiano” – Berlusconi – non si è mai tirato indietro nell’evitare il protocollo. Nonostante abbia 85 anni e sia in cattive condizioni di salute, vuole concludere la sua carriera politica a Guernsey, la sede del capo dello Stato, con una nota gloriosa. Più volte è stato dichiarato politicamente morto e vuole mostrarlo di nuovo a tutti.

Mario Draghi in conferenza stampa il 23 dicembre.

(Foto: Image Alliance / Agenzia di stampa Xinhua)

Nessuno scommetterebbe che Berlusconi ce la farebbe, ma non è del tutto discutibile. Dopotutto, gli ha giurato il centrodestra. Entrambe le camere hanno 451 membri, con la maggioranza in parlamento. Il boss della Lega nazionale di destra Matteo Salvini e la leader di destra di Fratelli d’Italia Georgia Meloni hanno accettato con riluttanza la sua candidatura. “Considerando le elezioni parlamentari della primavera del 2023, a Drake piacerà di più Meloni”, dice Piccio. “Il centrodestra guida il voto. In queste elezioni parlamentari, Meloni spera che il suo partito ottenga più voti nel centrodestra e che abbia il diritto di governare. Ma questo non glielo permetterà. La sua reputazione nell’arena dell’Unione sarebbe una garanzia che l’Italia non seguirebbe le basi dell’Ungheria sotto Arban.

Non è quindi da escludere che tra Fratelli, Lega e proprio partito di Berlusconi possano esserci traditori, che votano di nascosto alle urne in modo diverso da quanto promesso.

Il “nonno che serve la nazione” perderà il lavoro

“Certo Berlusconi sa di non potersi fidare ciecamente dei propri”, insiste in un’intervista a ntv.de Marzio Breda, autore dei giornalisti di Guernail e autore di diversi libri sui presidenti italiani. “Ecco perché da settimane dialoga dietro le quinte con un gruppo di parlamentari apartitici. Circa 100 persone, i cui voti gli assicureranno facilmente la maggioranza assoluta”.

READ  Incidente in funivia in Italia: una confessione e tante domande senza risposta

È difficile dire se Berlusconi credesse in una vittoria. Tornare in politica potrebbe avergli dato soddisfazione. È un eterno rassicuratore: spesso dichiarato morto politicamente, è sempre tornato.

È certo che Berlusconi è diventato un ostacolo alla candidatura di Drake. Alla conferenza stampa annuale, quando gli è stato chiesto se fosse pronto a trasferirsi a Guernsey, il presidente del Consiglio ha risposto: “La mia vita personale qui non conta. Non ho particolari ambizioni, sono solo un uomo e nonno al servizio. nazione.” Ha cercato di placare le preoccupazioni sullo stato del suo governo se fosse stato eletto presidente e sul fatto che tutte le basi e le precondizioni necessarie fossero state ora poste, in modo che il programma di riforma “chi guidava” potesse continuare.

Per ora Draghi può tranquillamente affermare di avere il sostegno del PD socialdemocratico. D’altra parte, il movimento a cinque stelle è ancora diviso. Alcuni di loro vedranno Matterella in ufficio. Quest’ultimo, però, ha sempre respinto con veemenza la volontà del Secondo Comando.

Finora nessuno è stato soccorso nell’emergenza

“Nelle prossime tre settimane circa, le parti dovranno concordare un candidato”, afferma Preda. “Tuttavia, ciò che manca è il cosiddetto Kingmaker, il politico che ha mediato tra loro e li ha uniti”.

Draghi accetterà la candidatura solo se avrà il sostegno di una maggioranza, come l’attuale coalizione di governo. Anche se lo accetta, si dimetterà da primo ministro se non ottiene una maggioranza di due terzi. “Allora il Paese affronterà davvero il caos”, teme Piccio. “Le parti non sembrano essersi ancora rese conto di questo rischio”.

READ  Serie A: Spirale Gigante in Italia! La star di Firenze Cabral sta guardando l'addetto stampa qui? - Calcio

Ma prima che ciò accada, Matterella potrebbe tornare in gioco. “Questa non sarà la prima volta”, ha ricordato Preda. “Giorgio Napolitano, suo predecessore, è stato costretto ad accettare un secondo mandato a tempo determinato dopo che le parti hanno perso completamente”. Data la grave crisi che sta attraversando l’Italia, è difficile immaginare che Materella lasci il Paese. “Come Napolitano, può promettere una rielezione temporanea. Soprattutto lui e Draghi sono per la stabilità all’estero e l’attuazione sistematica del piano di ristrutturazione”, ha detto Freda. Certo, questo sarebbe un altro insulto alla politica italiana.