Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Skoda_Enyaq_iV_1

E-Škoda Enyaq iV: le richieste in arrivo ‘molto più alte del previsto’

Koda ha ricevuto ordini per il suo secondo veicolo elettrico dalla fine dello scorso anno Enyaq iV a. Il SUV è il primo modello del marchio basato sul volante elettrico standard (MEB) della casa madre Volkswagen. Enyaq iV viene accolto meglio di quanto la direzione sperava.

“Gli ordini in arrivo sono molto più alti di quanto ci aspettassimo. Al momento abbiamo più di 20.000 preordini”, ha dichiarato Thomas Schaeffer, presidente della società, in un’intervista. Autobild.de. Ha sottolineato che gli ex clienti hanno richiesto ciecamente l’auto elettrica, “cioè senza vederla o guidarla dal vivo”. Koda prevedeva di essere in grado di costruire 350 veicoli al giorno nella sua sede di Mlada Boleslav, che ora aumenteranno a 500 unità al giorno al più presto.

Prima dell’Enyaq iV, koda possedeva l’auto compatta all’inizio del 2020 CitigoE iV Basato sull’e-up VW! Entrambi furono lanciati ed entrambi erano basati su una piattaforma di combustione. A causa dell’elevata domanda, gli ordini CitigoE iV non sono più accettati. Enyaq iV è l’unico veicolo completamente elettrico di koda al momento, ma non dovrebbe rimanere così.

A marzo, koda ha annunciato che Enyaq iV sarà disponibile anche in una versione coupé. Per quanto riguarda il Green Deal in particolare, è chiaro: “Skoda ha bisogno di almeno quattro auto elettriche entro la fine del decennio”, ha detto ora Schaeffer. “Almeno uno sotto Enyaq iV, e un altro forse delle dimensioni di Octavia. Ma ciò non accadrà fino alla seconda metà del decennio”. Nel frattempo, il fornitore ceco è in una “posizione perfetta” con il suo portafoglio che ora anche include componenti ibridi.

READ  Vodafone ha lanciato oggi il blocco 3G in diverse città

Se vuoi acquistare Enyaq iV, sii paziente o rinuncia all’attrezzatura: Skoda può consegnare, sottolinea Schaeffer, ma questo dipende dalle singole opzioni e dalle dimensioni della batteria. Attualmente ci sono “limitazioni minori” sulle batterie.

Alcuni sospettano che, secondo la direzione del gruppo, koda si sia avvicinata al marchio di base Volkswagen negli ultimi anni. Alla domanda su cosa la sua azienda dovrebbe essere autorizzata a fare all’interno del gruppo in futuro, Schaeffer ha detto: “Possiamo avere il maggior successo possibile”. L’obiettivo è quello di attaccare maggiormente i settori sensibili ai prezzi e fare soldi anche lì utilizzando la “disciplina dei costi elevati”. Attacca anche settori che altri marchi del gruppo non possono prendere di mira. Ma non saresti mai un marchio economico come Dacia. I concorrenti sono Hyundai e Kia, non Audi e VW – “La concorrenza è all’esterno, non all’interno”, ha sottolineato Schaeffer.