Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Due morti al largo della costa dell’Oman: Israele e Iran litigano per l’attacco alla petroliera

Due morti al largo dell’Oman
Israele e Iran litigano per l’attacco alla petroliera

Un presunto attacco di droni su una petroliera israeliana ha scatenato una disputa tra Israele e Iran. Non solo il primo ministro Bennett, ma la Gran Bretagna ha accusato Teheran di essere dietro l’attacco e ne ha chiesto le conseguenze.

Il presunto attacco di droni su una petroliera nell’Oceano Indiano ha riacceso il conflitto tra l’arcinemico Israele e l’Iran. Il governo di Teheran ha negato l’affermazione di Israele di essere responsabile del sanguinoso attentato. Anche il ministero degli Esteri britannico sospettava che dietro l’attacco ci fosse Teheran. Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha promesso a Israele che avrebbe sostenuto Washington nelle indagini.

La petroliera MT Mercer Street, gestita da un pioniere israeliano, è stata attaccata giovedì al largo delle coste dell’Oman. Un romano e un membro dell’equipaggio britannico sono stati uccisi. L’esercito americano ha detto che c’erano prove “chiare” che l’attacco fosse stato effettuato da droni.

Il primo ministro israeliano Naftali Bennett ha affermato che ci sono “prove di intelligence” della colpevolezza dell’Iran. “Ci aspettiamo che la comunità internazionale chiarisca al regime iraniano che ha commesso un grave errore”, ha aggiunto. Bennett ha anche minacciato Teheran di ritorsioni: “In ogni caso, sappiamo come possiamo trasmettere un messaggio all’Iran a modo nostro”.

Marines americani a bordo

Il governo iraniano ha negato le accuse di Israele. Il portavoce del ministero degli Esteri Saeed Shatibzadeh ha affermato che il “regime sionista” dovrebbe fermare le sue accuse contro Teheran. L’Iran “non esiterà a difendere i propri interessi e la sicurezza nazionale”.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha dichiarato durante il fine settimana che il segretario Blinken e il suo collega israeliano, Jair Lapid, hanno concordato di lavorare con altri partner per determinare i “fatti” dell’attacco a MT Mercer Street e per discutere “i passi aggiuntivi appropriati”.

Anche la Gran Bretagna ha incolpato Teheran per l’attacco. Il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab ha affermato che Londra ritiene che l’attacco sia una “violazione deliberata, intenzionale e chiara del diritto internazionale da parte dell’Iran”. Secondo stime britanniche, l’Iran ha utilizzato “uno o più droni”.

Secondo l’operatore Zodiac Maritime, la petroliera era in viaggio da Dar es Salaam in Tanzania a Fujairah negli Emirati Arabi Uniti senza carico utile al momento dell’attacco. Dopo l’attacco, l’equipaggio ha effettuato una chiamata di emergenza alla quale hanno risposto i marines statunitensi a Washington. Salirono a bordo di MT Mercer Street per supportare l’equipaggio e videro le prove dell’attacco lì.

Paralleli all’attacco in Iran

Nella regione del Golfo sono frequenti gli attacchi alle navi, che gli esperti vedono come parte della guerra ombra tra Israele e Iran. La società di consulenza per la sicurezza marittima Dryad Global ha affermato che da febbraio ci sono stati cinque attacchi a navi collegate a Israele. Nello stesso periodo furono attaccate due navi collegate all’Iran.

L’ex generale di brigata israeliano ed esperto di sicurezza Shlomo Brom ha affermato che l’attacco a MT Mercer Street è stato parallelo a un presunto attacco di droni a una fabbrica di centrifughe iraniana a giugno che è stato attribuito a Israele. “Gli iraniani ci stanno imitando e usano gli stessi metodi”, ha detto Broome. Ma né l’Iran né Israele sono interessati a una “grande escalation”.

L’attacco alla petroliera è avvenuto sullo sfondo di difficili colloqui sul rilancio dell’accordo nucleare internazionale con l’Iran. I colloqui di Vienna, in cui sono indirettamente coinvolti gli Stati Uniti d’America, sono stati recentemente sospesi, ma dovrebbero continuare dopo l’insediamento del nuovo presidente iraniano Ebrahim Raisi giovedì prossimo.

READ  Grecia: incendi boschivi fuori controllo - Atene minacciata di blackout