Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Dow & Co continua a scivolare: paura dei tassi di interesse in borsa


Rapporto di mercato

Stato: 14/06/2022 22:56

Un giorno prima dell’attesissima decisione sui tassi da parte della Federal Reserve, l’umore nei mercati azionari si è ulteriormente deteriorato. Il Dow Jones è sceso al livello più basso in un anno e mezzo.

Quanto in profondità puoi andare? I mercati azionari statunitensi hanno continuato il loro declino oggi. L’indice di riferimento, il Dow Jones, è sceso nuovamente dello 0,5%. A volte la sottrazione era maggiore. Il tentativo di recupero è fallito all’inizio delle negoziazioni. Negli ultimi quattro giorni di negoziazione, il Dow è sceso di quasi l’8%. Anche il più ampio S&P 500 ha perso più terreno, scendendo dello 0,4%. Da ieri l’indice è ufficialmente in un mercato ribassista. Solo il Nasdaq pesantemente tecnologico ha mantenuto la sua posizione leggermente affermativa.

Di quanto la Fed aumenterà i tassi di interesse?

“Gli investitori sono preoccupati”, ha affermato il gestore di portafoglio Paul Nolte di Kingsview Wealth Manager. Stanno aspettando con impazienza l’evento più importante della settimana, la decisione sui tassi della Federal Reserve mercoledì sera. In borsa è ormai certo che la Fed aumenterà il tasso di riferimento di 0,75 punti percentuali invece degli indicati 0,5 punti percentuali. Questo sarebbe il più grande aumento dei tassi dal 1994. “Gli investitori si sono resi conto che la Fed non ha più il lusso di potersi prendere il suo tempo”, afferma il market watcher Yoshin Stanzel del broker online CMC Markets.

I prezzi alla produzione tornano a salire a doppia cifra

Le preoccupazioni degli investitori sui tassi di interesse sono state supportate dai nuovi dati economici. I prezzi alla produzione statunitensi non indicano ancora un rallentamento dell’elevata inflazione. È aumentato a maggio del 10,8% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Pertanto l’aumento è rimasto visibile nella fascia percentuale a due cifre. Ad aprile, c’è stato un aumento più forte di un 10,9 percento rivisto. La prima stima era dell’11,0%.

Il tasso di inflazione negli Stati Uniti è recentemente salito all’8,6%. Molti economisti vedono già emergere una spirale salari-prezzi e temono un rallentamento economico. Cresce il rischio di una recessione negli Stati Uniti.

L’indice DAX cade per il sesto giorno consecutivo

Anche il DAX non è stato in grado di tenere il passo con la tendenza al ribasso. Ha perso i suoi forti guadagni iniziali nei prezzi e ha chiuso in ribasso dello 0,9%. Questa è stata la sesta giornata di sconfitte consecutiva. Nel corso di una settimana, il DAX ha perso ben 1.300 punti. .

READ  Mützenich richiede alle aziende pagamenti una tantum per i dipendenti

Nessun sbalzo d’umore

Al momento non vi è alcun segno di cambiamento di umore, afferma l’analista Christian Henk dell’agenzia di intermediazione IG. Agli investitori non piace l’attuale mix di inflazione, preoccupazioni sui tassi di interesse e il conseguente timore di una recessione. “Il ghiaccio sulla torta è un altro potenziale arresto in Cina”.

L’indice ZEW è leggermente migliorato

Sullo sfondo di seri problemi nei mercati azionari, l’indice ZEW positivo viene appena notato. Dopotutto, le prospettive economiche degli esperti finanziari tedeschi sono migliorate rispetto a un livello relativamente basso. A giugno, la misura della fiducia ZEW è aumentata di 6,3 punti rispetto al mese precedente a -28 punti.

“Questo è un accenno di miglioramento in rosso. Attualmente c’è poco spazio per l’ottimismo nell’ambiente globale”, afferma Alexander Krueger, capo economista di Hauck Aufhäuser Lampe. Soprattutto, la logistica di consegna vacillante e l’elevata pressione inflazionistica influiscono sull’umore. La fiducia non tornerà finché la geopolitica non sarà di nuovo in carreggiata”.

L’euro è temporaneamente al di sotto di 1,04 dollari USA

L’euro è risalito in serata e il prezzo di 1,0420 dollari. A volte, è sceso brevemente al di sotto della soglia di $ 1,04. Durante la notte, il prezzo della valuta comune è stato di $ 1,0397, che è inferiore a un mese fa. Molti economisti prevedono la parità entro la fine dell’anno.

Il dollaro forte sta mettendo molta pressione sull’euro. La valuta statunitense sta attualmente beneficiando delle aspettative di una decisa variazione dei tassi di interesse statunitensi.

Il petrolio è di nuovo più caro

Anche oggi i prezzi del petrolio sono aumentati. In serata, il prezzo di un barile di Brent del Mare del Nord (159 litri) è stato di $ 124,62, un discreto aumento dell’1,9% rispetto al giorno prima. L’analista Jeffrey Haley dell’intermediazione Oanda ha affermato che il fallimento delle consegne russe non può essere compensato

Un barile di tipo US West Texas Intermediate (WTI) è aumentato dell’1,8% a poco più di $ 123. Pertanto, i prezzi del petrolio rimangono a un livello elevato. Dall’inizio dell’anno sono aumentati di circa il 55%.

Bitcoin continua a diminuire

discesa da Bitcoin e molte altre criptovalute sono continuate. Oggi, la più grande criptovaluta per capitalizzazione di mercato è in calo di quasi $ 20.000. Il livello più basso sulla piattaforma di trading Bitfinex è stato di circa $ 20.860, il livello più basso in un anno e mezzo. Nel novembre 2021 è stato raggiunto un massimo record di circa $ 69.000. Le preoccupazioni per l’inflazione e i tassi di interesse sono state le ragioni principali del calo dei prezzi. Gli investimenti rischiosi come le criptovalute sono gravati da un deciso spostamento dei tassi di interesse perché non generano alcun reddito da interessi corrente.

Air France-KLM raccoglie fondi

La compagnia aerea Air France-KLM ha raccolto miliardi dagli investitori per ripagare gli aiuti di Stato dalla crisi del Corona. Complessivamente, il gruppo ha generato circa 2,26 miliardi di euro mediante l’emissione di nuove azioni. La maggior parte dell’importo sarà iniettato nella sostituzione del sub-bond di circa 1,7 miliardi di euro, che lo Stato francese ha aiutato l’azienda un buon anno fa. I restanti proventi sono destinati alla riduzione del debito.

MorphoSys prevede pagamenti in sospeso

Le azioni MorphoSys sono aumentate del 16% nel late trading. L’azienda biotecnologica affida lo sviluppo di due preparati anticorpali a nuove mani. La società biotecnologica ha stipulato un accordo di licenza per il farmaco per i reni felzartamab e il trattamento del cancro MOR210 con la società statunitense Human Immunology Biosciences (HIBio). La mossa ha lo scopo di aiutare Morphosys a concentrare le proprie risorse sullo sviluppo di farmaci antitumorali più importanti. Oltre a un acconto di 15 milioni di dollari per MOR210 al momento della firma del contratto, i bavaresi hanno diritto a pagamenti futuri fino a 1 miliardo di dollari per entrambi i programmi.

Inoltre, MorophoSys e il partner Incyte, Pfizer, stanno partecipando a una nuova alleanza di ricerca. Nei test, il farmaco antitumorale MorphoSys Monjuvi, insieme a Pfizer lenalidomide e una specifica proteina di fusione, sarà somministrato a pazienti affetti da leucemia con linfoma diffuso a cellule B (DLBCL). MorphoSys amplia così la sua pipeline di ricerca con Monjuvi, che è già stato approvato negli Stati Uniti e commercializzato in Europa con il nome Minjuvi.

Evotec accetta di collaborare con la filiale J&J

La società di biotecnologie Evotec vuole ricercare nuovi principi attivi con una filiale della società farmaceutica statunitense Johnson & Johnson. La società ha annunciato che Evotec riceverà pagamenti per la ricerca e pagamenti in sospeso fino a 210 milioni di euro per ogni progetto di questa collaborazione. Evotec riceverà royalties sui potenziali prodotti derivanti dalla collaborazione.

Hornbach Holdings taglia le previsioni sugli utili

L’operatore della catena di negozi di elettrodomestici Hornbach Holdings è più pessimista sull’evoluzione degli utili nell’anno fiscale in corso a causa dell’aumento dei prezzi e dei continui problemi della catena di approvvigionamento. L’utile prima di interessi e tasse (EBIT) rettificato sarà inferiore di due cifre nel 2022/23 rispetto alla cifra di 362,6 milioni di euro dell’anno precedente. In precedenza, Hornbach presumeva solo un leggero segno meno. In termini di vendite nette, tuttavia, Hornbach non sta apportando modifiche alle sue previsioni per l’anno in corso.

Gli esami Atos si dividono e portano nuovi capi

L’azienda informatica francese Atos sta rispondendo ai continui venti contrari con una nuova struttura aziendale. Si sta valutando la scissione in due società quotate. Atos ha anche annunciato che il CEO Rudolf Bellmer lascerà l’azienda alla fine di settembre. Il direttore finanziario Uwe Stelter ha sorprendentemente annunciato il suo ritiro a marzo. Atos è stato recentemente sorpreso da due avvisi sugli utili in un breve periodo di tempo. Siemens è uno dei principali azionisti di Atos.

Lo sciopero dei camionisti sudcoreani interrompe la produzione di chip Samsung in Cina

La produzione di semiconduttori di Samsung Electronics in Cina è stata interrotta a causa dello sciopero di un camionista in Corea del Sud. Una società sudcoreana che produce alcol isopropilico (IPA) per pulire i chip semiconduttori non è in grado di spedire il prodotto a un’azienda cinese che fornisce chip ai Fab Chip di Samsung Electronics in Cina a causa dell’embargo sui camionisti sudcoreani, la Korea International Trade Associazione (KITA) ha detto con . L’esportazione di 90 tonnellate di IPA o la consegna è stata ritardata di una settimana.

I camionisti hanno iniziato a trasferirsi il 7 giugno per pagare salari più alti e garantire salari minimi alla luce del forte aumento dei prezzi del carburante. Ciò esercita maggiore pressione sulle catene di approvvigionamento, che sono già sotto pressione in tutto il mondo.