Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Dopo la morte di una donna incinta: proteste contro il divieto di aborto in Polonia

Stato: 06.11.2021 20:09

Dopo la morte di una donna incinta, decine di migliaia di persone hanno protestato contro la rigida legge polacca sull’aborto. La donna è la prima vittima del divieto quasi totale di aborto imposto un anno fa.

L’omicidio di una donna incinta ha scatenato manifestazioni a Varsavia e in altre città polacche. I manifestanti hanno mostrato le foto della trentenne Isabella e hanno incolpato la severa legge sull’aborto del paese per il suo destino. L’ex presidente del Consiglio dell’Unione europea e attuale leader dell’opposizione polacca Donald Tusk era tra i manifestanti a Varsavia.

Con lo slogan “Nessuno”, i manifestanti si sono radunati davanti alla Corte Costituzionale di Varsavia e da lì si sono trasferiti al Ministero della Salute. L’anno scorso, il tribunale ha inasprito la già severa legge sull’aborto della Polonia e ha anche vietato l’aborto a causa di danni al feto.

La donna è morta per shock settico in un ospedale di Pashchina a settembre, ma la sua morte era nota solo la scorsa settimana. La sua famiglia e il suo avvocato hanno affermato che la donna incinta non aveva abbastanza liquido amniotico. I medici non hanno avviato un aborto, ma hanno aspettato la morte del feto.

Da allora i medici curanti sono stati sospesi e la Procura ha avviato un’indagine. E secondo le informazioni dei gruppi per i diritti delle donne, è la prima vittima del divieto quasi totale dell’aborto in vigore un anno fa.

Quasi nessuna risoluzione legale

La Polonia ha meno di 2.000 aborti legali ogni anno. Tuttavia, le organizzazioni per i diritti delle donne stimano che circa 200.000 donne polacche praticano aborti illegali o viaggiano all’estero per farlo ogni anno.

READ  Nonostante le accuse di tortura: INTERPOL elegge il nuovo presidente

Prima della nuova restrizione, le donne in Polonia potevano abortire solo in tre casi: se la gravidanza era il risultato di un crimine come lo stupro, se la vita della donna era in pericolo o se il feto era stato danneggiato in modo permanente. Quest’ultima opzione è stata annullata con decisione del tribunale arbitrale. I sostenitori del nuovo regolamento hanno affermato che non era stato dimostrato che la restrizione avesse portato alla morte della donna.