Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Donald Trump sta chiaramente vincendo le primarie repubblicane in Nevada

Donald Trump sta chiaramente vincendo le primarie repubblicane in Nevada

al di fuori Stati Uniti d'America

Trump sta chiaramente vincendo le primarie repubblicane in Nevada

“Le probabilità che Trump non venga rimosso dal ballottaggio sembrano alte”.

La Corte Suprema degli Stati Uniti sta valutando se Trump possa comparire alle urne in Colorado. Lo Stato americano lo ha escluso dalle elezioni primarie a causa del suo ruolo nell'assalto al Campidoglio. Il corrispondente del WELT Michael Faulenweber analizza le possibilità di successo di Trump nel procedimento.

Puoi ascoltare i nostri podcast WELT qui

Per visualizzare il contenuto incorporato è necessario ottenere il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori del contenuto incorporato richiedono questo consenso come fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Dopo le primarie statali, sembra che Donald Trump abbia ottenuto voti repubblicani anche nello stato americano del Nevada. La Corte Suprema americana mette in dubbio la sua esclusione dalle primarie del Colorado.

DottDonald Trump ha vinto il cosiddetto caucus elettorale nello stato americano del Nevada, facendo un altro passo avanti verso la corsa alla presidenza per il Partito Repubblicano. Secondo i risultati preliminari, giovedì (ora locale) Trump era chiaramente in vantaggio. I media americani hanno riferito che Trump avrebbe vinto i voti dei delegati dello stato. Il populista di destra non aveva concorrenti seri.

Martedì si sono già svolte in Nevada le elezioni primarie statali. L’unica rivale di partito rimasta di Trump, Nikki Haley, è arrivata al secondo posto dietro “nessuno di questi candidati”. Tuttavia, il risultato di martedì non ha avuto importanza: il Partito repubblicano del Nevada aveva precedentemente annunciato che avrebbe ignorato le primarie e avrebbe invece tenuto un proprio caucus.

Leggi anche

I voti dei delegati sono importanti per le convention dei partiti, dove i candidati dei partiti vengono nominati formalmente. Trump è il candidato più probabile nella corsa per vincere la nomina presidenziale del Partito Repubblicano.

Giovedì si è tenuto un caucus anche nelle Isole Vergini americane, dove ha vinto anche Trump. Anche se le Isole Vergini americane non avranno voce in capitolo nelle elezioni presidenziali previste per novembre, il territorio statunitense avrà un ruolo nella determinazione dei candidati presidenziali.

La Corte Suprema americana mette in dubbio l'esclusione di Trump dalle primarie del Colorado

Giovedì, la maggioranza dei nove giudici della Corte Suprema degli Stati Uniti ha espresso dubbi sull’esclusione di Trump dalla candidatura alla presidenza. Durante l’udienza di due ore, sia i giudici conservatori che quelli liberali hanno espresso preoccupazione per il fatto che i singoli stati potrebbero decidere quali candidati candidarsi alla presidenza a novembre.

Nell'udienza davanti alla Corte Suprema di Washington si è discusso se Trump non è eleggibile nello stato americano del Colorado a causa del suo ruolo nell'assalto al Campidoglio del 6 gennaio 2021 – o se il suo nome potrebbe comparire nella scheda elettorale delle primarie lì.

Leggi anche

Lo scorso dicembre la Corte Suprema del Colorado ha stabilito che Trump non avrebbe potuto votare per la nomina presidenziale del Partito Repubblicano nello stato a causa del suo ruolo nell’assalto al Campidoglio. Ciò era giustificato dal quattordicesimo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti. Così gli avvocati di Trump hanno fatto ricorso alla Corte Suprema.

Jonathan Mitchell, ex vice procuratore generale del Texas e rappresentante di Trump, ha aperto giovedì l'udienza di 80 minuti presso la Corte Suprema, sottolineando che solo il Congresso degli Stati Uniti può squalificare qualsiasi candidato. La decisione della Corte Suprema del Colorado era “sbagliata e dovrebbe essere annullata”. “Toglie i voti a decine di milioni di potenziali americani”.

READ  Stato di emergenza: sparatoria nella città kazaka di Almaty, saccheggi