Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Difficoltà su tutte le strade: le esportazioni di grano ucraine travolgono i rumeni

Difficoltà a tutti gli effetti
Le esportazioni di grano dell’Ucraina hanno battuto i rumeni

La Romania è una via alternativa per il trasporto del grano ucraino. Tuttavia, come afferma il presidente Iohannis, questa rimane una “sfida logistica di proporzioni epiche”.

La guerra di aggressione della Russia in Ucraina, la Romania, un paese confinante con l’Unione Europea, ha dovuto affrontare il difficile compito di fungere da via alternativa per l’esportazione di grano ucraino. A causa di infrastrutture di trasporto inadeguate, il presidente rumeno Klaus Iohannis ha recentemente descritto questo problema come una “sfida logistica di proporzioni epiche”. Florin Guedia, direttore generale di Constana, il più grande porto rumeno sul Mar Nero, non vede una soluzione rapida.

Le rotte di trasporto dall’Ucraina a Costanza da sole sono difficili. “Più dell’80 per cento del grano ucraino in arrivo arriva al nostro porto su piccole navi mercantili attraverso il Danubio”, afferma Gueda. Il delta del Danubio forma il confine ucraino-rumeno a sud-est. Queste navi mercantili fluviali devono attraversare il Danubio dai porti ucraini di Rinne e Ismaele, prima sul braccio tortuoso del Chilia del delta fino all’entroterra di Cernavoda e da lì sul Canale del Danubio e sul Mar Nero fino a Costanza, spiega il gestore del porto. Questo è un buon 320 chilometri da Ismail.

La strada con i camion è più difficile: a volte i camion provenienti dall’Ucraina devono aspettare settimane ai valichi di frontiera a causa delle formalità. Nel porto di Costanza, invece, 20-25 camion di grano ucraini al giorno fanno folla, lamenta Goidea. L’accesso su rotaia è quasi vietato perché le ferrovie rumene CFR hanno parcheggiato 700 vagoni abbandonati al terminal del porto, più della metà dei quali è stato rimosso da allora. Il ministro dei Trasporti Soren Grindano ha affermato che è ora previsto il potenziamento di 35 linee ferroviarie nel porto per 200 milioni di lei (40,8 milioni di euro).

Piani di espansione, ma nelle prime fasi

C’è un progetto governativo per espandere e modernizzare il porto, ma questo è ancora nella fase degli studi di fattibilità previsti, dice Joudia. Si tratta, tra l’altro, di aumentare il numero degli ormeggi di 17 ormeggi rispetto agli attuali 140 e di rendere più profondo il bacino portuale per consentire l’ingresso di navi più grandi. Il gestore del porto stima il costo tra mezzo miliardo e un miliardo di euro e sono in corso trattative con la Banca mondiale per il finanziamento. L’amministrazione portuale vuole anche richiedere fondi dall’Unione Europea.

Guidia ha affermato che dall’inizio della guerra in Ucraina fino all’inizio di giugno, 15 navi con un totale di 242 mila tonnellate di grano ucraino hanno lasciato Costanza. Questo sarebbe solo l’1,21 per cento dei 20 milioni di tonnellate di grano del raccolto dell’anno scorso che l’Ucraina prevede attualmente di esportare. Nel corso del 2021 sono state esportate via Costanza 25 milioni di tonnellate di grano della produzione rumena e dei paesi vicini. E il prossimo raccolto è dietro l’angolo.

READ  La situazione attuale in Ucraina: la pista dell'aeroporto di Odessa è stata distrutta