Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Devi conoscere questi fatti sul vaiolo delle scimmie

Il virus del vaiolo delle scimmie si diffonde molto rapidamente.

Monkeypox mostra sempre più persone infette. Quindi sembra che si stia diffondendo, il virus. Ora è importante saperne di più sulla malattia.

Monkeypox solleva molte domande. Come viene trasportato e lavorato? Tutti dovrebbero ora conoscere questi fatti sul virus.

Questi sono i fatti sul vaiolo delle scimmie

In Germania ci sono sempre più casi di vaiolo delle scimmie. Nel 1970, secondo il Robert Koch Institute (RKI), furono scoperti per la prima volta in un essere umano nella Repubblica Democratica del Congo. Il primo caso confermato è stato un bambino di nove anni.

Successivamente, ci sono stati diversi casi in dieci diversi paesi del continente. La ragione di ciò è che il virus può essere trasmesso da diversi tipi di animali. Come il coronavirus, il virus del vaiolo delle scimmie è una malattia zoonotica.

I sintomi del vaiolo delle scimmie

L’infezione da vaiolo delle scimmie si presenta con diversi sintomi. I soliti cambiamenti della pelle, che appaiono come macchie e vesciche, si formano da uno a tre giorni dopo l’infezione. Altri sintomi includono mal di testa, dolori muscolari, tosse, affaticamento e mal di gola.

Può verificarsi anche una febbre spontanea fino a 40 gradi. I linfonodi possono gonfiarsi e la persona colpita generalmente si sente molto malata e debole. In generale, è necessario agire immediatamente quando compaiono i tipici cambiamenti della pelle. Quindi è necessario andare dal medico.

Il virus è molto pericoloso

Attualmente sono noti due diversi tipi di vaiolo delle scimmie. Esiste una variante con decorso più lieve che mostra febbre e vaiolo isolato sulla pelle e sulle mucose. D’altra parte, c’è un tipo pericoloso di virus.

READ  Un nuovo approccio agli effetti collaterali degli antibiotici | città sana di berlino

Presenta gravi malattie e può essere paragonato al vaiolo umano che si ritiene sia stato eradicato. Vaccini e farmaci sono disponibili per il trattamento, quindi ora si presume che non dovrebbe verificarsi una grave pandemia.