Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Deutsche Post: un euro per lettera: è previsto un aumento significativo delle spese postali

Deutsche Post: un euro per lettera: è previsto un aumento significativo delle spese postali

Puoi ascoltare i nostri podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell’articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

DottSecondo Deutsche Post le spese postali per lettere e pacchi non hanno quasi alcuna importanza per le economie domestiche. Nel 2021, ogni famiglia ha speso in media 2,34 euro al mese per questi beni. Questa cifra è stata fornita da Frank Appel, allora capo delle Poste, e da allora i valori attuali non sono stati pubblicati.

Tuttavia, Breadbone potrebbe sconvolgere i suoi clienti nelle prossime settimane, indipendentemente dal fatto che la loro spesa sia nella media o meno. Infine, le Poste intendono attuare un aumento significativo delle spese postali e, secondo le informazioni WELT provenienti dagli ambienti aziendali, hanno già presentato una richiesta all’Agenzia federale delle reti competente.

Una lettera standard attualmente costa 85 centesimi per la spedizione nazionale. Dal 2025 dovrebbe diventare un francobollo da 1 euro. La richiesta è giustificata dall’aumento dei costi, dovuto soprattutto ai salari più alti e al rincaro dell’approvvigionamento energetico. La Posta cita anche il passaggio a un recapito della posta climaticamente neutro, compresi i necessari investimenti in veicoli ed edifici.

L’ultimo aumento di affrancatura fino ad oggi per la lettera da 20 grammi è avvenuto nel gennaio 2022 con un supplemento di cinque centesimi oltre alla tariffa di 85 centesimi. Se guardiamo a un periodo di tempo più lungo, ecco l’evoluzione: nei dodici anni dal 2012 al 2024, il servizio postale ha aumentato il prezzo di una lettera standard da 55 centesimi di allora agli 85 centesimi di oggi.

Leggi anche

Ci sono sempre stati aumenti delle spese postali a intervalli. Di regola venivano ogni tre anni e ammontavano a un centesimo. Solo a metà del 2019 si è registrato un aumento di dieci centesimi, ovvero del 14%, da 70 centesimi a 80 centesimi.

Questa politica dei prezzi per lo più moderata sembra stia cambiando ora. Deutsche Post, che opera sotto il nome DHL, vuole chiaramente sfruttare le opportunità offerte dall’imminente nuova legge postale. Anche se il Consiglio federale deve ancora approvare la legge, questa dovrebbe essere approvata il 5 luglio.

Nuovi standard per la posta-lettere

La nuova regolamentazione complessiva del mercato postale comprende anche una nuova procedura di fissazione dei prezzi. La Federal Grid Agency implementerà quindi gli standard tariffari modificati. L’autorità faciliterà l’approvazione da parte dell’ufficio postale per aumentare i prezzi elevati. Tuttavia, questo livello di affrancatura delle lettere dovrebbe durare anche per anni.

L’Unione ritiene che l’aumento dei prezzi possa essere giustificato solo mediante restrizioni. “Aumentare la tariffa di affrancatura delle lettere a un euro non è nell’interesse dei clienti perché pagherebbero di più per un servizio peggiore”, afferma Christina Dahlhaus, responsabile del sindacato DPVKOM.

READ  Uranio - ISO Uranio - ISO: L'uranio è in corso e questa azienda è in marcia!

Quello che si intende per “servizio peggiore” è forse la novità più importante rispetto al prossimo Codice Postale: in futuro la Posta avrà molto più tempo per consegnare le lettere. Anche se da anni il volume delle lettere è diminuito del 2-3%, la Posta conta ancora circa 50 milioni di lettere spedite nei giorni feriali.

Leggi anche

Tobias Mayer è amministratore delegato di Deutsche Post dallo scorso maggio

Ecco la nuova regolamentazione: dal prossimo anno il 95 per cento delle lettere dovrà giungere al destinatario entro tre giorni lavorativi. Dopo quattro giorni lavorativi dovrebbe raggiungere il 99%. La norma, in vigore fino alla fine del 2024, prevede invece che l’80% di tutti i messaggi debba essere recapitato il giorno lavorativo successivo. Per il 95% dei messaggi il secondo giorno successivo all’invio è un obbligo legale. Questo è molto più veloce.

Per quanto riguarda i dipendenti delle poste, il presidente del sindacato Dalhouse afferma: “L’aumento delle spese postali sarebbe giusto se le poste investessero il reddito extra nei dipendenti”. “Se però l’aumento serve solo ad aumentare i profitti delle Poste dall’invio di lettere, non credo che sia giustificato”, dice Dalhaus.

Cambiare le condizioni di lavoro dei postini

Tempi di consegna più lunghi garantiscono vantaggi economici a Bone Post. I servizi postali possono gestire in modo più flessibile il volume della posta, che è in calo da anni. I postini non dovevano più consegnare la posta ogni giorno in ogni strada della città.

Ma questo significa anche: invece di lavorare in ambiti fissi, in futuro i portatori di messaggi lavoreranno in ambiti e regioni mutevoli. “L’allungamento dei tempi di consegna significa che il lavoro dei postini verrà ulteriormente intensificato”, afferma il leader sindacale Dahlhaus.

READ  L'azienda: 175 anni di Siemens: dall'indicatore telegrafico al digitalizzatore: l'economia

Il controllo del volume delle spedizioni e quindi l’impiego del personale consente all’azienda postale di risparmiare. “Tuttavia non prevediamo alcuna riduzione del personale addetto alle consegne. “L’organico è già molto basso”, afferma Dalhaus. La volatilità è attualmente a livelli record.

Fonte: Infografica Welt

Secondo i dati, l’anno scorso hanno lasciato di loro spontanea volontà circa 8.000 addetti al recapito degli uffici postali. Attualmente è comunque esclusa la duplicazione per ragioni operative nel gruppo postale. Lo prevede un contratto con il sindacato Ver.di per circa 160.000 dipendenti del settore spedizioni postali e pacchi.

I difensori dei consumatori criticano l’aumento delle spese di spedizione delle lettere. “Un aumento così significativo delle spese postali si scontra con una mancanza di comprensione da parte dei clienti”, afferma Steven Persell, gestore del portale online Paketda.de. Il portale fornisce informazioni sulle modifiche e sui confronti dei prezzi nel recapito di lettere e pacchi.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell’articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

“Con i nuovi tempi di consegna delle lettere, il servizio postale si avvicina al servizio di corrispondenza privata”, afferma Percell. Queste società postali in genere necessitano fino a una settimana per consegnare le lettere a livello nazionale. Per Deutsche Post saranno tre giorni a partire dal 2025. «Forse questo darà un po’ di sostegno ai concorrenti delle Poste e stimolerà la concorrenza», dice Percell.

Il sindacato Ver.di è positivo riguardo alle possibilità offerte dal servizio postale alla nuova legge postale per quanto riguarda la consegna delle lettere e la fissazione delle spese postali. “È giusto che il finanziamento di servizi importanti per i consumatori e per l’economia sia garantito”, afferma Andrea Kocsis, vicepresidente federale di Ver.di. Ciò garantirebbe in modo permanente le funzioni legate ai contratti collettivi e alla rendicontazione congiunta.