Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

DAX e Dow al ribasso: le preoccupazioni sui tassi di interesse sono tornate all'ordine del giorno

DAX e Dow al ribasso: le preoccupazioni sui tassi di interesse sono tornate all’ordine del giorno


Rapporto di mercato

Stato: 19/08/2022 22:15

Come nei mercati europei precedenti, anche Wall Street è scesa alla fine della settimana. Sono tornati i timori sui tassi di interesse e sull’inflazione. Tutti gli occhi sono ancora una volta puntati sulla Federal Reserve statunitense.

Come in Europa, le preoccupazioni per l’inflazione ei tassi di interesse hanno spinto le borse statunitensi al ribasso alla fine della settimana. Gli investitori hanno venduto in particolare titoli tecnologici sensibili agli interessi e dipendenti dalla crescita.

Di conseguenza, l’indice Nasdaq è sceso significativamente del 2,01% a 12.705 punti e l’indice Nasdaq 100 è sceso dell’1,95%. L’indice Dow Jones ha chiuso in ribasso dello 0,86% a 33.706 punti e il più ampio indice Standard & Poor’s 500 è sceso dell’1,29% a 4.228 punti. “Ci sono molte cattive notizie qui oggi che si manifestano in una generale svendita sul mercato”, ha affermato Dennis Dick, trader di Triple D Trading.

Dal momento che c’è stata una pausa sul lato dei dati economici nell’ultimo giorno di negoziazione, alcuni investitori hanno ora preferito prendere profitti dopo il recente rally, è stato detto. A metà settimana, i più importanti indici statunitensi si erano già ritirati dalla traiettoria rialzista iniziata a metà luglio.

Discussione sui tassi di interesse in pieno svolgimento

L’argomento più importante a Wall Street è il tasso di interesse aggiuntivo della Federal Reserve (Fed), che è attualmente nel bel mezzo di un cambiamento dei tassi di interesse sulla scia di un aumento dell’inflazione.

I commercianti hanno notato i commenti dei membri della Fed James Bullard di St. Louis ed Esther George di Kansas City secondo cui la Fed aumenterà i tassi di interesse fino a quando l’inflazione non tornerà all’obiettivo del 2%. In tal modo, hanno smorzato le aspettative del mercato secondo cui una serie di dati economici deboli potrebbe indurre le autorità monetarie statunitensi a voltare pagina e che la politica monetaria sarebbe stata inasprita un po’ meno rapidamente.

La Federal Reserve ha costantemente aumentato il livello di politica monetaria dal suo rialzo dei tassi a marzo e ora lo ha portato a un intervallo compreso tra il 2,25 e il 2,50 per cento. Il focus della prossima settimana sarà il discorso del presidente della Federal Reserve Jerome Powell sulle prospettive economiche alla conferenza annuale delle banche centrali globali a Jackson Hole.

GM vuole pagare di nuovo i dividendi

Contrariamente a questa tendenza, le azioni della casa automobilistica di New York General Motors sono aumentate. Perché il colosso automobilistico americano vuole pagare di nuovo i dividendi dopo una pausa di oltre due anni e anche riprendere i suoi riacquisti di azioni. La società ha annunciato oggi a Detroit che prevede di incassare un dividendo trimestrale di $ 0,09 per azione a metà settembre.

Riprenderà anche il programma di riacquisto di azioni, anch’esso interrotto, per questo sono stati stanziati fondi per 3,3 miliardi di dollari, che ora sono aumentati a 5,0 miliardi di dollari.

L’indicatore DAX è in ritardo

Dopo che gli investitori hanno recentemente respinto i timori sui tassi di interesse e sulla recessione, questi timori sono tornati sul mercato interno con una vendetta oggi. Inoltre, da New York non c’è più alcun vento favorevole, poiché il dibattito sui tassi di interesse è in pieno svolgimento.

READ  Il SUV Tesla inizia a conquistare l'Europa: la nuova Model Y sarà molto buona

Nello specifico, i prezzi standard dei prodotti, ovvero l’andamento dei prezzi a livello di produttore, hanno causato molte delusioni e suscitato enormi preoccupazioni in questo Paese. Perché i prezzi richiesti dai produttori sono aumentati di un astronomico 37,2 per cento a luglio rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, secondo l’Ufficio federale di statistica. Gli analisti si aspettavano invece un leggero rallentamento dell’inflazione.

I prezzi alla produzione sono un indicatore dei dati sull’inflazione imminente. Pertanto, prezzi alla produzione più elevati indicano prezzi al consumo più elevati.

Il DAX è sceso sotto i 13.600 punti

Questa volta, gli investitori hanno risposto immediatamente e hanno fatto crollare il mercato azionario. Il DAX è rimasto in rosso per tutto il giorno e ha chiuso a 13.544 punti alla fine della giornata, vicino a un minimo giornaliero di 13.525 punti, una perdita giornaliera dell’1,12%. Anche il livello di 13.600 punti è sceso al di sotto. Durante la settimana, il DAX aveva attaccato i 14.000 punti a 13.947 punti.

Nel frattempo, il saldo settimanale misto era più ambiguo: al livello di chiusura di ieri, l’indice principale tedesco aveva perso lo 0,7 per cento, e ora c’è un meno 1,8 per cento sui libri. Nelle ultime quattro settimane l’indicatore dei prezzi si è notevolmente ripreso, anche perché molti investitori hanno scommesso sull’indebolimento dell’elevata inflazione. Poi è arrivata la delusione di oggi.

“I timori di inflazione e i timori associati di un rapido aumento dei tassi di interesse si stanno ricongiungendo agli investitori”, ha affermato l’analista Timo Emden di Emden Research.

“La madre delle crisi energetiche”

Soprattutto, l’aumento dei prezzi dell’energia sta provocando massicci aumenti dei prezzi correnti a tutti i livelli. Dirk Schumacher, economista presso la banca di investimento Natixis, afferma che gli investitori stanno attualmente affrontando la “madre di tutte le crisi energetiche”. I prezzi del gas sono aumentati in modo significativo da quando le forniture russe sono state ridotte a luglio e gli operatori di mercato si aspettano che ciò continui fino al 2023.

“Non c’è dubbio che il livello dei prezzi di gas ed elettricità, se continuerà, causerà gravi danni all’economia dell’eurozona, in particolare al settore industriale”, ha proseguito l’esperto.

All’orizzonte si profila un rialzo dei tassi di interesse

Le banche centrali stanno attualmente resistendo all’aumento dell’inflazione inasprindo la loro politica monetaria. Al meeting della banca centrale statunitense a Jackson Hole, Wyoming, USA, che inizierà giovedì prossimo, potrebbe diventare chiaro cosa potranno fare le borse in questo senso in autunno. I rappresentanti della Federal Reserve statunitense hanno recentemente convenuto che ulteriori aumenti dei tassi sono appropriati, anche se il ritmo è ancora in discussione.

Isabel Schnabel, membro del comitato esecutivo della BCE, ha recentemente parlato a favore di un altro rialzo dei tassi il mese prossimo. “Il motivo che ho indicato è la continua pressione inflazionistica e l’aumento delle aspettative di inflazione a lungo termine”, ha affermato Hook Simsin di Commerzbank.

READ  Late Brief - Imprese e Mercati -2- | Messaggio

Con la decisione del governo tedesco di ridurre l’imposta sul valore aggiunto sul gas, gli economisti hanno previsto che il tasso di inflazione, attualmente al 7,5 per cento, non supererà il dieci per cento, come si temeva in precedenza.

L’euro si avvicina alla parità

Nel frattempo, il tasso di cambio dell’euro è ancora sotto pressione. La valuta comune veniva scambiata a $ 1,0041 nel commercio statunitense. A questo proposito, il prezzo dell’euro è vicino alla parità con il dollaro. La parità è un tasso di cambio uno a uno tra due valute. Questo risultato è stato raggiunto l’ultima volta a metà luglio dopo uno slittamento di un mese. La Banca Centrale Europea ha fissato il tasso di riferimento a 1,0054 (giovedì: 1,0178) dollari.

Di recente, i dati economici più forti dell’economia statunitense hanno rafforzato il dollaro, e quindi indebolito l’euro. Secondo gli agenti di borsa, il presidente della Federal Reserve statunitense Jerome Powell potrebbe ora segnalare un approccio moderato nell’ulteriore lotta contro l’inflazione elevata al tradizionale incontro dei banchieri centrali a Jackson Hole la prossima settimana. Ciò sarà accompagnato da aumenti più significativi dei tassi di interesse e sosterrà il dollaro di conseguenza.

I prezzi del petrolio sono in aumento

Dopo scambi instabili, i prezzi del petrolio hanno chiuso leggermente in rosso. Il prezzo della variante Brent del Mare del Nord è di circa 96 dollari al barile, mentre il costo del tipo statunitense, il petrolio leggero e dolce WTI, è di 90 dollari.

Ma su base settimanale, i prezzi del petrolio sono in calo. A volte, il prezzo del greggio Brent è sceso a $ 91,51. Questo è stato il livello più basso in circa sei mesi. Secondo gli esperti, le preoccupazioni per la domanda hanno colpito in modo particolare i prezzi del petrolio di recente.

Perché non è chiaro quanto petrolio richiederà l’economia cinese colpita dal coronavirus. La Cina è la seconda economia mondiale e un importante importatore di petrolio. Inoltre, esiste ancora la possibilità che l’Iran aumenti le forniture di petrolio nel mercato mondiale e quindi abbassi i prezzi se le sanzioni verranno revocate al Paese dopo la positiva conclusione dei negoziati sul nucleare.

Perdi oro e bitcoin

Il dollaro USA più forte influisce sul prezzo dell’oro. Il metallo prezioso, che gli investitori amano tenere nei loro portafogli come protezione contro l’inflazione, è sceso di circa lo 0,7% a 1.745 dollari, con un picco di 1.736 dollari l’oncia. Questo è il livello più basso in tre settimane.

La prospettiva di una politica monetaria restrittiva negli Stati Uniti sta pesando sempre più sulle valute digitali come Bitcoin. Il prezzo del più antico asset crittografico oggi è sceso al livello più basso dalla fine di luglio.

Nuovo capo a Fresenius

Michael Senn, Direttore di Fresenius, diventerà CEO di Fresenius Healthcare Group il 1° ottobre. La società con sede a Bad Homburg ha annunciato venerdì dopo la chiusura della borsa valori che il consiglio di sorveglianza l’ha nominata all’unanimità. Succede a Sein-Stephan Storm, che ha lasciato il gruppo “in buoni rapporti”.

READ  La Landesbank Baden-Württemberg sta rafforzando le sue linee guida sul carbone

Ha aggiunto in una dichiarazione che Sen continuerà anche a ricoprire il ruolo di CEO della divisione leak di Fresenius Kabe fino a quando il suo successore non si sarà stabilito lì. Sen è membro del Consiglio di amministrazione di Fresenius da aprile 2021 ed è responsabile del segmento di attività di Kabi. Il 59enne Sturm è membro del consiglio di amministrazione di Fresenius dall’inizio del 2005 e ricopre la carica di CEO da luglio 2016. Fresenius ha dovuto abbassare i suoi obiettivi annuali a causa di problemi nella sua filiale di dialisi, FMC.

Forte domanda per SAF-Olanda

Nel frattempo, le azioni SAF-Olanda hanno continuato il loro forte movimento al rialzo. Anche uno studio della banca privata Berenberg ha dimostrato di supportare il corso. L’analista Philip Loren ha alzato il prezzo obiettivo da 18 a 20 euro e ha ribadito la sua raccomandazione di acquisto. Ha citato il miglioramento delle prospettive di guadagno a breve termine e l’acquisizione di successo del produttore svedese di freni Haldex.

Hypoport finisce sotto le ruote

D’altra parte, la raccomandazione di vendita di Bankhaus Metzler ha pesato sulle azioni Hypoport, che sono scese di oltre il 15%. L’analista Jochen Schmidt afferma che il mercato del credito della società ha leggermente aumentato la sua quota di mercato. Inoltre, le prospettive a breve termine per i mutui sono incerte a causa dell’andamento dei tassi di interesse. Inoltre, la piattaforma assicurativa di SDAX non lo ha convinto al momento.

Mangia solo i poteri di HelloFresh e Delivery Hero

La vendita di una partecipazione nel servizio di consegna di cibo brasiliano iFood fino a 1,8 miliardi di euro ha aumentato le azioni della madre di Lieferando, Just Eat Takeaway. All’importo concordato di 1,5 miliardi di euro può essere aggiunta una componente di performance fino a 300 milioni di euro. Just Eat Takeaway vuole utilizzare i soldi per rafforzare il proprio bilancio e prepararsi a ripagare i prestiti imminenti. Anche i concorrenti tedeschi HelloFresh e Delivery Hero stanno crescendo nelle carte.

La seconda perdita annuale consecutiva per BVB

Dopo una seconda stagione completa nella pandemia, il Borussia Dortmund ha subito una perdita di 35 milioni di euro. L’anno prima l’offerta era ancora di 72 milioni di euro. L’associazione ha diffuso questi dati preliminari per l’anno fiscale 2021/2022 (al 30 giugno).

Un motivo: l’unico club della Bundesliga elencato era in grado di offrire solo il 40% dei biglietti e aveva meno entrate dal marketing televisivo a causa dell’uscita anticipata dalla Champions League. Invece di 187 milioni di euro, BVB ha ottenuto qui 145 milioni. Durante le operazioni di gioco, i ricavi sono passati da quasi zero a 22,6 milioni di euro. Nella stagione precedente, gli spettatori non erano ammessi in Bundesliga a causa della pandemia.