Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Dati Onu: gli ucraini in cerca di protezione si trasferiscono in particolare in Germania

Germania Numeri ONU

Gli ucraini in cerca di protezione si stanno trasferendo in particolare in Germania

Gli arrivi di immigrati aumentano notevolmente: il governo federale vuole sostenere gli stati

In Germania stanno arrivando più immigrati di quanti ne siano stati negli anni. Questa è la sfida principale per gli stati e le municipalità federali e molte città e municipalità sono sopraffatte. Il governo federale ora vuole sostenere gli stati con un totale di 4,25 miliardi di euro per la fornitura.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

A parte la Polonia, che è direttamente adiacente all’Ucraina, la Germania ha accolto di gran lunga il maggior numero di rifugiati di guerra in Europa, secondo i dati delle Nazioni Unite. C’è anche una forte migrazione di rifugiati da altre parti del mondo.

wCome per molti movimenti migratori provenienti da altre parti del mondo, la Repubblica Federale è anche il paese degli ucraini che cercano protezione e in cui si trasferiscono spesso dopo essere fuggiti dalla loro patria. A parte l’immediato vicino della Polonia – che ha 520 km di confine terrestre con l’Ucraina – la Germania ha accolto di gran lunga la maggior parte dei rifugiati dall’Ucraina invasa dalla Russia in Europa.

Secondo l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), 1,47 milioni di persone sono registrate in cerca di protezione in Polonia e circa 1,01 milioni vivono in Germania. Seguono a distanza la Repubblica Ceca (456.000), l’Italia (172.000), la Spagna (150.000), la Gran Bretagna (140.000) e la Francia (119.000). Inoltre, si dice che circa 2,85 milioni di ucraini fossero fuggiti in Russia a causa degli atti di guerra causati da Mosca; Tuttavia, molti di loro potrebbero essere tornati o essersi trasferiti in altri paesi.

Fonte: Mondo Infografico

Come tutte le altre cifre disponibili per i rifugiati in Ucraina, le citate cifre delle Nazioni Unite dovrebbero essere intese solo come un’approssimazione approssimativa della realtà. Come in precedenza, si possono presumere molti viaggi o rimpatriati, nonché nuovi arrivi non registrati.

Il fatto che sia geograficamente più vicino all’Ucraina rispetto alla maggior parte degli altri paesi europei ed è il paese più popoloso ed economicamente potente d’Europa gioca un ruolo nella forte immigrazione in Germania. Sebbene l’UNHCR non fornisca tassi di ingresso pro capite, va anche notato che secondo i dati pubblicati dal Dipartimento Migrazione dell’OCSE all’inizio di ottobre, oltre al paese ospitante più importante, la Polonia, alcuni paesi L’UE più piccola è anche più colpita rispetto alla Germania dalla fuga in Ucraina in termini di popolazione.

Leggi anche

Gli agenti di polizia tedeschi trattengono i migranti che si ritiene provengano dall'Iraq durante una pattuglia vicino al confine tedesco-polacco a Francoforte (Oder) nell'ottobre 2021

‘Perdere la padronanza dei numeri’

Mentre ci sono circa dodici ucraini ogni 1.000 abitanti nella Repubblica federale, ce ne sono più di 40 nella Repubblica ceca e in Estonia, 37 in Polonia, più di 20 in Lettonia e Lituania e circa 17 in Slovacchia. Solo dopo i paesi dell’Europa orientale segue la Germania, se basata sulla dimensione della popolazione.

Forte immigrazione di profughi da altre parti del mondo

Contrariamente a questi paesi, che attualmente si trovano ad affrontare sfide speciali nel contesto della fuga dell’Ucraina, la Repubblica federale è contemporaneamente colpita da un gran numero di richiedenti asilo provenienti da altre regioni del mondo. I richiedenti asilo, che spesso si spostano illegalmente attraverso la Turchia o il Nord Africa verso Grecia, Italia e Spagna, prima o poi migrano verso nord da lì, il più delle volte in Germania.

Anche quest’anno, per la prima volta in questo Paese in Europa, è stato registrato il maggior numero di domande di asilo. Secondo l’Ufficio federale della migrazione e dei rifugiati (BAMF), a fine settembre nell’anno in corso erano circa 135’000, un terzo in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Come negli anni precedenti, i principali paesi di origine nel 2022 sono stati Siria, Afghanistan, Turchia e Iraq.

Leggi anche

Holger Kellsch (CDU, 55) è sindaco di Cottbus dal 2014. Alla fine di novembre ha ceduto la carica al suo successore, Tobias Schick (SPD)

Sindaco di Cottbus

È interessante notare che il tasso di protezione complessivo, ovvero la percentuale di richiedenti asilo che ricevono protezione dei rifugiati, protezione sussidiaria o espulsione dal BAMF, è salito al 56%. Negli ultimi anni, di solito è stato riconosciuto solo un terzo circa dei richiedenti. Il record è anche attribuito al fatto che ora vengono prese decisioni su molte domande di siriani che sono stati riconosciuti come rifugiati in Grecia negli ultimi anni, ma che da allora si sono trasferiti in Germania per presentare nuove domande. Queste questioni sono state rinviate a lungo e ora vengono affrontate a poco a poco; Finiscono quasi per confessarsi.

Un’altra ragione per il tasso di riconoscimento insolitamente alto è che gli afgani che immigrarono in gran numero in Germania dieci anni fa sono stati per lo più riconosciuti da quando i talebani hanno preso il potere; In precedenza questo era il caso di quasi ogni seconda persona. Anche la stragrande maggioranza degli iracheni e dei turchi quest’anno non riceverà il titolo di protezione; Tuttavia, anche i richiedenti respinti vengono rimpatriati in numero molto ridotto.

Leggi anche

L'area di ingresso per il centro di arrivo per richiedenti asilo a Berlino

Leggi anche

Per favore, vieni con me - Gli agenti incontrano un uomo in una stanza che non riesce a riconoscersi

Inoltre, i recenti governi federali hanno creato sempre più regolamenti che conferiscono ai richiedenti asilo, una volta riconosciuti, protezione temporanea fino alla fine della guerra o allo stato di persecuzione, ma anche un diritto permanente al soggiorno con un diritto relativamente rapido alla naturalizzazione. . L’attuale governo vuole accelerare ulteriormente questo.

La polizia federale WELT AM SONNTAG ha riferito che il numero di “entri non autorizzati rilevati in Germania” è aumentato in modo significativo da giugno 2022 “al di fuori delle fluttuazioni statistiche e stagionali”. Di conseguenza, a settembre sono state registrate 12.701 voci. Questo era quasi il 50 percento in più rispetto ad agosto e circa il doppio rispetto ai mesi estivi di giugno e luglio.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. L’argomento più caldo analizzato dai redattori di WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su spotifyE il Podcast di AppleE il musica amazzonica O direttamente tramite feed RSS.

READ  Civili in pericolo: Amnesty critica l'esercito ucraino