Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Da Laika a Lacey – Come alcuni cani sono diventati leggende

Ampia strada circondata da alberi

10/10/2021 17:23 Di Michael Kerner dpa – articolo stampato Invia una e-mail

BERLINO (Dpa) – Attraverso alcune celebrità, anche i loro fedeli compagni hanno raggiunto fama e onore – e altri lo hanno ottenuto attraverso le proprie esibizioni. Otto amici a quattro zampe diventano una leggenda in occasione della Giornata mondiale del cane, il 10 ottobre.

Il sontuoso Snoopy è accanto alla sua stella sulla Hollywood Walk of Fame a Los Angeles.  Foto: Mike Nelson/EPA/D
Il sontuoso Snoopy è accanto alla sua stella sulla Hollywood Walk of Fame a Los Angeles. Foto: Mike Nelson/EPA/D

SNOOPY: Quando non è alla macchina da scrivere, Guerra e pace di Lev Tolstoj si legge, anche se molto lentamente: solo una parola al giorno. Il personaggio dei cartoni animati in bianco e nero – creato dal fumettista americano Charles M. Schultz – è appeso al flusso del mondo dal tetto del suo canile dal 1950 e sognava di lavorare come pilota di caccia o scrittore. Insieme al suo maestro Charlie Brown e ad altri, Snoopy forma “The Peanut”.

UGGIE: La sua apparizione nel film muto in bianco e nero vincitore dell’Oscar “The Artist” (2011) lo ha reso famoso al fianco di Jean Dujardin: ai Golden Globes 2012, la star è inciampata in una cravatta nera sul tappeto rosso del Festival di Cannes, Uggie ha vinto il Palm Dog. Con i suoi occhi fedeli e le orecchie a macchie marroni, il Jack Russell Terrier è stato il primo cane da film ad essere omaggiato con un’impronta di zampa in cemento sulla famosa piazza di fronte al Chinese Theatre di Hollywood.

Plutone: il cane di casa perennemente addormentato e fedele compagno di Topolino ha un ruolo speciale nei classici Disney: perché è l’unico animale là fuori che non è stato umanizzato. Plutone è un cane e sostanzialmente rimane – anche se permette all’adorabile goffo in “The Moose Hunt” del 1931 di dire qualche parola per una volta. Che si tratti di pescare o fare surf, Topolino e Pluto lo fanno tutti insieme. Si dice che il pianeta Plutone, scoperto nel 1930, abbia dato il suo nome.

READ  Spettacolo di appuntamenti "The Bachelorette": Episodio 2 - Sta lanciando il mio preferito

Lacy: The Lady Collie, creato dallo scrittore americano Eric Knight nel 1938, è uno dei cani più famosi dell’industria cinematografica e ha una stella sulla Hollywood Walk of Fame. La sua storia è stata mostrata innumerevoli volte per il cinema e la televisione. Nella prima epopea sullo schermo del 1943 (“Lassie Come Home”), l’eroina a quattro zampe salva Elizabeth Taylor, 10 anni. È tornata nei cinema tedeschi nel 2020 con “Lassie – An Adventure Journey”.

Barry: Altri hanno semplicemente giocato davanti alla telecamera, ma il cane da salvataggio dei monaci del Gran San Bernardo nelle Alpi svizzere è stato un eroe della realtà e una leggenda anche durante la sua vita. Si dice che Barry, nato nel 1800, abbia preso parte al salvataggio di 40 persone. Il suo compito più importante: ritrovare la strada del ritorno anche sotto forti tempeste di neve. Il Cane Nazionale Svizzero morì a Berna nel 1814, ed è qui conservato ed esposto nel Museo di Storia Naturale. Oggi i dispositivi per la ricerca delle vittime di valanghe si chiamano “Barryvox”.

Bo: Nel 2009, Barack Obama ha mantenuto la sua promessa elettorale alle sue figlie e ha reso il cane da acqua portoghese Bo il “cane numero uno” nel paese. “Dobbiamo assicurarci che qualcuno ci saluti alla porta quando arriviamo a casa”, ha detto il presidente degli Stati Uniti all’epoca. Sunny ha seguito nel 2013, quindi aveva solo un anno. I due divennero fedeli compagni anche durante le visite di stato.

Laika: Che si trattasse di scimmie, topi, cani o moscerini della frutta, prima che i primi umani si avventurassero nello spazio, inviavano animali da esperimento per essere al sicuro. Ad esempio, la prostituta russa Laika è stata la prima creatura vivente ad essere specificamente portata in orbita e ha fatto la storia dello spazio con lui. Il 3 novembre 1957 decollò nello spazio a bordo della capsula spaziale sovietica “Sputnik 2”, ma non sopravvisse all’insolito volo.

READ  "Ho trovato la libertà": Spahn porta Hasselhoff alla campagna di vaccinazione

Hachiko: La più famosa statua del cane giapponese di fronte alla stazione di Shibuya è diventata un punto di riferimento di Tokyo e un luogo d’incontro centrale. Negli anni ’20, Akita accompagnava il suo maestro alla stazione ferroviaria ogni mattina e la sera portava il professor Ueno. Anche quando morì improvvisamente nel 1925, l’ormai abbandonato Hachiko attese per anni, diventando così l’epitome di un fedele compagno. La regista svedese Lacey Hallström ha filmato la storia nel 2009 con Richard Gere.

© dpa-infocom, dpa: 211008-99-523490 / 2