Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Critiche al Primo Ministro dell’Unione Europea e Viktor Orban

eÈ stato commovente quando i capi di governo hanno sollevato il tema dell’Ungheria giovedì sera, ed è stato emozionante come raramente. Xavier Bettel dal Lussemburgo, che è gay, ha raccontato la sua storia. Quasi tutti avevano le lacrime agli occhi, ha poi detto l’olandese Mark Rutte. E il contrario è andato con tutta la forza Victor Urban. La legge, che dovrebbe “proteggere” i bambini dall’omosessualità e da altri orientamenti, è stata messa in atto rapidamente prima di raggiungere Bruxelles. Ruti stesso ha guidato l’attacco più duro. Come hanno riferito i partecipanti, il capo del governo ungherese si è rivolto direttamente: “Victor, se hai fatto questo, perché vivi nell’Unione europea?” Questo è stato un punto di svolta. Potrebbe avere conseguenze disastrose per Urban.

Thomas Gotchaker

Corrispondente politico per l’Unione Europea, la NATO ei paesi del Benelux, con sede a Bruxelles.

Il primo ministro belga Alexandre de Croo ha parlato di un “momento decisivo” dopo l’incontro, conclusosi solo di prima mattina: “Non abbiamo mai visto un confronto simile prima d’ora”. Il Consiglio europeo ha detto quasi all’unanimità: “Finora e non di più. Alla domanda se c’è ancora un posto per gli ungheresi in Unione europea De Croo ha risposto solo pochi secondi dopo: “Spero che il signor Orbán torni a casa oggi con questa domanda, o almeno che si addormenti. Penso che non si aspettasse che l’incontro prendesse una piega simile”.

Chiedere a un paese di lasciare l’Unione europea era precedentemente considerato un tabù tra i capi di stato e di governo. Gli inglesi hanno fatto questo passo da soli. ma già rotazione Quando è arrivato a Bruxelles giovedì, ha detto: “Secondo me, non hanno lavoro nell’Unione europea”. Lui stesso non poteva espellere l’Ungheria – “questo può essere fatto solo passo dopo passo”. Sperava che questa pressione avrebbe funzionato e che Orban avrebbe ripristinato la legge, altrimenti “non hanno più posto qui”.

Il governo ungherese ha fatto marcia indietro. Il ministro della Giustizia Judith Varga ha raccontato su Twitter la “vecchia arroganza coloniale”. “Finché vivrò, combatterò con tutte le mie forze per assicurarmi che il popolo ungherese non debba mai inginocchiarsi davanti a una verga”. Il premier olandese, con le sue dichiarazioni, “si è autoescluso dal gruppo dei popoli civili”. Inoltre, l’Ungheria non ha intenzione di lasciare il sindacato. Al contrario, vogliamo proteggerli dagli ipocriti.

Orban, l’attivista per i diritti dei gay?

Urbano stesso non era un combattivo. Mentre si recava all’incontro, aveva già affermato di aver lottato anche per i diritti degli omosessuali come “combattente per la libertà” contro i comunisti: “L’omosessualità era un reato penale, e io ho combattuto per la loro libertà e i loro diritti. Quindi mi batto per diritti dei gay.” Hall si è difeso dalle critiche, ma forse è stato un po’ mite. La sua giustificazione che si trattava di proteggere i bambini e lasciare i genitori alla loro educazione sessuale ha portato solo a rinnovate critiche.

READ  Minaccia militare: la Cina invia aerei da combattimento a Taiwan