Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Cosa resta di Ratzinger?: Papa Benedetto controverso ha 95 anni

In seguito ha scritto in una lettera all’inizio di febbraio, scusandosi con tutte le vittime di aggressioni sessuali: “Il mio dolore per i crimini e le malefatte avvenute durante il mio mandato e nei luoghi interessati è maggiore”. Questa è stata anche una reazione all’accusa di mentire in una dichiarazione iniziale; Gänswein ha parlato di un “errore di modifica”.

Le persone che conoscono Benedict sospettano che si sia sentito ritratto ingiustamente durante il clamore intorno alla sua persona. Solo pochi sapevano cosa fosse effettivamente penetrato nelle quattro mura della Scuola Mater Ecclesiae. Alcuni tra le mura del Vaticano ritengono che, in mezzo a tutte le accuse, l’opera concreta di Benedetto contro gli abusi nella Chiesa sia stata trascurata.

“Come Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede e come Papa, ha dimostrato con la nuova legislazione e gestendo il processo concreto che i colpevoli devono essere puniti e che le vittime di questi crimini devono ricevere attenzione personale e giustizia”, afferma il Cardinale. Gerhard Ludwig Muller dell’agenzia di stampa tedesca.

Cosa resta del suo lavoro?

Cosa resta dunque dopo il furioso temporale causato dalla valutazione delle opere di Benedetto, superata, come scrisse lui stesso a febbraio, la “porta oscura della morte”?

Il gruppo riformatore tedesco Weir Send Kirsch ritiene che Benedetto si sia trasformato durante la sua vita in un “teologo terrorizzato dalla paura e dalla sfiducia” che “limitò gli impulsi di riforma per il Concilio Vaticano II (1962-1965) – e che contribuì a plasmare e in parte ritirarsi” . Commentando il rapporto di Monaco sugli abusi, i riformatori hanno affermato: “Egli stesso ha danneggiato la sua reputazione di pastore e retto leader della Chiesa”.

READ  Il sogno di Isidoro - Il Nuovo Quotidiano dell'Alto Adige

Müller – Vescovo di Ratisbona e poi, come Benedetto XVI, Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, che tra l’altro si occupa dei casi di abuso nella Chiesa – ricorda l’Istituto di Papa Benedetto XVI, da lui fondato come Vescovo in 2007. La Fondazione pubblica le opere raccolte di Joseph Ratzinger e le utilizza per gestire il suo patrimonio teologico, i testi ei titoli di pontificato. Tutto dovrebbe essere disponibile anche in altre lingue, “sottolineando il significato internazionale della sua importanza per la chiesa e la teologia”, dice Mueller.

Altri esperti di Benedetto vogliono dare un’occhiata equa all’intero funzionamento della vita in Alta Baviera. Per quanto gravi siano i casi di abuso, le vittime non sono state pensate e non dovrebbero mai più ripetersi, ma bisogna anche guardare al futuro. Se si osserva l’intera opera di Benedetto nella chiesa, secondo la valutazione, il pendolo torna al centro.

Visita di Francesco

Benedetto festeggia il suo compleanno il Sabato Santo di quest’anno. Nacque anche lui il Sabato Santo nel 1927 e – si narra – fu battezzato con l’acqua di Pasqua lo stesso giorno. Dopo 78 anni salì al trono di Pietro e incoronò la sua carriera ecclesiastica come capo della Chiesa cattolica. La notizia delle sue dimissioni nel 2013 si è diffusa in tutto il mondo e ha suscitato molto scalpore, poiché sono trascorsi centinaia di anni dall’ultima volta che il Papa si è dimesso.

Il fatto che da allora sia stato con papa Francesco e il papa emerito Benedetto XVI. In realtà ci sono papi, il che provoca tensioni nei campi politici della chiesa. Tre giorni prima di Natale, Francis ha fatto visita per le sue procedure. La Santa Sede ha detto che i due hanno avuto una “breve e sincera conversazione”. Alla fine hanno pregato insieme.

READ  I bambini dell'asilo recitano scene della serie Netflix

La convivenza di due papi nel piccolo Stato Pontificio non è l’ideale per nessuno dei due rappresentanti. Quindi alcuni esperti vaticani sospettano che papa Francesco – dopo la morte di Benedetto – possa cambiare la legge in modo che lo status di “papa emerito” non possa esistere in futuro. Sarebbe Benedetto XVI. Il primo e finora l’ultimo pontefice onorario come residente del monastero Mater Ecclesiae.