Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Cosa c’è dietro le scoperte della vaccinazione?

I vaccini corona riducono significativamente il rischio di malattia. Ma le cosiddette superinfezioni si verificano ancora e ancora: le persone completamente vaccinate si ammalano ancora e alcune sono pericolose. Chi è colpito.

Il vaccino Biontech/Pfizer è ancora il più utilizzato in Germania Siero contro quello Corona virus Ad oggi, l’azienda ha consegnato 70 milioni di lattine alla Repubblica federale di Germania. per me Istituto Robert Koch L’efficacia del vaccino è del 95%. possibilità COVID-19 L’incidenza della malattia è del 95% inferiore nelle persone vaccinate rispetto alle persone non vaccinate. Una cosa è chiara: non esiste una protezione al cento per cento.

Arriva da Israele un nuovo studio sulle scoperte del vaccino: le persone che hanno già ricevuto due dosi del vaccino si stanno ancora ammalando, alcune addirittura pericolose o addirittura fatali. Israele vaccina la sua popolazione quasi esclusivamente con il principio attivo di Biontech.

Sono stati analizzati 152 casi

Al 20 maggio 2021, i ricercatori hanno esaminato i dati su 152 pazienti Covid-19 che erano stati ricoverati in ospedale. La campagna di vaccinazione del paese è iniziata circa sei mesi fa, quando 5,4 milioni di israeliani avevano già ricevuto la doppia vaccinazione. Lo studio ha esaminato solo i dati di 17 cliniche. Quindi non è chiaro con quale frequenza si verifichino effettivamente i breakout vaccinali.

Sempre nel maggio 2021, gli scienziati del King’s College di Londra sono giunti alla conclusione che pochissime persone vaccinate vengono mai infettate. Hanno valutato i dati di oltre 1,1 milioni di britannici vaccinati tra dicembre 2020 e metà maggio 2021. In tal modo, hanno trovato solo 2.278 persone dopo la prima volta vaccinazione Il risultato del test è stato positivo (0,2 percento) e solo 187 persone hanno ottenuto un risultato positivo dopo la seconda vaccinazione (0,03 percento).

READ  Corona in Italia: l'orario di apertura è fissato per l'estate - in arrivo il "corridoio verde" per gli spostamenti verso le zone a rischio

L’analisi israeliana ha incluso anche i dati dei pazienti che hanno sviluppato la malattia otto giorni dopo la seconda vaccinazione. Tuttavia, la protezione completa dalla vaccinazione viene stabilita solo due settimane dopo la seconda vaccinazione. In media, sono trascorsi circa 40 giorni tra la seconda dose del vaccino e il ricovero.

I ricercatori di Ashdod hanno scoperto che solo il 6% dei pazienti con gravi violazioni delle vaccinazioni era precedentemente sano. Tutti gli altri (146) avevano almeno una malattia precedente. Il 71% soffriva di pressione alta, il 48% di diabete, il 32% aveva insufficienza renale cronica. Anche insufficienza cardiaca, malattie polmonari, cancro e demenza erano tra le condizioni preesistenti diagnosticate.

Immunodeficienza come gruppo a rischio risk

Il 40% dei pazienti era immunocompromesso, ad esempio perché stava assumendo farmaci a lungo termine che sopprimono il sistema immunitario del corpo (immunosoppressori), perché era sottoposto a chemioterapia o perché aveva subito un trapianto di organi. Il problema è noto: queste persone di solito non hanno una risposta immunitaria adeguata alla vaccinazione.

L’età media dei malati gravi era di 71 anni. Due terzi dei pazienti sono stati ricoverati a causa della malattia da Covid-19, e un terzo di loro a causa di una precedente malattia a cui si è aggiunta l’infezione da Corona. Il 61 percento ha sviluppato il decorso della malattia critica in ospedale e il 22 percento è morto.

Durante il periodo di studio, la variante alfa del coronavirus era ancora prevalente in Israele. La maggior parte degli infetti ce l’ha. Dichiarazioni sui progressi della vaccinazione in delta alternatoche sono considerati più infettivi non possono essere derivati ​​dallo studio.

READ  Oggi è il 22 luglio 2021

Potrebbe essere anche la terza vaccinazione in Germania

I ricercatori hanno affermato che saranno necessarie ulteriori analisi a lungo termine per identificare e proteggere meglio le persone a maggior rischio di scoperte vaccinali. Quindi potrebbero aver bisogno di vaccinazioni di follow-up o di richiamo. Israele fornisce queste vaccinazioni di richiamo dall’inizio di luglio.

Anche il Ministero federale della salute sta valutando una terza vaccinazione per i pazienti ad alto rischio. Lo fanno per le persone che sono in declino sistema immunitario O nel senso della vecchiaia, secondo il ministro Jens Spahn (CDU). Parla della terza vaccinazione in autunno, ad esempio per i residenti delle case di cura e altre persone che dovranno affrontare il decorso di una grave malattia con un’infezione da corona. Per il gruppo dei “low responder”, il cui sistema immunitario reagisce a una doppia vaccinazione con un livello di protezione piuttosto basso, la protezione con la terza vaccinazione è significativamente più alta. “Ecco perché probabilmente daremo a questi gruppi la terza vaccinazione a settembre e ottobre”, ha detto Spahn.

nota importante: Le informazioni non sostituiscono in alcun modo la consulenza o il trattamento professionale da parte di medici formati e riconosciuti. I contenuti di t-online non possono e non devono essere utilizzati per fare diagnosi o iniziare un trattamento in modo indipendente.