Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Corona in Baviera: non è quasi necessario indossare la museruola – Baviera

Il tasso di infezione diminuisce per sette giorni

Martedì 5 aprile, ore 7:04: I nuovi casi di coronavirus da sette giorni in Baviera continuano a diminuire. Martedì il Robert Koch Institute (RKI) ha annunciato un valore di 1.693,0 per lo stato libero. Lunedì erano le 1803.8. Le autorità sanitarie della Baviera hanno segnalato 20.467 nuovi casi all’RKI nelle ultime 24 ore. 49 persone sono morte a causa oa causa di Covid-19.

Mesbach ha il più alto tasso di infezione in Baviera, con 2741,0 nuove infezioni ogni 100.000 abitanti negli ultimi sette giorni. È seguito da Hof (2532.5) e Kulmbach (2412.2). I pazienti con corona in unità di terapia intensiva sono leggermente aumentati: martedì il registro di terapia intensiva Divi ha registrato 404 pazienti con corona nelle unità di terapia intensiva di Free State (dalle 6:18).

Mascherine nella vendita al dettaglio: tante raccomandazioni, poco impegno

Lunedì 4 aprile alle 8:43: Dopo che i requisiti delle maschere obbligatorie dallo stato sono stati eliminati presso i rivenditori bavaresi, nella maggior parte dei casi i clienti avranno la possibilità di coprirsi il viso. Big Foods e molte altre catene di vendita al dettaglio hanno chiarito che non insisteranno nell’indossare mascherine ai sensi dei diritti abitativi. E anche per le piccole imprese, solo una minoranza lo farà, secondo un’indagine di un’associazione di categoria.

Le catene che affermano di non voler ordinare una maschera includono Edeka, Rewe inclusa Penny, la catena di ferramenta Toom, Lidl che include Kaufland, Aldi Süd e Ikea, l’operatore di garden center Dehner e Globus, la catena di abbigliamento Ernsting’s Family, i grandi magazzini Woolworth e il venditore Talia. Tuttavia, le singole catene consiglieranno ai clienti e ai dipendenti di continuare a indossare volontariamente le mascherine.

Secondo un sondaggio della Bavarian Retail Association (HBE), una maschera sarà consigliata in molti negozi al dettaglio in generale. La maggior parte dei 979 rivenditori che hanno preso parte al sondaggio considera errata la rimozione del requisito della maschera delle condizioni. Bernd Ullmann, amministratore delegato di HBE, spiega che ancora spesso non usano il proprio capitale proprio dicendo che molti commercianti sono preoccupati di perdere clienti altrimenti; Sia che si tratti della competizione senza maschere, sia che si tratti di trading online.

Il tasso di infezione diminuisce per sette giorni

Lunedì 4 aprile alle 6:54: I nuovi casi di coronavirus da sette giorni in Baviera continuano a diminuire. Il Robert Koch Institute (RKI) ha annunciato un valore di 1803,8 per lo stato libero all’inizio della settimana. Esattamente una settimana fa era 2178.1. Le autorità sanitarie della Baviera hanno segnalato 14.440 nuovi casi all’RKI nelle ultime 24 ore. Otto persone sono morte a causa oa causa di Covid-19.

Mesbach ha il più alto tasso di infezione in Baviera, con 2.678,1 nuove infezioni ogni 100.000 abitanti negli ultimi sette giorni. È seguito da Norimberga (2557,7) e Kulmbach (2553,6). Anche il numero di pazienti affetti da corona nelle unità di terapia intensiva è diminuito negli ultimi giorni: il record di Divi di terapia intensiva ha 393 pazienti affetti da corona nelle unità di terapia intensiva del Free State lunedì (alle 6:05), due settimane fa era 402.

READ  Nuovi requisiti per coloro che non sono rafforzati: questi paesi stanno nuovamente inasprindo le regole Corona

Le regole Corona sono scadute: nascondi solo raccomandazione

Domenica 3 aprile alle 8:16: Anche la maggior parte delle restrizioni sulla corona in Baviera è terminata a mezzanotte. Concretamente, questo significa che ancora oggi in Baviera non ci sono più regole di accesso 2G ​​o 3G – anche chi non è stato vaccinato può accedere nuovamente a tutti gli ambiti della vita pubblica senza un test. Solo nelle cliniche, nelle case di riposo e nelle case di cura i visitatori e il personale dovrebbero sottoporsi a esami giornalieri o regolari. I test continueranno anche nelle scuole e negli asili nido, inizialmente fino a Pasqua. Negli asili nido aperti, così come durante le vacanze di Pasqua. Il Consiglio dei Ministri deve ancora decidere a tempo debito come procedere.

Il requisito della maschera FFP2 ora si applica solo ai trasporti pubblici locali, agli studi medici, agli ospedali, alle case di cura, agli alloggi per rifugiati e simili “strutture vulnerabili”. Altrove l’obbligo della mascherina è storia, ad esempio nel retail, in tutti i tipi di strutture ricreative, ma anche in tutte le scuole: da lunedì non sarà più necessario indossare le mascherine nelle scuole. Tuttavia, il governo statale raccomanda ancora di indossare le mascherine all’interno, ad esempio nei negozi e nelle strutture ricreative, ma anche nelle scuole, tranne che nelle aule.

La scadenza delle rigide regole Corona corrisponde alle specifiche della nuova legge federale sulla protezione contro le infezioni, che i partiti semaforici SPD, Verdi e FDP a Berlino hanno imposto contro molte resistenze. Dopo la scadenza del periodo di transizione il 2 aprile, gli stati federali possono adottare regole più severe solo a determinate condizioni, cioè se una variante virale più grave compare in un “ente locale” o se c’è il rischio di sovraccaricare le capacità della clinica. Il governo statale lo ha negato e si è astenuto dal dichiarare tutta la Baviera o anche singole regioni come hotspot.

Servizi di culto: i pubblici ministeri raccomandano le mascherine

Sabato 2 aprile alle 18:33: Dopo che le misure statali su Corona sono state in gran parte abolite, la Chiesa cattolica in Baviera si accontenta di raccomandazioni alle comunità locali. Secondo un elenco pubblicato venerdì dalla diocesi di Würzburg, le maschere FFP2 devono continuare a essere indossate al chiuso durante le funzioni religiose. Questo è particolarmente vero per il canto di gruppo. Se così pochi credenti prendono parte al servizio, in modo da mantenere distanze superiori al metro e mezzo, sono possibili deviazioni da questo.

Non ci sarà un numero massimo di partecipanti, e non ci saranno posti chiusi o limitati o obbligo di registrazione, affermano anche le raccomandazioni. Secondo l’Ordinariato di Würzburg, si applicavano in tutta la Baviera e venivano approvati dai Procuratori generali, cioè dai capi dell’amministrazione delle sette diocesi. I Comuni sono tenuti a non emanare norme particolari. “Sulla base di queste raccomandazioni, tutti i credenti dovrebbero avere lo stesso accesso ai servizi in tutte le chiese”.

READ  Emozionante scoperta di Marte - La NASA celebra: "Non puoi nascondere questa prova"

Alle persone infette dal coronavirus è ancora vietato assistere alle funzioni religiose. Mentre il saluto manuale della pace deve ancora essere omesso, le linee dell’acqua santa saranno nuovamente riempite a Pasqua. I credenti sono tenuti a disinfettarsi le mani in anticipo e a bordo piscina dovrebbero essere posizionati erogatori appropriati. Gli assistenti comunicativi devono continuare a indossare maschere e disinfettarsi le mani in anticipo.

Nella musica sacra viene mantenuta una distanza di mezzo metro tra musicisti, cantanti e fedeli. La raccomandazione sulla maschera non si applica a loro. In riconoscimento, invece, il Procuratore Generale continua a raccomandare la cuffia bocca e naso FFP2. Durante il battesimo, la conferma e l’unzione dei pazienti, si consiglia inoltre ai donatori di indossare una maschera e disinfettarsi le mani.

Ogni nono commerciante in Baviera vuole continuare a ordinare maschere

Sabato 2 aprile alle 14:37: Ogni nono rivenditore bavarese desidera rispettare i requisiti delle maschere nei propri negozi. Lo ha affermato l’11,7% in un sondaggio condotto dalla Bavarian Retail Association (HVB), conclusosi sabato. Il 77,4 per cento, invece, non vuole prescrivere mascherine tramite il diritto alla casa. Ci sono circa 58.000 rivenditori in tutta la Baviera.

Sebbene la maggior parte dei rivenditori bavaresi non avesse i requisiti per la maschera, molti lo facevano “con un gorgoglio e un pugno in tasca”, afferma Bernd Ullmann, amministratore delegato di HVB. Perché nel complesso, la maggior parte dei 979 rivenditori partecipanti è critica nel rimuovere il requisito della maschera di stato. Secondo il sondaggio, il 50,4% pensa di avere torto e il 39,2% ha ragione.

Ullman ha spiegato che la percentuale di commercianti che aderiscono ai diritti sulla casa è molto inferiore alla percentuale di critici della cancellazione, affermando che molti commercianti sono preoccupati di perdere clienti altrimenti. Che si tratti di concorrenza senza maschere, che si tratti di commercio online. Allo stesso tempo, i rivenditori vedono anche il rischio di perdere i clienti che si sentono a disagio senza mascherina. Secondo il sondaggio, molti rivenditori ora vogliono raccomandare almeno di indossare una maschera. E dove viene descritta la maschera, dovrebbe essere principalmente una maschera FFP2.

Anche la preoccupazione per i dipendenti che vengono infettati dovrebbe avere un ruolo. Ullman ha affermato che il congedo per malattia è già alto in molte aziende e il commercio a volte è al limite. “E a che serve un cliente se può fare la spesa senza mascherina ma gli scaffali sono vuoti perché le lavatrici sono malate”. Quasi due terzi dei rivenditori vogliono che i propri dipendenti siano in grado di decidere autonomamente a favore o contro la maschera, circa il 20% prevede di rendere le maschere obbligatorie per i propri dipendenti e un altro 16% solo per determinate attività.

READ  Alitosi: questi metodi forniscono una protezione efficace contro placca e batteri

Nella stragrande maggioranza dei negozi bavaresi, i clienti non dovranno più indossare le mascherine. Ciò è coerente anche con le pubblicità dei grandi negozi di alimentari, alcuni dei quali sono disposti a consigliarli almeno volontariamente. Tuttavia, Ullmann presume che la maggior parte dei clienti e dei dipendenti indosserà maschere, almeno inizialmente, almeno finché il numero di infezioni rimane elevato.

Cliniche bavaresi: appelli alla responsabilità personale per le regole Corona

Sabato 2 aprile alle 13:24: Le cliniche in Baviera fanno appello alla responsabilità personale delle persone alla luce delle numerose misure di protezione corona mancanti. “Solo la ‘protezione di base’ rimane limitata”, ha affermato sabato Roland Inghausen, direttore generale dell’Associazione ospedaliera bavarese (BKG). I cittadini dello stato libero devono indossare volontariamente maschere, vaccinare e seguire le norme igieniche.

“Purtroppo, quasi tutte le misure di protezione corona al di fuori del settore sanitario scadranno domenica”, ha affermato Inghausen, aggiungendo: “Siamo preoccupati per i rischi connessi”. I politici sembrano fare affidamento in gran parte sulla responsabilità personale dei cittadini, ma ciò non dovrebbe comportare un nuovo aumento significativo del numero di contagi. “Perché le cliniche devono già posticipare molti trattamenti che potrebbero essere pianificati per garantire le cure tanto necessarie. Ma questo non è giustificato a lungo termine”.

Sabato anche il ministro della Salute Klaus Hollyczyk (CSU) ha fatto appello ai cittadini dello Stato Libero per mostrare causa e responsabilità personale. Il decreto, che entrerà in vigore dal 3 aprile, contiene solo raccomandazioni per alcune misure come indossare le mascherine in generale al chiuso o creare un concetto di igiene. “Non possiamo più ordinare legalmente questa questione”. Gli stati federali “purtroppo dovranno pagare per la cattiva legge del governo del semaforo di Berlino”. Holichek ha affermato che gli operatori sanitari hanno fatto cose “miracolose” negli ultimi due anni. Nelle sue parole, sostiene la campagna BKG. “Anche se tutti aneliamo alla normalità: è ancora troppo presto. Siamo ancora bloccati nella pandemia di coronavirus”.

70.000 studenti salteranno le lezioni a causa di Corona

Sabato 2 aprile alle 7:48: Quasi 70.000 studenti in Baviera hanno recentemente perso lezioni faccia a faccia a causa del coronavirus. Si tratta di circa 10.000 in meno rispetto alla scorsa settimana, secondo i dati del Ministero dell’Istruzione. Secondo questo, a partire da venerdì, circa il 3,2% di circa 1,6 milioni di studenti in Baviera non era in classe a causa di un test corona positivo e l’1,24% era in quarantena. Entrambi i numeri sono in calo rispetto alla settimana precedente.