Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Corona – Coaguli di sangue responsabili della “nebbia cerebrale” dopo Covid-19

Corona – Coaguli di sangue responsabili della “nebbia cerebrale” dopo Covid-19

Secondo studi epidemiologici, circa 36 milioni di persone nella sola regione europea dell’OMS hanno probabilmente sviluppato sintomi a lungo termine di Covid negli ultimi tre anni a causa della pandemia di SARS-CoV-2. Questo spesso include anche disturbi cognitivi. Utilizzando due marcatori della coagulazione del sangue, gli scienziati britannici hanno ora scoperto una chiara associazione con una maggiore tendenza alla formazione di coaguli di sangue causata dal Covid-19.

“Alte concentrazioni di due proteine ​​sono state riscontrate durante la malattia da Covid-19 in pazienti che successivamente hanno sviluppato disturbi cognitivi tra cui la ‘nebbia cerebrale'”, ha scritto l’Università di Oxford nello studio recentemente pubblicato sulla rivista Nature Medicine. lo studio PHOSP-COVID britannico (https://www.phosp.org/), che mira a esaminare il decorso a lungo termine della malattia COVID-19 su un massimo di 10.000 pazienti dopo una degenza ospedaliera essenziale.

Nell’ambito del loro studio, Maxime Tackett del Dipartimento di Psichiatria dell’Università di Oxford e i suoi coautori hanno raccolto prove evidenti della causa della disfunzione cerebrale dopo l’infezione acuta da SARS-CoV-2. Includevano 1.837 adulti (età media: 57,9 anni; 36,6% donne) che erano stati ricoverati in ospedale durante lo studio. Naturalmente sono stati eseguiti anche test di laboratorio per l’infiammazione e la coagulazione del sangue. Gli esami di follow-up sono stati eseguiti dopo sei mesi e un anno.

“Un paziente affetto da Covid-19 su otto riceverà una diagnosi di problemi neurologici o psichiatrici entro sei mesi dall’infezione acuta. Tra questi sintomi, i deficit cognitivi (inclusa la “nebbia cerebrale”) sono particolarmente preoccupanti. Sono comuni. può compromettere la capacità di funzionare”, hanno scritto Tackett e i suoi coautori.

Durante l’analisi e gli esami di follow-up, gli scienziati hanno riscontrato le seguenti associazioni: durante la grave malattia COVID-19, l’aumento dei livelli del fattore I della coagulazione (fibrinogeno) rispetto al marcatore infiammatorio CRP (proteina C-reattiva) ha successivamente portato ad un aumento dei livelli del fattore I della coagulazione (fibrinogeno) in pazienti con disturbi cognitivi oggettivamente misurabili (test MoCA; immaginazione visuo-spaziale, denominazione di oggetti, capacità di concentrazione, problemi di memoria, ecc.). Il fibrinogeno è prodotto nel fegato. Livelli elevati nel sangue indicano anche processi infiammatori che attivano anche la coagulazione del sangue.

READ  Ecco perché la frutta è il supporto perfetto per la tua dieta

Aumento dei livelli di D-dimero

In un test sui problemi cognitivi autopercepiti (questionario C-PSQ5; confusione, perdita di memoria a breve termine, problemi di comunicazione e comprensione, difficoltà di concentrazione, pensiero lento e difficoltà a ricordare), anche le persone con livelli elevati di fibrinogeno hanno mostrato risultati significativamente peggiori risultati. Ciò potrebbe essere correlato alla formazione di microtrombina nel cervello. Tuttavia, il fibrinogeno può anche danneggiare direttamente le cellule nervose del cervello.

Il secondo marcatore era il D-dimero. Questo frammento proteico è il classico segno della coagulazione. A questo scopo in tutto il mondo vengono utilizzati test rapidi, ad esempio per escludere un’embolia polmonare in casi sospetti o per accertare tale sospetto. Scienziati britannici hanno anche scoperto un’importante relazione tra l’aumento dei livelli di D-dimero nel sangue e i disturbi cognitivi. Tuttavia, un’associazione è stata trovata solo in un test sui disturbi cognitivi autopercepiti. I test per complicanze oggettivamente rilevabili non hanno mostrato alcuna associazione.

Possibile spiegazione: elevate concentrazioni di D-dimero nel sangue dovute a COVID-19 sono probabilmente un segno di formazione di coaguli nei piccoli vasi sanguigni dei polmoni e indicano un ridotto assorbimento di ossigeno a lungo termine. Ciò a sua volta costituirebbe una potenziale causa di affaticamento (sindrome del “burnout”) nel contesto del lungo Covid.

“I ricercatori sono stati in grado di verificare i risultati analizzando più di 90 milioni di cartelle cliniche elettroniche (britanniche). Studi sugli animali hanno anche dimostrato che gli eventi di coagulazione nelle malattie acute possono avere un impatto sul successivo recupero”, ha scritto la rivista medica tedesca. Rivista. Questo confronto ha anche mostrato che, senza COVID-19, un aumento dei valori di fibrinogeno e/o D-dimero è stato osservato più frequentemente nelle persone con disturbi cognitivi. In ogni caso, i risultati supportano l’uso di farmaci che fluidificano il sangue se il COVID-19 è grave. Ciò può anche aiutare a prevenire o mitigare i successivi problemi di Long Covid.

READ  I meteorologi avvertono di ulteriori ondate di calore