Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Nuova variante EG.5 di COVID: la pandemia potrebbe tornare?

Nuova variante EG.5 di COVID: la pandemia potrebbe tornare?

Scienze

Esempio 5: Cosa sappiamo della nuova variante Covid

Oggi, 08/11/2023 | 08:44

La variante EG.5, alias Eris, sta riportando il Covid-19 nella conversazione. Chi ha sotto osservazione la sottovariante omicron. L’epidemia potrebbe tornare?

Il 5 maggio 2023, l’Organizzazione mondiale della sanità ha revocato l’emergenza sanitaria globale del coronavirus. Ma a quel tempo, il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, disse che il virus SARS-CoV-2 non era stato sconfitto, ma il virus continuava a circolare nel mondo, ed era pericoloso e poteva sviluppare varianti più pericolose in ogni momento.

Ed è qui che entriamo in gioco noi ora: c’è una nuova variante di Covid-19 in discussione, EG.5. Resta da vedere se anche questo sia “più pericoloso”.

annuncio

L’Organizzazione mondiale della sanità elenca la variabile come “variabile sotto osservazione” (VUM). Ciò significa: non è ancora né una “variabile di interesse” (VOI) né una “variabile di preoccupazione” (VOC).

Quanto spesso è la variante Covid EG.5?

Il biologo evoluzionista canadese T. Ryan Gregory dell’Università di Guelph in Ontario ha esaminato più da vicino la sottospecie EG.5.1. Questa sottolinea in particolare è soprannominata “Iris”. Eris è anche il nome di un pianeta nano che prende il nome dalla dea greco-romana della discordia e della discordia. Ma Gregory sostiene che il soprannome di Iris è solo un modo conveniente per indicare la sottolineatura, non un’indicazione di quanto sia grave. “Nota che l’alias ≠ dovrebbe creare una certa increspatura da solo”, ha twittato.

Tuttavia, l’elenco dell’OMS di EG.5 come “VUM” significa che la genetica del virus potrebbe teoricamente aumentare la sua trasmissibilità, o virulenza, per la quale non ci sono ancora prove sufficienti.

annuncio

EG.5 è un discendente di XBB.1.9.2 (Arcturus), con un’ulteriore mutazione spike che probabilmente aiuta il virus a eludere una risposta immunitaria attraverso la fuga immunitaria, secondo Neherlab, un Biozentrum con sede presso l’Università di Basilea in Svizzera. Già alla fine di giugno, il rapporto variabile affermava che la linea EG.5 è attualmente la linea in più rapida crescita e più utilizzata al mondo. Ancora una volta, EG.5.1 potrebbe essere una mutazione leggermente benefica.

Secondo Neherlab, EG.5 è stato rilevato per la prima volta in Indonesia nel febbraio 2023 e osservato per la prima volta negli Stati Uniti nel marzo 2023. Mentre rappresentava il cinque percento dei casi di Covid lì a giugno, ora è la variante più comune con il 17 percento, Secondo le stime dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

La diffusione di EG.5 è stata discussa anche in una conferenza stampa virtuale dell’Organizzazione mondiale della sanità. “Naturalmente, tutte le varianti rilevate che sono una delle sottovarianti dell’omicron mostrano un aumento del tasso di crescita”, ha affermato Maria Van Kerkhove, epidemiologa, del responsabile tecnico dell’area di lavoro Covid-19 dell’OMS. Ciò indica che il virus continua a diffondersi e cambiare.

Ma “l’impatto in termini di ricoveri e decessi non è così grave perché le persone sono ampiamente protette dalla vaccinazione ma anche dalle infezioni precedenti, quindi si costruisce una certa immunità”, continua Van Kerkhove.

Perché dovremmo continuare a essere vigili

Tuttavia, Van Kerkhove teme che “potrebbero esserci varianti nuove e più serie ed è qualcosa a cui dobbiamo prestare attenzione”.

L’epidemiologo avverte che è fondamentale che i paesi continuino a monitorare e, cosa più importante, continuino a segnalare ricoveri, terapia intensiva e tassi di mortalità all’Organizzazione mondiale della sanità in modo che le tendenze possano essere monitorate. Anche il sequenziamento è necessario. “Il virus non è scomparso”.

Sebbene anche i ricoveri settimanali per Covid-19 negli Stati Uniti stiano aumentando di nuovo a 9.056, questo è solo il 6% rispetto al picco dell’onda di Omicron nel gennaio 2022.

Tuttavia, non è chiaro se le mutazioni in EG.5 siano responsabili del recente aumento. Il medico americano Eric Topol sottolinea che è importante seguire l’evoluzione, ma non c’è una chiara relazione tra causa ed effetto e l’attuale (piccolo) aumento degli effetti di fognature, casi e ricoveri.

C’è un accordo generale sul fatto che EG.5 non rappresenta una minaccia significativa. L’aumento del numero dei casi può essere attribuito anche a circostanze concomitanti: siamo nel pieno di un’ondata estiva di Covid. Molti stanno in spazi interni climatizzati a causa del caldo. Il virus continua a mutare. La protezione da precedenti infezioni o vaccinazioni è ridotta. La suscettibilità alle infezioni aumenta nuovamente.

Tuttavia, è un buon promemoria per tenere d’occhio il Covid-19 e il processo di infezione e, soprattutto, tenerlo sotto controllo. I vaccini modificati – che dovrebbero essere efficaci anche contro l’EG.5 – arriveranno sul mercato in autunno.

Autore: Hanna Fox

READ  Studio: vaccino mRNA contro l'HIV negli studi sugli animali 'molto promettente' - Notizie Augsburg, Allgäu e Ulm