Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Coprifuoco Corona: Vediamo l’effetto del “freno di emergenza”?

DottLa Germania sembra essere al di sopra della montagna. Dal picco della terza ondata alla fine di aprile, il tasso di infezione per sette giorni è diminuito di un quarto. Venerdì mattina, il Robert Koch Institute (RKI) ha riportato un valore di 125,7 – poco più di due settimane fa quel valore era 169,3. I freni di emergenza federali e un controverso coprifuoco notturno hanno rallentato il tasso di infortuni come sperato?

Gli esperti non sono d’accordo su questa domanda. All’inizio della settimana, Gernot Marx, presidente della German Interdisciplinary Society for Intensive and Emergency Medicine (Divi), ha raggiunto un bilancio positivo alla luce della diminuzione del numero di infortuni. Si aspettava che la situazione nelle unità di terapia intensiva si calmasse e ha spiegato questa possibilità “immediatamente” con misure di “freno di emergenza” e progressi nella vaccinazione. Eva Grill, presidente della Società tedesca di epidemiologia, ha risposto: “Il ‘freno di emergenza’ non poteva avere un effetto diretto su questi numeri, e in effetti non è stato abbastanza a lungo per farlo”.

Chi è adesso?

Il 24 aprile è entrata in vigore la nuova versione dell’Infection Protection Act, nota come “Federal Emergency Brakes”. Ciò significa che nei comuni la cui incidenza supera i 100 entro tre giorni, è previsto il coprifuoco notturno tra le 22:00 e le 5:00.

Fonte: World Infographic

La traiettoria di sette giorni dell’accadimento in Germania indica un collegamento e una relazione reciproca tra i “freni di emergenza” in tutte le loro misure e lo spostamento del 26 aprile. Ma poiché il cambiamento è iniziato solo due giorni dopo l’entrata in vigore dei “freni di emergenza federali”, all’inizio si poteva prevedere solo un effetto indiretto.

“Dato il periodo di incubazione, i test e i tempi di refertazione, il tempo necessario per vedere se la procedura è efficace è di circa due settimane”, afferma l’epidemiologo Timo Ulrichs, che insegna salute globale tra gli altri alla Akcon University di Berlino. “Tuttavia, poco dopo l’inizio dell’azione, vediamo un effetto come abbiamo visto nella prima ondata: se l’azione è prevista, i cittadini se lo aspettano. Agiscono come se avessimo già le misure, in modo che possiamo misurare gli effetti in anticipo . “

Leggi anche

L'approccio olistico della Svezia: la protezione dalle malattie è sempre considerata insieme ad altri rischi per la salute

Anche la discussione sulla “tregua pasquale” – nonostante il suo fallimento – avrebbe potuto portare a un cambiamento di comportamento nella popolazione. Il 13 aprile, il governo federale ha quindi presentato una bozza di una nuova legge sulla protezione dalle infezioni, circa due settimane prima del picco della terza ondata. Il coprifuoco notturno è stato particolarmente controverso.

Simulazioni e studi di altri paesi, ad esempio CanadaUlrich ha detto che il coprifuoco ha avuto un effetto oltre alle misure già in vigore. Tuttavia, dimostrare che il coprifuoco ha rotto la terza ondata è difficile o addirittura impossibile. “Non disponiamo di dati chiari e non posso rivendicare una relazione causale diretta, perché molte delle misure sono state incorporate nel quadro dei” freni di emergenza federali “. Ciò include anche chiusure scolastiche, requisiti di comunicazione più severi e un impegno lavorare da casa, dice Ulrichs.

L’impatto del coprifuoco è difficile da valutare

L’effetto del coprifuoco non può essere chiaramente quantificato perché non ci sono state condizioni stabili nelle ultime settimane, ma ci sono molti altri fattori che influenzano, dice Ulrich. “Non abbiamo una configurazione di test in cui modifichiamo una variabile e misuriamo l’effetto”, afferma l’epidemiologo. Sarebbe un accordo del genere confrontare due città della stessa dimensione con tassi di infezione simili: una impone il coprifuoco, ma non l’altra. “Ma questa è una considerazione teorica, che sarebbe anche moralmente discutibile”, dice Ulrichs.

Il confronto tra Stati federali fa sorgere dubbi sull’effetto del coprifuoco. In Baviera, da dicembre ci sono state differenze nel coprifuoco notturno senza che lo Stato libero si sviluppasse in modo diverso dalla Germania nel suo insieme. Tuttavia, alcune scuole erano aperte all’epoca. Al contrario, solo pochi distretti nello Schleswig-Holstein hanno imposto il coprifuoco notturno, ma il numero degli infortuni è ancora in calo.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per interagire o visualizzare i contenuti di fornitori di terze parti, abbiamo bisogno del tuo consenso.

“Non si può facilmente giungere a questa conclusione opposta”, afferma Ulrichs. “Se riesco ad abbassare i numeri senza imporre un coprifuoco in un particolare gruppo, questa non è una prova conclusiva che il coprifuoco in generale non aiuta”. Non è stato possibile fornire dati chiari in un confronto tra paesi. “Ma questo non è un argomento contro il coprifuoco come misura aggiuntiva”, dice Ulrichs.

Al fine di ottenere un’inversione di tendenza nella terza ondata, ad aprile c’erano solo opzioni limitate per rafforzare le misure del coronavirus, incluso un divieto di uscita notturno. “In una situazione di emergenza al culmine della terza ondata, la valutazione che il coprifuoco potrebbe aiutare era sufficientemente giustificata”, ha detto Ulrich.

L’idea: con il coprifuoco notturno, è vietato incontrare amici e parenti. Se questo stratagemma sia legalmente ammissibile è una questione di cui si occuperà la Corte costituzionale federale. Mercoledì, i giudici di Karlsruhe hanno respinto le richieste urgenti contro il coprifuoco. Tuttavia, la decisione sulle azioni chiave terrà conto del fatto che il legislatore abbia dimostrato un potenziale impatto e quanto sia diffuso.

I ricercatori dell’aerosol dubitano dell’efficacia del coprifuoco

Ricercatore e fisico di aerosol Gerhard Scewch Cita note di Tolosa, secondo le quali il coprifuoco avrebbe avuto un effetto negativo sui valori di incidenza. “Anche le regioni dell’Assia hanno imposto il coprifuoco in inverno”, dice Scheuch, “ma uno studio dell’Università di Giessen non ha trovato tracce dopo di ciò”.

L’Associazione tedesca per la ricerca sull’aerosol, a cui appartiene Shees, ha respinto il coprifuoco dall’inizio. Quando imponi un coprifuoco, stai suggerendo alle persone che fuori è pericoloso. Ma sappiamo che le infezioni si verificano raramente al di fuori “, dice Sheish. Anche coprifuoco è un termine sbagliato e sottolinea che in realtà si tratta di imporre un divieto di contatto notturno.

Leggi anche

Jens Spahn (a destra, CDU), ministro della salute federale, Christian Drosten (al centro), direttore dell'Istituto di virologia nella Charity Berlin, e Lothar H. Wheeler (a sinistra), presidente dell'Istituto Robert Koch, commentano la diffusione del coronavirus.  +++ dpa-Bildfunk +++

“La diminuzione di sette giorni del tasso di infezione ha a che fare con il coprifuoco Lui puòinnegabile. “Nessuno può provare la causa”, dice Shish. “Forse la reazione dei cittadini all’annuncio prima che venga presa la decisione. Ma non credo che queste due ore di coprifuoco notturno abbiano alcun effetto su questo”.

È facile immaginare che le persone si radunerebbero semplicemente prima del coprifuoco o passerebbero la notte con amici e parenti. Ma se il coprifuoco non può essere chiaramente dimostrato, come si spiega la diminuzione delle nuove infezioni?

La psicologia, il clima e le vaccinazioni hanno tutti un impatto

Scheuch descrive l’epidemia come un “sistema caotico” con molte incognite e implicazioni psicologiche. “A seconda dello stato di infezione nel sito, le persone si comportano in modo molto diverso”, dice Scheuch. “Se il tasso di infezione è alto, lo sviluppo esponenziale viene interrotto perché i cittadini si accorgono che la situazione è diventata pericolosa per loro”. I tedeschi sono diffidenti, motivo per cui non si sono mai verificati più di 200 casi a livello nazionale – valori molto bassi rispetto ad altri paesi.

“Penso che il progresso nella vaccinazione giochi un ruolo importante e il maggiore impatto proviene dalla stagionalità. Tuttavia, queste sono solo osservazioni”, afferma il ricercatore aerosol. Invece del coprifuoco, avrebbe istituito misure più severe a casa per proteggere le persone in condizioni di vita anguste e in edifici alti.

Leggi anche

Punto focale I residenti di Colonia-Schurweiler hanno una probabilità tre volte maggiore di essere infettati rispetto ai residenti del quartiere residenziale di Hanwald

Anche l’epidemiologo Ulrichs attribuisce un grande effetto alla stagionalità. “In inverno, la temperatura ambiente è più bassa, quindi la reazione del sistema immunitario rallenta. Il virus può attaccarsi più facilmente alle mucose. Inoltre, gli aerosol sono più stabili all’aria fredda, le persone sono spesso in casa e hanno molti contatti lì . “Spiega Ulrich. Quel tempo è ormai finito, almeno fino all’autunno.

È convinto che le vaccinazioni porteranno a un’ulteriore diminuzione del numero. Ad oggi, almeno il 31,5% della popolazione tedesca è stata vaccinata una volta e l’8,8% due volte. “La vaccinazione sarà avvertita epidemiologicamente solo quando potremo annullare la priorità e iniziare la vaccinazione di massa”, afferma Ulrichs. “L’effetto giusto deve ancora arrivare. Possiamo sperarlo”.

READ  Il virologo Cesc rinnova la chiamata di emergenza di Corona a Drosten: "Non ho parole"