Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Consiglio – Esci dalla trappola: “Il desiderio delle donne siciliane”

BERLINO (AFP) – Non è facile per le mamme in Sicilia. L’assistenza all’infanzia pomeridiana non è rara nell’isola italiana. C’è solo un numero moderato di offerte di assistenza all’infanzia dallo stato.

+++ Notizie attuali sulle celebrità +++

Non a caso solo il 29 per cento delle donne siciliane ha un lavoro salariato. Dopotutto, prendersi cura dei giovani è sempre tutto lavoro di una donna, secondo il modello tradizionale. Questo è particolarmente un problema quando è vittima di violenza domestica ma dipende finanziariamente da suo marito. Nell’estremo sud d’Italia la discriminazione nei confronti delle donne è più pronunciata che in qualsiasi altra parte d’Europa. Lo riporta “Donne ribelli di Sicilia” di Arte questo mercoledì alle 19:40.

Due donne devono destreggiarsi tra il lavoro e la cura di un bambino: una di loro è Nicoletta Cosentinos, madre single. La cinquantenne ha fondato la sua azienda “Kampferische Kochinnen” nel 2017 e produce prodotti regionali come marmellate o prodotti da forno con altre donne.

Allo stesso tempo, Nicoletta incontra i suoi clienti e si prende cura da sola dei suoi due figli. Nel suo matrimonio, la cinquantenne è stata spesso umiliata. Era sotto costante pressione psicologica fino al suo divorzio. Nella sua compagnia sostiene le donne che affrontano la stessa sorte. Assumono tirocinanti e offrono prospettive di carriera alle donne o pianificano come avviare un’attività di ristorazione con donne del quartiere. Pagare progetti contro la violenza domestica.

Raddoppia l’onere per le donne

Il documentario accompagna anche Clelia. Il 39enne lavora part-time come segretaria e vorrebbe trovare un secondo lavoro. Clelia lo sta ancora cercando. Cerca di chiedere a suo marito il minor denaro possibile. In linea di principio, i siciliani non volevano dipendere da nessuno. Tuttavia, questo significa molto stress per loro. Perché anche se lavora, una donna deve prendersi cura del bambino e della famiglia nelle realtà della sua vita.

READ  Meteo: caldo e incendi nel Mediterraneo, temporali nelle Alpi - intrattenimento

Alla 39enne viene chiesto regolarmente nei colloqui di lavoro come intende padroneggiare il suo lavoro e la sua famiglia allo stesso tempo. Clelia dice che trova questa una “forma di discriminazione umiliante e palese”, perché tali domande non vengono mai poste a candidati maschi.

Il marito ha un orario fisso tutto per sé e non ha tempo per problemi familiari nella giornata lavorativa, mentre Clelia deve gestire entrambi nella sua quotidianità. Si preoccupa per la Sicilia: “Si dice sempre che i bambini sono il futuro del nostro Paese, ma se nessuno ha più figli perché lo Stato non c’è e non fornisce sostegno, allora c’è in gioco quel futuro”. L’Italia è già uno dei paesi con i tassi di natalità più bassi d’Europa.