Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Con un pareggio nella scommessa: Djokovic ora fa parte degli Australian Open

In caso di pareggio nel destino
Djokovic fa ora parte degli Australian Open

Novak Djokovic è ora ufficialmente parte degli Australian Open: nel sorteggio del primo Grande Slam dell’anno, il serbo era in palio. Non è stato risposto se il numero uno del mondo potrà competere o meno.

Novak Djokovic è in questo momento ufficialmente parte degli Australian Open: nel sorteggio della prima mattinata tedesca c’era nella scommessa il serbo, arrivato primo. Nella partita del primo turno, il 34enne deve incontrare il connazionale Miomir Kekmanovic. L’ottimo tedesco Alexander Zverev deve fare i conti anche con il suo connazionale: il numero tre del mondo incontra Daniel Altmaier.

Se consentirà effettivamente a Djokovic di iniziare il torneo, che inizierà lunedì, dipende dalla decisione del ministro dell’Immigrazione australiano Alex Hawke. Il più grande quotidiano del Paese, Herald Sun, la sera prima aveva citato una fonte vicina al governo secondo cui il governo avrebbe fatto tutto il possibile per “evitare un pericoloso precedente”. Un giornalista del Saturday Paper ha twittato di aver “sentito che il segretario all’immigrazione Alex Hawk licenzierà il Joker domani”. Il presidente del campionato Craig Tiley non ha commentato lo stato del dibattito sulla partecipazione di Djokovic al suo torneo durante il sorteggio.

Da diversi giorni c’è una disputa sul visto di Djokovic: non vaccinati e con un permesso medico eccezionale, ai serbi arrivati ​​all’aeroporto di Melbourne è stato rifiutato l’ingresso perché non poteva fornire un certificato di vaccinazione contro Corona e i funzionari di frontiera non hanno riconosciuto il suo permesso eccezionale. Tuttavia, lunedì il tribunale gli ha riassegnato il visto. Da allora il ministro dell’Immigrazione Hook si è riservato il diritto di avvalersi dei suoi diritti personali e continua a invalidare il visto di Djokovic.

Ci sono molte incongruenze in Koza Djokovic. Djokovic ha affermato che nella sua domanda di immigrazione ha fornito inavvertitamente informazioni errate sulle sue attività di viaggio prima del viaggio a Melbourne. Djokovic ha detto che il modulo è stato compilato dal suo team, che ha informato le autorità di immigrazione al suo arrivo. “Il mio agente si scusa sinceramente”, ha aggiunto. Fu “errore umano e non certo intento”. Djokovic ha dichiarato di non aver viaggiato nei 14 giorni prima dell’ingresso – si è allenato in Spagna alla fine dell’anno.

A un evento con bambini, in cui è apparso senza maschera il 17 dicembre, secondo precedenti informazioni negli atti del tribunale, un giorno dopo “l’esame e la diagnosi”, non era a conoscenza del risultato positivo. Il 16 dicembre ha avuto un test antigenico negativo e, con grande cautela, è stato anche eseguito un test PCR. “Non avevo sintomi, mi sentivo bene e non ho ricevuto notizie del risultato della mia PCR fino a dopo l’evento”, ha scritto Djokovic. Tuttavia, ci sono state segnalazioni di potenziali nuove incoerenze con questo test. Spiegel ha scritto che il test PCR fornito dagli avvocati di Djokovic in un database serbo è di una data successiva e non del 16 dicembre.

Non è ancora noto se la lotteria, che è stata rinviata di oltre un’ora in poco tempo al mattino senza fornire alcuna motivazione, darà un’indicazione della decisione ministeriale definitiva. Secondo un rapporto dell’agenzia di stampa australiana, nuove informazioni dell’avvocato di Djokovic hanno posticipato il periodo di tempo per il ministro per prendere una decisione finale, ha detto l’ufficio del ministro. Sono stati presentati altri documenti che potrebbero provare un collegamento a una possibile revoca del visto di Djokovic. “Ovviamente influenzerà il periodo di tempo per una decisione”, ha detto. Secondo il quotidiano “The Edge”, giovedì non verranno rilasciate ulteriori dichiarazioni dal ministro.

Il primo ministro australiano, Scott Morrison, ha dichiarato questa mattina, in risposta alla domanda di un giornalista, che Hawke sta valutando la possibilità di esercitare i suoi diritti personali e di annullare il visto numero uno al mondo. “Questi sono poteri ministeriali personali che il Segretario Hawke può usare e non li commenterò in questo momento”, ha detto Morrison.

READ  Gotze raggiungerà la fase a gironi?