Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Commissione d’inchiesta: “Hang Pence? Trump avrebbe detto

DottSecondo un legislatore, l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha parlato favorevolmente degli sforzi per impiccare il vicepresidente Mike Pence durante l’assalto al Campidoglio. Lo ha affermato il vicepresidente del Comitato repubblicano Liz Cheney.

Trump era a conoscenza delle minacce dei suoi sostenitori contro Pence. “Il presidente ha risposto con questa valutazione, come cito, ‘Forse i nostri sostenitori hanno l’idea giusta”, ha detto Cheney, citando i risultati dell’indagine della commissione. Mike Pence, “Ne vale la pena.”

Pence ha presieduto l’udienza del 6 gennaio 2021 che ha confermato la vittoria del democratico Joe Biden al Congresso. Questa udienza è in realtà una pura formalità, ma su istigazione di Trump, i suoi sostenitori hanno preso d’assalto il Campidoglio per bloccare questa affermazione. Hanno anche perquisito l’edificio per Pence, che hanno definito un traditore e hanno minacciato di impiccarlo per non aver impedito la conferma di Biden.

La Commissione d’inchiesta ha interrogato centinaia di testimoni a porte chiuse per più di dieci mesi. Estratti dei sondaggi sono stati presentati per la prima volta in plenaria.

Il presidente del comitato Benny Thompson ha affermato che Trump “ha incitato i rivoltosi alla rivolta”. L’assalto al Campidoglio è stato “il culmine di un tentativo di colpo di stato, un tentativo sfacciato di rovesciare il governo”.

“Donald Trump era al centro di questa trama”, ha continuato Thompson. La violenza non è stata casuale”. Liz Cheney ha detto che il presidente uscente “ha chiamato la folla, ha radunato la folla e ha acceso la torcia di questo attacco”.

Il procuratore generale di Trump definisce i suoi commenti “sciocchezze”

L’ex procuratore generale degli Stati Uniti William Barr ha definito “sciocchezze” le accuse di Trump di brogli elettorali. Alla prima udienza pubblica della commissione che indaga sull’attacco al Campidoglio del 6 gennaio 2021, giovedì sera è stata mostrata una registrazione video di un’intervista con Barr.

Qui troverai i contenuti di Twitter

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

In esso, l’ex procuratore generale ha affermato di aver avuto diverse conversazioni con Trump sulla questione dopo le elezioni presidenziali del novembre 2020: “Ho chiarito che non sono d’accordo con le accuse secondo cui le elezioni sono state rubate e che la diffusione di questi le cose che ho detto al presidente erano una sciocchezza”.

READ  La nave arriva al porto e la merce brucia

Barr ha detto di aver ripetutamente detto al presidente senza mezzi termini che non vede prove di frode elettorale. Anche dopo un anno e mezzo, non vede nulla che possa fargli cambiare idea. Ha descritto accuse di questo tipo come “folle”.

Ivanka Trump “accetta” la valutazione di Barr

Il comitato ha anche mostrato una registrazione video di un’intervista con la figlia di Trump, Ivanka. Alla domanda sui commenti di Barr, ha detto che la sua valutazione ha sicuramente avuto un impatto sulla sua prospettiva. Rispetti il ​​bar. “Così ho accettato quello che ha detto.”

Leggi anche

Fino ad oggi, Trump afferma senza prove che gli è stata negata la vittoria alle elezioni presidenziali del 2020 a causa di frodi elettorali. Per settimane ha cercato di utilizzare le tattiche più discutibili per vanificare la vittoria elettorale del democratico Joe Biden. L’opposizione al risultato elettorale è culminata nell’attacco al Campidoglio.

Il 6 gennaio 2021, i sostenitori del presidente, che sono stati respinti, hanno preso d’assalto violentemente le Camere del Parlamento a Washington, DC, uccidendo cinque persone durante i disordini, incluso un agente di polizia. Trump ha recentemente incitato i suoi sostenitori a una manifestazione per rubare la sua vittoria elettorale. La Commissione d’inchiesta del Congresso è stata costituita per indagare sui retroscena dell’attacco al Campidoglio.

Leggi anche

Il nono vertice dell'Organizzazione degli Stati americani (OAS)

Poco prima dell’inizio delle udienze pubbliche, l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha descritto le rivolte come il “più grande movimento” nella storia degli Stati Uniti. “Il 6 gennaio non è stata solo una protesta, ha rappresentato il più grande movimento nella storia del nostro paese per rendere di nuovo grande l’America”, ha detto Trump giovedì sul suo nuovo sito web, Truth Social.

READ  Reporter anti-alluvione: fare report in Cina diventa più difficile

Trump ha ripetuto le sue affermazioni, che sono state confutate da molti, “Si trattava di un’elezione truccata, rubata e di un paese che stava per andare all’inferno”.

Arrestato candidato governatore dello Stato

Poco prima dell’inizio delle udienze pubbliche, l’FBI ha arrestato il principale candidato repubblicano alla carica di governatore del Michigan. Secondo il Dipartimento di Giustizia, il politico Ryan Kelly è stato accusato di aver partecipato ai disordini dai sostenitori di Trump.

USA-CAPITOL / ARRESTI-KELLEY

La polizia ha identificato questo partecipante all’assalto alla capitale come Ryan Kelly, il candidato repubblicano a governatore del Michigan

Fonte: Reuters

Secondo l’FBI, Kelly è stato arrestato giovedì mattina nella sua casa di Allendale, nel Michigan. Il fondatore dell’American Patriot Council di estrema destra è stato accusato di essere entrato illegalmente in Campidoglio e di aver intenzionalmente danneggiato la proprietà di qualcun altro.

Secondo i documenti del tribunale, la sua partecipazione all’assalto al Campidoglio può essere provata attraverso videoclip, foto e altri contributi a Internet, nonché registrazioni audio. Ha poi chiesto alla folla di entrare in Campidoglio. In un video pubblicato dal sito web di notizie Michigan Tea, si dice che Kelly lo abbia mostrato gridare: “Dai, andiamo! Eccolo! Questo è un bambino di guerra!”

Kelly, divenuta famosa grazie alle proteste contro le misure Corona in Michigan, è uno dei tanti politici repubblicani in corsa per l’elezione del governatore del Michigan. Secondo un sondaggio condotto a maggio, finora ha avuto le migliori possibilità. Non è ancora chiaro come il suo arresto influirà sulla sua candidatura. Giovedì sulla sua pagina Facebook: “Detenuto politico”.