Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Commercio di rifiuti: la Tunisia rispedisce i rifiuti in Italia

I rifiuti provenienti dalla Tunisia, importati illegalmente dall’Italia entro il 2020, iniziano questo sabato per tornare nel Paese di nascita.

Il ministero dell’Ambiente tunisino ha dichiarato l’11 febbraio che era già stato firmato un accordo tra i due paesi.

Di conseguenza, 213 dei 282 container contenenti rifiuti domestici attualmente stoccati nel porto di Suez saranno riesportati nel porto italiano di Salerno.

Il caso ha fatto notizia dopo che un rapporto investigativo andato in onda su una televisione privata ha rivelato che i contenitori contenevano rifiuti falsi che non potevano essere importati in Tunisia. Di conseguenza, anche la società tunisina “Soreplast” e la società italiana “SRA Compania” hanno accettato di inviare 120.000 tonnellate di rifiuti in Tunisia.

Beshir Yahya, un membro senior dell’Agenzia nazionale tunisina per il riciclaggio dei rifiuti (ANGED), ha dichiarato: “L’importazione di questi rifiuti è avvenuta senza l’approvazione ufficiale”.

I documenti ufficiali della società tunisina importatrice “Soreplast” affermavano che i rifiuti di plastica erano destinati al riciclaggio industriale. Lo schema casuale delle dogane tunisine ha rivelato che si trattava in realtà di rifiuti domestici.

È classificato come “pericoloso” e non può essere importato in paesi in cui non può essere smaltito correttamente, inclusa la Tunisia.

Il pubblico tunisino ha ripetutamente protestato e messo in guardia sui pericoli posti dai residui di importazione in Tunisia.

READ  Programma fatto! Chi rappresenta la Germania nell'ESC in Italia?