Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Come riconosco la setticemia?

  1. Pagina iniziale
  2. Germania

creatura:

a: Bjarne Komnik

La sepsi è la terza causa di morte più comune in Germania e la più comune dopo il coronavirus e l’influenza. Molte condizioni sono prevenibili.

Berlino – La sepsi, nota anche come setticemia, è una malattia insidiosa. Secondo l’iniziativa “La Germania riconosce la sepsi”, nella sola Germania muoiono ogni anno 75.000 persone. Questo lo rende la terza principale causa di morte. Ci sono più di 11 milioni di morti per sepsi ogni anno in tutto il mondo. Molte delle situazioni sono prevenibili, descrive l’iniziativa. solo dentro Germania Almeno 20.000 decessi potrebbero essere prevenuti se individuati precocemente. specialmente in Malattie influenzali e corona La tossiemia gioca un ruolo importante.

Setticemia e malattia coronarica: il 90% dei decessi è dovuto a sepsi

La sepsi spiega la relazione tra aura E sepsi: “Secondo una recente revisione, che comprendeva più di 150 studi sul Covid-19, circa un terzo di tutti i pazienti ricoverati con Covid-19 soddisfaceva i criteri per la sepsi”. Circa l’80% dei pazienti in terapia intensiva svilupperà la sepsi.

Dolori muscolari, mal di testa, affaticamento e mancanza di respiro: molti dei sintomi dell’infezione sono simili a quelli del Long Covid. (immagine iconica) © Oliver Killig / dpa

Conrad Reinhart, MD, un medico di terapia intensiva e presidente della Sepsis Foundation, ha spiegato il contrario concentrazione“Una diagnosi precoce e un intervento più rapido possono prevenire molti decessi e molti gravi effetti a lungo termine, per i pazienti il ​​tempo stringe incredibilmente velocemente”, afferma Reinhart. Secondo questo, circa il 90 percento di tutti i decessi di Covid alla fine è morto di sepsi.

I sintomi di Long Covid e post-sepsi sono quasi identici

Inoltre, secondo l’istituzione Lungo covid La sindrome post-sepsi, ovvero le conseguenze a lungo termine della malattia in termini di tipologia e recidiva, è sostanzialmente identica, e può manifestarsi con analoga frequenza anche nei decorsi più lievi della malattia senza trattamento di terapia intensiva.

READ  Le persone anziane dovrebbero anche proteggersi da un'altra malattia respiratoria

Entrambi includono “disturbi come affaticamento e stanchezza, mancanza di respiro persistente durante lo sforzo, respiro affannoso, debolezza cardiaca e difficoltà cognitive come problemi di memoria e concentrazione, disturbi del sonno, sintomi di disturbo da stress post-traumatico, dolori muscolari e mal di testa”.

Medico di terapia intensiva: le infezioni “anche innocue” possono sfociare in sepsi

In linea di principio, qualsiasi infezione può sfociare in una sepsi fatale, “anche quelle che all’inizio sembrano innocue”, afferma Reinhart. In quattro casi su dieci, la sepsi era dovuta a polmonite, solo nel nove percento di tutti i casi a infezione della ferita. I sintomi della sepsi sono spesso riconosciuti troppo tardi perché sono associati a sintomi simil-influenzali. Questi includono febbre, brividi, tosse, difficoltà respiratorie e malessere.

Tuttavia, la sepsi non deve necessariamente essere accompagnata da febbre. Di conseguenza, l’ipotermia può verificarsi come uno dei sintomi. I segni di ciò sono respirazione pesante e rapida, più di 20 respiri al minuto o quando la pressione sanguigna è bassa. Altri segni di sepsi sono quando il paziente appare improvvisamente confuso o apatico. “Se uno di questi segni è associato a un’infezione, il numero di emergenza 112 dovrebbe essere avvisato immediatamente”, afferma Reinhardt.

Nella sepsi, il sistema immunitario è “iperattivo”

Ma come si sviluppa la sepsi? “Se batteri, virus, funghi o parassiti causano un’infezione locale, il nostro sistema immunitario di solito riesce a contenerli direttamente al centro dell’infiammazione”, spiega Sepsis. L’infezione ha un decorso limitato che può essere controllato con adeguate misure terapeutiche.

Tuttavia, nella sepsi, i patogeni superano questa limitazione locale e penetrano nel flusso sanguigno. Questo innesca una reazione infiammatoria generalizzata in tutto il corpo, che attiva tutti i sistemi di difesa attraverso una reazione a catena. Quindi il sistema immunitario è iperattivo.” Questo non solo attaccherà gli agenti patogeni, ma anche le cellule sane del corpo come danno collaterale.

READ  L'astronomo dilettante della Franconia parla delle conseguenze di una collisione di asteroidi

Sepsi: la setticemia porta a insufficienza multiorgano

“Se un antibiotico efficace non viene somministrato rapidamente o, ad esempio, nel caso di un’infezione virale, si sviluppa un farmaco efficace contro quel patogeno, si sviluppano insufficienza multiorgano e shock settico, in cui l’apporto di sangue e ossigeno viene interrotto agli organi vitali man mano che vengono colpiti e questi smettono di funzionare.”, secondo l’istituzione.