Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Come funziona al-Qaeda in Italia?

Come funziona al-Qaeda in Italia?

Ispezione Ferrovie dello Stato di Roma

Nessuno entra nella sede aziendale senza un test della febbre e una verifica 3G.

(Foto: AP)

rom Le porte girevoli davanti a Villa Patrezi sono chiuse. Tutti i dipendenti delle Ferrovie dello Stato che desiderano entrare nell’edificio orlato di palme a Roma nord devono passare attraverso l’adiacente ingresso visitatori. Qui è necessario indossare la mascherina e alle pareti sono appesi dispenser di disinfettante.

Se vuoi andare in ufficio, devi superare due guardie giurate che sono disposte accanto ai pali grigi di controllo: in alto si misura la febbre, in basso si scansiona il QR code. Solo quando sullo schermo appare il segno di spunta verde, puoi procedere al sito.

Dal 15 ottobre è in vigore nel mondo del lavoro italiano un rigido regolamento di terza generazione: solo chi è stato vaccinato, guarito o appena sottoposto a test può entrare al lavoro. Chi non ha con sé un “Green Pass”, che sia sullo smartphone o sulla carta stampata, resta all’estero e viene licenziato senza stipendio. Il regolamento si applica in tutto il paese, alle grandi aziende come alle piccole imprese.

Mentre la Germania sta ancora discutendo se ciò abbia senso, il sistema è in funzione in Italia da quattro settimane. E così molto agevolmente.

I migliori lavori di oggi

Trova subito i migliori lavori e
Sei avvisato via e-mail.

Il governo di Mario Draghi ha voluto utilizzare il provvedimento per aumentare il tasso di vaccinazione. Abbiamo lavorato: a partire da giovedì, quasi l’84% della popolazione di età superiore ai 12 anni era completamente vaccinata. Più dell’86 percento aveva almeno una dose.

Disegno

Dalla decisione di settembre, il numero di dosi assunte settimanalmente è rimasto stabile sopra il milione. D’altra parte, il numero di test Covid è aumentato notevolmente ed è stato compreso tra 400.000 e 500.000 al giorno quasi costantemente da metà ottobre. Da giugno ad agosto, i test si sono stabilizzati a circa 200.000 al giorno.

“Penso che la regolamentazione di terza generazione sia buona perché nessuno è escluso”, afferma Joachim Bernauer, direttore del Goethe-Institut di Roma. Vuole evitare a tutti i costi la divisione della forza lavoro. “Anche le persone non vaccinate dovrebbero essere accolte”.

Stima che una piccola parte dei suoi 150 dipendenti in tutta Italia debba ancora essere vaccinata. Tuttavia, non è autorizzato a interrogare lo stato. “Ecco perché ognuno di noi viene controllato al mattino quando lo riceviamo tramite l’app.” Il controllo non dice se il certificato è stato ottenuto attraverso un test, una vaccinazione o un recupero. “Ci viene mostrato solo un nome e in caso di dubbio possiamo chiedere una carta d’identità”.

Ci sono solo tre hotspot in Italia

L’app VerificaC19 è utilizzata da tutti i datori di lavoro, ristoranti, musei e altri luoghi pubblici dove il Green Pass è obbligatorio da settembre. Chiunque può scaricare l’app gratuitamente per dare un’occhiata alle tate o al personale delle pulizie, ad esempio. La maggioranza degli italiani ha accettato le misure rigorose. Finora ci sono state solo 900 violazioni delle regole nelle aziende, con oltre 1,5 milioni di controlli da parte delle forze dell’ordine.

Il successo dell’organizzazione può essere visto chiaramente nel numero di vittime. La quarta ondata è iniziata in Italia, ma in maniera meno radicale che in Germania. Giovedì, il numero di nuove infezioni segnalate era di poco inferiore a 8.000; Esattamente un anno fa si contavano più di 32.000 casi.

Disegno

La situazione negli ospedali resta invece tranquilla: attualmente sono occupati 423 posti letto di terapia intensiva, un anno fa erano poco meno di 3.000. E l’incidenza per sette giorni è leggermente aumentata, l’ultima è stata poco meno di 73. Numeri come in Baviera o Turingia sono lontani qui.

Attualmente esistono veri e propri hotspot solo nelle province di Bolzano (285), Gorizia (272) e Trieste (503). Sono tutti nel nord del paese, aree in cui i negazionisti contro i vaccini e il coronavirus sono particolarmente alti.

Disegno

A Trieste le proteste più forti sono state fin dall’inizio contro il corridoio verde nel mondo del lavoro. Inizialmente, quattro settimane fa, il personale voleva chiudere l’importante porto locale e quindi paralizzare tutta la logistica del paese, ma non ci è riuscito.

Di più: Il tasso di infezione in Germania ha raggiunto un nuovo livello. Altri paesi stanno molto meglio. Cosa possiamo imparare dall’estero?

READ  Wall Street si aspetta un calo - DAX scende - NEL ASA perde ancora - Adyen raddoppia il suo surplus semestrale - I titoli del lusso subiscono prese di profitto - Focus HELLA, NVIDIA, Cisco | newsletter