Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Aziende tedesche con buoni affari all'estero

Aziende tedesche con buoni affari all’estero

Francoforte. Sembra fantastico: il commercio estero tedesco ha fatto un altro passo avanti verso la fine dell’anno. Dopo un ottobre già forte, le esportazioni sono rimbalzate di nuovo a novembre. A prima vista, sembra che Corona non esista nemmeno. Perché lavorare con l’estero era molto più alto del livello pre-crisi. I numerosi camion sulle autostrade sono anche un indicatore di un’economia in forte espansione. Ma a un esame più attento, ci sono aspetti negativi da vedere.

Prima di tutto, la cifra più importante: secondo i calcoli dell’Ufficio federale di statistica (Destatis), le aziende tedesche hanno esportato merci per quasi 126 miliardi di euro a novembre, il dodici percento in più rispetto all’anno precedente. Le società hanno consegnato un importo superiore alla media in altri paesi dell’UE e negli Stati Uniti. Ciò che rende l’Associazione per il commercio estero e all’ingrosso di BGA non lesinare sull’auto-elogio: i buoni valori si basano sulla “qualità dei prodotti e sull’esperienza delle aziende tedesche nei mercati mondiali”, ha affermato il presidente di BGA Dirk Gandora.

Ci sono alcune prove che potrebbe continuare in questo modo. Destatis riferisce che a novembre sono stati ricevuti numerosi ordini dall’estero. C’è stata una crescita enorme nell’industria automobilistica in particolare, uno dei settori più forti dell’economia nazionale. C’è stato un notevole aumento non solo in termini di ordini, ma anche nella produzione di automobili. Ma il vantaggio era più forte nella categoria a cui appartengono aerei, navi e treni. Tutti questi ordini non sono altro che vendite future.

A proposito di trasporti: gli esperti di Destatis hanno registrato un aumento dell’1,4% dell’indice di chilometraggio dei camion per dicembre 2021 rispetto a novembre, anch’esso forte. L’indice si colloca leggermente al di sotto del massimo assoluto raggiunto a dicembre 2020 e anche ben al di sopra del valore dei mesi precedenti la crisi del Corona.

READ  Sparkasse elimina la funzionalità di pagamento con carta EC: non ci sono alternative

I dati vengono valutati dal sistema grafico nell’indice. Si tratta di un “indicatore precoce” e consente di rilasciare i dati attuali sullo sviluppo economico, perché, secondo Destatis, esiste una “chiara relazione tra il chilometraggio dei camion e le vendite nel settore manifatturiero”, soprattutto nei grandi Stati federali con molto di industria.

l’effetto di recupero distorce l’immagine

Purtroppo il quadro economico non è chiaro. Il presidente della BGA Jandura richiama l’attenzione sul fatto che si deve tener conto di “un certo prezzo e un certo effetto di compensazione”. Ci sono ancora alcuni sviluppi positivi per quanto riguarda la buona estate di Corona. Ricordo: all’epoca di Omikron non si parlava, spesso gli incidenti erano vicini allo zero. Le restrizioni sono state revocate. Allo stesso tempo, sono iniziati importanti programmi di ricostruzione e infrastrutture, principalmente in Europa e negli Stati Uniti.

Volker Trier, esperto di commercio estero presso la Camera di commercio e industria tedesca (DIHK), spiega che la crescita delle esportazioni è ora dovuta principalmente ai prezzi più alti piuttosto che a più merci spedite. Con l’aumento dei prezzi, gli aumenti dei prezzi di acquisto delle materie prime e dei prodotti spesso venivano semplicemente trasferiti. La linea di fondo è che non è rimasto molto con le aziende.

I marchi sono il risultato dell’aumento della domanda causata dal Covid easing e dai programmi di investimento del governo. Jandoura parla di problemi logistici, colli di bottiglia nelle consegne e alti prezzi dell’energia. Pertanto, non si può presumere che il commercio estero “si svilupperà meravigliosamente nei prossimi mesi”.

Carsten Brzeski, capo economista di ING, si esprime in questo modo: “Gli impedimenti alla consegna tengono l’industria tedesca in una morsa soffocante”. Secondo Destatis, la produzione è leggermente diminuita a dicembre. Anche perché molti ordini del settore non possono essere evasi.

I consumatori hanno risparmiato altri 180 miliardi di euro

Il vantaggio di questo: l’elaborazione delle domande viene semplicemente rinviata a un momento successivo. L’indice di capacità della domanda della Bundesbank ha il valore più alto dall’inizio delle statistiche.

Inoltre, la società di ricerche di mercato IHS Markit ha scoperto che le catene di approvvigionamento stanno diventando di nuovo più stabili e le pressioni sui prezzi si stanno allentando in Europa, come appena confermato dal presidente della Banca centrale francese Francois Villeroy. Inoltre, l’Istituto Ifo ha riferito venerdì che, secondo un sondaggio, la carenza di materiali nel settore delle costruzioni, che lo ha gravemente colpito, è diminuita. Soprattutto con il legno e l’acciaio, c’è una sorta di “rilassamento”.

E poi, oltre all’export, c’è anche il consumo privato come secondo importante pilastro dell’economia. L’istituto di ricerca economica sindacale IMK stima che i tedeschi risparmieranno altri 180 miliardi di euro nel 2020 e nel 2021. Enorme potere d’acquisto. Per il direttore di IMK Sebastian Dollian, le “componenti classiche di un business forte 2022” ci sono.