Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Come combattono gli sposi russi: il loro amore è più forte della guerra | Politica

a: Bjorn Stritzl, Dmytro Zrebelny e Lars Berg (foto), attualmente Cherson

CHERSON FREE – Dopo nove mesi di occupazione russa, la bandiera ucraina torna a sventolare sulla città nel sud del Paese. Sotto la pressione dell’esercito ucraino, gli invasori russi dovettero ritirarsi da Kherson.

La coppia d’avanguardia ha anche aiutato nella lotta per la liberazione: “Demon”, il comandante di un lanciarazzi e sua moglie Tatiana. Bild am Sonntag ha incontrato entrambi il giorno prima della liberazione, quando le forze russe stavano ancora assicurando il ritiro.

“Sono nell’esercito dal 2020”, dice Tatiana. Nella vita civile, ha lavorato come medico, quindi si è arruolata nell’esercito per aiutare i soldati che stavano già combattendo gli invasori russi nell’est del paese.

Gli sposi demone e Tatiana

Foto: Lars Berg

“Inizialmente mia madre era contraria al mio ingresso nell’esercito”, dice Tatjana. Ha nascosto il lavoro per circa sei mesi, ma una sera è tornata a casa in uniforme. “Non sapevo che mia madre fosse lì, mi ha visto e poi è uscita”.

Poco tempo dopo, Tatjana fu assegnato a un’unità lanciarazzi. “Avevamo bisogno di un paramedico”, dice il comandante Shaitan. Entrambi dicono che è stato amore a prima vista. “Sono rimasto sbalordito da quanto fosse coraggiosa”, dice Damon.

Solo tre giorni di riposo: il matrimonio è avvenuto spontaneamente

Solo tre giorni di riposo: il matrimonio è avvenuto spontaneamente

Foto: Lars Berg

Quando l’esercito russo ha invaso tutta l’Ucraina a febbraio, i due sono stati brevemente separati. Tatiana deve aiutare i feriti che stanno cercando di fermare l’avanzata russa nel sud. “E ‘stato un momento molto difficile perché ci siamo lasciati e non sapevo come fosse”, dice Tatjana.

Poche settimane dopo, Tatjana era di nuovo nell’unità – e il suo allora fidanzato. “La maggior parte dell’unità ha notato qualcosa, ma a un certo punto abbiamo deciso di annunciarlo ufficialmente”, afferma Tatjana.

A settembre, dopo il successo dell’attacco a Kharkiv, la coppia si è presa una vacanza di tre giorni. “Ci siamo presi del tempo e ci siamo sposati, è stato tutto abbastanza spontaneo. Fortunatamente abbiamo trovato un fotografo”, ride Tatjana.

L'amore in tempo di guerra: una sposa di settembre

L’amore in tempo di guerra: una sposa di settembre

Foto: Lars Berg

Entrambi sono ora tornati con la loro unità nella lotta contro gli invasori russi: dietro la coppia c’è un lanciamissili BM-21 Grad su un camion Ural-375D. Il lanciatore può prendere 40 missili e lanciarli in pochi secondi e coprire un’ampia area, l’ideale per i paesaggi piatti e simili a steppe di Kherson.

Tuttavia: l’espulsore potrebbe anche essere rilevato in modo relativamente semplice e potrebbe verificarsi un contrattacco russo in qualsiasi momento. Ecco perché Tatiana va con loro in modo che possano prendersi rapidamente cura dei soldati – compreso suo marito – in caso di emergenza. “È bello sapere che è qui e si prende cura di lei”, dice Damon.

Quindi si tratta di uscire: l’equipaggio salta sul camion, Crowns nella sua macchina e corrono insieme dal bunker della giungla al luogo. Le coordinate del bersaglio vengono trasmesse via radio, poi si dice: Spara!

I missili Grad vengono lanciati a brevi intervalli, dopo pochi secondi è tutto finito. Le auto sono di nuovo a posto, sotto gli alberi e con una rete mimetica un lanciatore Grad è pronto per la prossima missione.

Lanciarazzi multipli ucraini sparano contro posizioni russe

Lanciarazzi multipli ucraini sparano contro posizioni russe

Foto: Lars Berg

Città di Cherson

La grande città (poco meno di 280.000 abitanti) famosa per i suoi cocomeri fu occupata all’inizio della conquista russa. La popolazione occupata ha resistito con manifestazioni in cui è stata sventolata la bandiera ucraina, ma ha risposto con violenza brutale: rapimenti, torture e uccisioni erano all’ordine del giorno.

La gioia per il ritiro degli invasori fu ancora più grande: ancor prima che l’esercito ucraino raggiungesse il centro della città, la popolazione issò nella piazza centrale le bandiere dell’Ucraina e dell’Unione Europea – e sembrava che nascondessero queste bandiere agli occupanti russi a a proprio rischio. le loro vite.

Foto: COSTRUISCI

Il pericolo più grande ora sono le mine, dicono i commando “Phoenix” a BILD. Lui ei suoi compagni hanno appena catturato un carro armato russo T-90A.

“L’abbiamo attaccato con due missili, possiamo vedere come si stava ritirando l’equipaggio, ma siamo riusciti a metterlo al sicuro solo ora”. Ma mentre si avvicinano al carro armato principale, scoprono un’eredità nel tempo: – una mina personale.

“I russi hanno lasciato mine dappertutto qui”, dice Phoenix. I minatori ucraini hanno ancora molto da fare.

Questo articolo è di BILD am SONNTAG. L’intera edizione e-paper è disponibile qui.

Mappa: Modifica Kherson - Diagramma
READ  Il procuratore generale annuncia che l'Iran sta sciogliendo la polizia morale e formando una "commissione investigativa"