Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Combattimento Corona: la Francia vieta di ordinare un nuovo vaccino dall’Unione Europea

Paesi esteri Combatti Corona

La Francia impedisce un nuovo ordine di vaccini dall’Unione europea

Il presidente Emmanuel Macron è sotto pressione a causa della mancata approvazione del vaccino Corona francese

Il presidente Emmanuel Macron è sotto pressione a causa della mancata approvazione del vaccino Corona francese

Cosa: AP

L’Unione Europea sta negoziando con Biontech per fornire fino a 1,8 miliardi di dosi di vaccino. Si tratta di futuri rinfreschi e vaccinazioni per i bambini. Il contratto è pronto per essere firmato sul tavolo. Ma Bruxelles può essere di nuovo in ritardo.

eLa campagna di vaccinazione COVID-19 ha subito un’accelerazione in Europa, ma ci sono segnali che la pandemia occuperà gli europei per mesi, se non anni. Poiché i paesi poveri vaccinano più lentamente, è probabile che nei prossimi mesi si formino mutazioni aggressive e nuove varianti del Coronavirus. Quindi Stati Uniti, Regno Unito e Israele hanno già richiesto vaccini di richiamo.

La Commissione dell’Unione Europea ha anche negoziato oltre 900 milioni di dosi per bambini e adolescenti e vaccini di richiamo con il produttore Biontech / Pfizer. Le lattine saranno consegnate da dicembre 2021 a 2023; Inoltre, l’Unione Europea si è assicurata un’opzione per l’acquisto di altre 900 valigie. WELT Report per la prima volta sui negoziati.

Il governo federale ha riferito questa settimana che il contratto è stato completamente negoziato. Secondo la commissione, il trasferimento formale del contratto agli Stati membri è imminente, secondo una lettera indirizzata alla commissione per i bilanci.

Leggi anche

La procedura è predeterminata: la commissione negozia con il costruttore e la riunione settimanale dei 27 commissari approva il contratto negoziato. La commissione passa quindi il contratto ai rappresentanti degli Stati membri del comitato direttivo per gli ordini di vaccini. Le capitali nazionali hanno quindi cinque giorni per decidere se accettare o ritirare la designazione.

Le capitali si stanno già preparando per l’approvazione: il ministero federale della Salute ha già richiesto alla commissione bilancio i fondi corrispondenti. Ma il comitato direttivo di Bruxelles attende da una settimana il contratto definitivo negoziato. Avrebbe dovuto essere presentato il 30 aprile, ma Sandra Galina, rappresentante del comitato, sembrava a mani vuote.

Il direttore generale della Direzione generale della sanità non ha nascosto la sua rabbia, affermano diplomatici che hanno familiarità con i contenuti dell’incontro. L’organo dei commissari dell’UE non ha approvato il contratto nella sua riunione settimanale: l’approvazione unanime è un prerequisito per la firma e il deferimento agli Stati membri.

Leggi anche

Dal 19 maggio è prevista la riapertura in Francia di musei, cinema, caffè all'aperto e ristoranti, con un numero limitato di visitatori.

Il commissario francese per il mercato interno Thierry Breton, che sta promuovendo l’espansione della capacità di produzione di vaccini nell’Unione europea, ha espresso preoccupazione durante la riunione, quindi non è stato unanime ottenere l’approvazione. I servizi della Commissione non vogliono confermare questa rappresentanza su richiesta.

Sempre nuove preoccupazioni

Il ritardo, tuttavia, rientra nel quadro: diverse persone hanno confermato a WELT che il rappresentante francese del comitato direttivo per l’ordine dei vaccini aveva anche ritardato di qualche tempo il processo decisionale – apparentemente apposta: con preoccupazioni assolutamente nuove, domande tecniche e richieste di una precisazione. C’è infatti un paese nell’organismo che non ha ancora indicato la sua approvazione del trattato e sta causando ritardi, secondo la commissione.

I governi dell’Unione europea ora temono che l’Europa rimarrà indietro a causa del blocco francese. “Sarà un disastro per la Francia”, ha detto un diplomatico.

Leggi anche

Le unità di terapia intensiva sono sovraffollate e il tasso di mortalità è più alto che in Germania.  Tuttavia, ci sono gruppi che rifiutano le vaccinazioni contro Corona.  Il tasso di vaccinazione è corrispondentemente basso

Altri governi e addetti ai lavori possono solo speculare sulle motivazioni della Francia. È chiaro che l’Elysee Palace vuole garantire ulteriori vantaggi per la Francia. Sembra che Parigi stia cercando di portare la capacità di produzione del vaccino Biontech in Francia e di integrare più da vicino le aziende francesi nella produzione, secondo un diplomatico dell’UE.

Non esiste ancora un vaccino dalla Francia

I dipartimenti del comitato affermano anche che la Francia non è attualmente coinvolta nella produzione del vaccino mRNA orientato al futuro. Biontech / Pfizer sta attualmente producendo il vaccino mRNA di successo in Belgio e in due sedi in Germania. L’azienda americana Moderna produce vaccini a mRNA in Svizzera e Spagna, anche se in quantità molto minori.

Il governo francese è sotto pressione perché da settimane si discute sul motivo per cui i produttori nazionali non sono ancora riusciti a sviluppare e vendere vaccini.

Leggi anche

Carenza di vaccini in Canada

L’Istituto Pasteur ha abbandonato il suo vaccino, non ci si può aspettare l’approvazione di Sanofi in Europa e il produttore francese Valneva, il cui vaccino può essere approvato in autunno, ha interrotto le trattative con la Commissione dell’Unione Europea su un ordine perché l’autorità non vuole ancora l’accesso . Valneva ha annunciato in aprile che si sarebbe ora negoziato separatamente con i singoli paesi dell’Unione europea.

Il gioco dei commenti sul lato delle commissioni è in ritardo. Anche questa settimana il Collegio dei Commissari potrebbe votare il Trattato mercoledì; Questa settimana, inoltre, non c’è stata alcuna decisione, è stato detto dalla Direzione generale della sanità e dai dipartimenti dell’UNHCR. Alla riunione di venerdì, il comitato direttivo dovrebbe continuare ad aspettare il giornale.

READ  La Russia pubblica la lista: Stati Uniti e Repubblica Ceca sono "stati nemici"