Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Combatti per Disi Mission City: l’esercito etiope si ritira dai ribelli

Combatti per l’importante città dessie
L’esercito etiope si ritira dai ribelli

In Etiopia sono in corso i ribelli della regione del Tigray. Ora i ribelli stanno segnalando la cattura della città di Desi, strategicamente importante. Il governo centrale nega e parla solo di un ritiro tattico delle sue forze.

Secondo le informazioni ufficiali, le forze governative etiopi hanno deciso di ritirarsi tatticamente da parti della città assediata di Disi per evitare vittime civili. Il Fronte di Liberazione del Popolo del Tigray ha annunciato il giorno prima di aver portato la città nella regione di Amhara sotto il suo controllo. Il governo centrale lo ha negato.

Il portavoce del governo Legis Tulu ha annunciato che ci sono ancora pesanti combattimenti a Disi e nei dintorni e nella vicina città di Kombolcha. Alla luce delle comunicazioni telefoniche e internet in gran parte bloccate, inizialmente non c’erano informazioni indipendenti. Le due città sono strategicamente importanti. Si trova su una delle principali arterie che portano alla capitale, Addis Abeba, a circa 400 km a sud.

Dopo che le forze governative hanno annunciato il loro ritiro, la regione colpita di Amhara ha dichiarato di fatto lo stato di emergenza. Con poche eccezioni, tutte le istituzioni governative devono sostenere lo sforzo bellico d’ora in poi, come è stato detto in un “appello urgente all’azione” quella sera. Tutti i veicoli vengono catturati per l’esercito; Le forze di sicurezza possono agire espressamente contro chiunque ostacoli lo sforzo bellico. Inoltre, tutte le attività nei comuni sono vietate dopo le 20, secondo quanto annunciato dal Consiglio di Stato nella regione di Amhara.

Washington chiede un cessate il fuoco immediato

Già sabato il governo Usa aveva risposto alle prime notizie del caso Disi invitando le due parti ad avviare subito i negoziati per un cessate il fuoco senza precondizioni. Inoltre, il TPLF dovrebbe ritirarsi dalle regioni dell’Afar e dell’Amhara al confine con il Tigray ed evitare il bombardamento dell’artiglieria sulle città. Sabato, il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price ha affermato che non esiste una soluzione militare al conflitto.

Il conflitto militare è iniziato circa un anno fa, quando il Primo Ministro Abiy Ahmed ha iniziato a rovesciare il Fronte di Liberazione del Tigray che era al potere nella regione del Tigray. Ha controllato l’Etiopia per ben 25 anni fino a quando Abiy è salito al potere nel 2018. Molte persone nel Tigray sentono di non essere rappresentate dal governo centrale e chiedono più autonomia.

Dall’inizio di agosto il conflitto si è esteso alle regioni limitrofe di Afar e Amhara. Gli scontri hanno portato a una grave crisi umanitaria nel nord del Paese. Ci sono anche crescenti appelli sui social media che chiedono l’esclusione dei tigrini dalla vita pubblica in Etiopia. Tolo ha invitato il pubblico nella sua dichiarazione di oggi a rintracciare e isolare i “traditori” non specificati.

READ  20 piani bruciati: un incendio in uno dei grattacieli di Milano